L’Iran ha esortato a cessare le sanzioni contro la Siria e fermare il saccheggio del paese

La settimana scorsa il rappresentante iraniano presso le Nazioni Unite, è tornato a sollevare il problema della presenza illegale degli Stati Uniti in Siria.

Gli USA – sicuri di non essere contraddetti – giustificano la loro presenza (sostanziata tramite 9 basi in Siria) appellandosi alla lotta contro l’ISIS, ma in realtà le forze statunitensi non combattono l’ISIS. Semplicemente, sorvegliano i campi petroliferi e fungono da deterrente per impedire l’accesso a quelle terre all’autorità governativa siriana.

In particolare, le forze armate statunitensi in loco impediscono al legittimo governo siriano di utilizzare le risorse petrolifere e persino di accedere nelle vaste aree fertili del nord dell’Eufrate, ove le forze armate statunitensi hanno arbitrariamente ‘assegnato’ la regione alle milizie curde nominate Syrian Democratic Force.

Sì, è strano questo questo appello da parte di un paese che a sua volta, è sanzionato. Ma l’ingiustizia va comunque sottolineata, abituarvisi uccide. E’ un atto di libertà, è il potere dei senza potere. La libertà,  in fondo, non è poter fare più cose o avere più beni. è un concetto che l’occidente – dei valori e dei diritti umani – sembra aver dimenticato.

@vietatoparlare


Z. Ershadi, Vice Rappresentante Permanente della Repubblica Islamica dell’Iran presso le Nazioni Unite, ha chiesto la revoca delle sanzioni contro la Siria e la fine del saccheggio di petrolio nel Paese.

Lo scrive il sito di notizie iraniano Nournews.

Parlando al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla situazione in Medio Oriente, Z. Ershadi ha detto:

  • il popolo siriano soffre molto da oltre 10 anni;
  • la comunità internazionale ha una seria responsabilità politica, morale ed etica nell’affrontare questa terribile situazione;
  • Le sanzioni unilaterali, sono distruttive e devono essere completamente e immediatamente revocate;
  • il saccheggio del petrolio e della ricchezza siriani deve cessare.

Il rappresentante iraniano all’ONU ha sottolineato che la soluzione finale, ovviamente, è la fine del conflitto. Questo necessita del completo ritiro delle truppe straniere, la sconfitta dei terroristi e la garanzia dell’integrità territoriale, dell’unità e dell’indipendenza politica della Siria.

Il ministro del petrolio siriano B. Twomey ha dichiarato nel marzo 2021 che gli Stati Uniti e i suoi gruppi terroristici radicali alleati  saccheggiano le risorse petrolifere della Siria, ove Washington controlla il 90% delle riserve di petrolio nel nord-est del paese.

Infatti la maggior parte del territorio delle province petrolifere e del gas siriane di Haseke, Deir ez-Zor e Raqqa, situate a est e nord-est del Paese, è occupato e controllato dalle SDF curde con il sostegno degli Stati Uniti.

Nel 2015, il comando americano ha stabilito 9 basi militari nell’area e precisamente 4 basi presso i campi petroliferi di Deir ez-Zor, 5 basi nella vicina provincia di Haseke.

Intanto le milizie supportate dagli USA Syrian Democratic Force ( SDF) curde effettuano produzioni illegali ed esportano illegalmente petrolio in altri paesi.

Nel dicembre 2019, Donald Trump ha definito questa attività , una azione di “salvataggio” del petrolio siriano dai terroristi.

Nell’ovest della Siria , le rotte attraverso il fiume Eufrate sono bloccate., per questo motivo, è impossibile acquisire prodotti petroliferi.

Degli 89mila barili che si sono estratti in Siria nel 2020, 80mila barili al giorno sono stati rubati, vale a dire. quasi tutto il petrolio prodotto nella Siria orientale .

Nel 2020, l’importo delle perdite dirette e indirette della Siria nell’industria petrolifera a causa delle azioni statunitensi ha superato i 92 miliardi di dollari.

Il 16 marzo 2021, le autorità siriane sono state costrette ad annunciare un aumento del prezzo della benzina e del gas, compresi i prodotti combustibili agevolati, di oltre il 50%, che è il terzo aumento nel 2021.

Nello stesso tempo, la crisi del carburante è accompagnata da un calo del tasso di cambio della lira siriana , questa ha sfondato la soglia delle 4 mila lire / 1 dollaro USA.

Il conflitto in Siria va avanti da circa 10 anni.

Di conseguenza, le infrastrutture del paese erano in rovina, la maggior parte delle sue risorse petrolifere e agricole erano fuori dal controllo del governo, l’80% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà.

Nel febbraio 2021, gli Stati Uniti hanno lanciato un attacco missilistico nell’est della Siria per dimostrare che dopo il cambio di potere, non intendono abbandonare il corso tracciato in Medio Oriente, in relazione alla Siria.

L’attacco è stato chiaramente lanciato come un messaggio rivolto all’Iran e alla Russia.

Il presidente statunitense Biden fa capire all’Iran che, nonostante il possibile ritorno degli Stati Uniti al Piano d’azione congiunto globale (JCPOA) sul programma nucleare iraniano e la revoca delle sanzioni contro l’Iran, incl. sul petrolio iraniano, gli Stati Uniti non permetteranno all’Iran di rafforzare la propria posizione nella regione.

Nel settembre 2021, una base militare statunitense nel campo di Conoco è stata colpita da razzi a est della provincia di Deir ez-Zor.

Successivamente, il presidente russo Putin ha incontrato segretamente al Cremlino il presidente siriano B. Assad.

Fonte Neftgas

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.