Lo stabilimento di auto Renault a Mosca è stato nazionalizzato

Le attività russe del Gruppo Renault vengono trasferite alla proprietà statale della Federazione Russa. Lo ha riferito il Ministero dell’Industria e del Commercio della Russia.

Le azioni di AvtoVAZ saranno trasferite al Scientific Research Automobile and Automotive Institute ( NAMI ) subordinato al Ministero dell’Industria e del Commercio. Lo stabilimento Renault Russia alle autorità di Mosca.

La società francese Renault, che ha sospeso le sue attività in Russia a causa delle sanzioni, ha deciso di trasferire la sua quota al demanio russo.

Uno dei termini dell’accordo è la possibilità di riacquistare la quota di Renault in AvtoVAZ nei prossimi 6 anni, ha osservato il Ministero dell’Industria e del Commercio della Federazione Russa.

Il 100% delle azioni di CJSC Renault Russia sarà di proprietà del governo di Mosca, il 67,69% delle azioni della società automobilistica AvtoVAZ diventerà di proprietà della Federazione Russa rappresentata da FSUE NAMI e le restanti azioni della casa automobilistica verranno mantenute da Rostec.

L

La Renault ha definito la decisione di vendere: “.. difficile ma necessaria e stiamo facendo scelte responsabili per i nostri 45.000 dipendenti in Russia, mantenendo l’efficacia del gruppo e la nostra capacità di tornare nel Paese in futuro”, ha affermato Luca de Meo , CEO del Gruppo Renault .

Lo stabilimento si occuperà anche della manutenzione dei veicoli e produrrà anche veicoli elettrici.

Sergej Semënovič Sobjanin  il sindaco di Mosca ha affermato: “Il proprietario straniero ha deciso di chiudere lo stabilimento Renault di Mosca. Questo è un suo diritto, ma non possiamo permettere che le molte migliaia di dipendenti rimangano senza lavoro. Pertanto, ho deciso di portare lo stabilimento negli asset della città e riprendere l’attività di produzione automobili con lo storico marchio Moskvich. KamAZ diventerà il principale partner tecnologico del rinnovato stabilimento automobilistico di Mosca Moskvich. Moskvich costruirà in futuro veicoli elettrici”.

La decisione dell’ufficio del sindaco di Mosca consentirà non solo di supportare le molte migliaia di dipendenti dello stabilimento Renault, ma anche di migliorare la situazione del mercato automobilistico nazionale. Molte case automobilistiche straniere hanno annunciato una riduzione delle attività nel mercato russo, la sospensione della produzione o della fornitura di veicoli e componenti. Tra questi ci sono Mercedes-Benz, BMW, Volkswagen, Porsche, Audi, Skoda.

Il sindaco di Mosca è fiducioso che la partenza della Renault sia un’apertura per la produzione nazionale, così come in altre aree in cui oggi viene effettuata la sostituzione attiva delle importazioni. Era praticamente impossibile rimuovere le auto straniere dalle posizioni che avevano già occupato, indipendentemente dalla qualità del prodotto russo.

Lo stabilimento automobilistico sulla strada di Mosca Prospettiva Volgogradsky quasi cento anni fa iniziò con la produzione di automobili Ford. Per decenni qui vennero prodotti i leggendari ‘moscoviti’ e dal 1998 lo stabilimento collabora con Renault e Logan, mentre Dusters e Sanderos sono usciti dalla catena di montaggio.e dal 1998 lo stabilimento collabora con Renault e Logan, Dusters e Sanderos sono usciti dalla catena di montaggio.

L’industria automobilistica è un ramo importante nella capitale russa, dove esistono sei grandi e medie imprese: produttori di automobili e componenti per auto, che danno lavoro a 9.600mila persone.  Secondo i risultati della pre-pandemia 2019, il volume totale delle merci vendute dalle imprese dell’industria automobilistica di Mosca ha superato i 2 miliardi di euro.

****

VP News tramite fonti agenzia ufficiale russa Tass (https://tass-ru.turbopages.org/tass.ru/s/ekonomika/14631493)

Exit mobile version