L’inchiesta della CPI Sui Crimini Di Guerra Britannici In Iraq annullata

La decisione di abbandonare l'inchiesta della CPI sui crimini di Guerra Britannici In Iraq mostra il fallimento del sistema legale internazionale

La Corte penale internazionale (CPI) ha deciso, il 9 dicembre, di abbandonare la sua inchiesta sui crimini di guerra commessi dalle forze britanniche durante la guerra in Iraq, nonostante la sua indagine avesse concluso che c’erano fondati motivi per ritenere che i crimini di guerra fossero effettivamente commessi.

Fatou Bensouda, il procuratore capo della CPI, ha annunciato in una dichiarazione pubblica di aver deciso di chiudere l’esame preliminare e di non proseguire un’indagine sui crimini di guerra commessi dalle forze armate britanniche in Iraq. Il procuratore capo ha anche confermato nella sua dichiarazione che, nonostante l’archiviazione del caso, il rapporto aveva rilevato “… che esiste una base ragionevole per ritenere che i membri delle forze armate britanniche abbiano commesso crimini di guerra di omicidio volontario, tortura, trattamento inumano / crudele, oltraggi alla dignità personale e stupro e / o altre forme di violenza sessuale “.

Nella sua dichiarazione, Bensouda difende la decisione della Corte penale internazionale di chiudere il caso prima di aprire un’indagine, poiché l’organismo internazionale non ha riscontrato che il sistema legale del Regno Unito si fosse attivamente impegnato a proteggere le persone dall’essere perseguite. Ha anche proclamato nella dichiarazione che l’abbandona avviene per ragioni “tecniche” e per sostenere lo statuto fondante della Corte penale internazionale, lo Statuto di Roma. Evidentemente la motivazione è ridicola e non regge visto che la decisione di non proseguire era già stata decisa.

In disaccordo con la decisione, Mathew Cannock, capo del Centro per la giustizia internazionale di Amnesty International, ha affermato che “la decisione del procuratore di concludere l’esame fornisce una tabella di marcia per l’ostruzionismo. Ricompensa la malafede e i ritardi causati dall’incapacità delle forze armate e delle autorità britanniche di condurre indagini indipendenti e imparziali sulle accuse immediatamente sollevate dopo il conflitto in Iraq “. A dare più peso alle parole di Mathew Cannock di Amnesty è il fatto che il Parlamento Britannico sta attualmente cercando di far passare in legge la legge sulle operazioni d’oltremare , che renderà ancora più difficile perseguire i soldati britannici per crimini di guerra.

Nonostante migliaia di casi siano stati esaminati e la Corte penale internazionale abbia concluso che in innumerevoli casi ci sono ragionevoli motivi per ritenere che i crimini più spregevoli siano stati commessi e non ci sono state condanne. Il che solleva la questione se i paesi occidentali siano al di sopra del diritto internazionale. La guerra in Iraq non era legale sin dall’inizio e nemmeno lo era l’occupazione dell’Iraq, per la quale non è stata inflitta alcuna punizione alle forze della coalizione coinvolte. 

È stato anche sottolineato che le conclusioni della Corte penale internazionale sembrano combattere contro la realtà quando affermano che le autorità britanniche non sono state riluttanti a perseguire la giustizia. All’inizio di quest’anno, infatti, gli investigatori indipendenti britannici hanno detto alla BBC che tra migliaia di casi valutati, tutti tranne uno erano stati archiviati. 

La CPI non ha mai incriminato nessuno in Occidente; le sue 45 accuse pubbliche riguardano tutti fatti accaduti nei paesi africani o in Georgia. Il fatto che la CPI sembri portare avanti quasi esclusivamente le indagini in Africa, ha suscitato molte critiche e le è valso il soprannome di ACC, o Tribunale penale africano. Dopo l’annuncio della Corte penale internazionale che stavano abbandonando l’idea di avviare un’indagine sul caso, Clive Baldwin, un consulente legale senior di Human Rights Watch ha affermato che “la decisione del procuratore di chiudere la sua inchiesta sul Regno Unito alimenterà senza dubbio la percezione di un brutto doppio standard. nella giustizia, con un approccio per gli stati potenti e un altro per quelli con meno influenza “. 

All’inizio di quest’anno è stato inoltre rivelato che le forze speciali australiane hanno commesso crimini di guerra in Afghanistan, a causa della fuga di una serie di documenti che hanno rivelato la carneficina. Anche in questo caso, le autorità australiane, che non avevano fatto nulla per questi crimini fino a quando i documenti non sono trapelati, sono ancora una volta lasciate a punire adeguatamente i propri soldati, il che sembra sempre improbabile. In effetti, il primo ministro australiano si è indignato più per un funzionario cinese che ha twittato un’immagine raffigurante i crimini commessi dalle forze australiane, che per i crimini di guerra stessi.

Il problema di lasciare che il Regno Unito renda autonomamente giustizia alle vittime irachene del terrorismo britannico è semplice da comprendere. Fermare questa indagine dell’ICC è come fermare un’indagine su un serial killer e chiedere al suo complice di disciplinarlo, questo va oltre il ridicolo.

Credo che l’origine di questo pasticcio che vediamo oggi, sia nell’inazione delle potenze mondiali alla conclusione della Guerra Fredda, nell’eliminazione dei doppi standard , il che ha creato l’ambiente per uno stato di conflitto universale che ha molte sfaccettature. 

Dopo la seconda guerra mondiale, sembrava esserci qualche speranza che il mondo stesse andando in una direzione più positiva, eravamo riusciti a implementare molti dei cambiamenti che avevano lo scopo di impostare quel corso. Il fatto che in questo momento il diritto internazionale sia solo uno strumento a disposizione degli Stati e delle alleanze più potenti del mondo, è una testimonianza del fatto che abbiamo bisogno di cambiamento. 

Nel caso dell’Iraq, questo tipo di ingiustizia ha portato alla catastrofe che vediamo ancora oggi nel paese. Per gli iracheni ordinari l’odio provato nei confronti dell’Occidente non deriva da una irrazionale rabbia per la privazione delle “libertà”, ma da ciò che è stato fatto loro. Se tu come occidentale ti mettessi nei panni di un normale iracheno, colpito dai crimini di guerra commessi dai soldati britannici, non perderesti la fede nella Legge e nella cosiddetta Comunità Internazionale?

fonte: The latest american vagabond

Altre fonti:

Dichiarazione
ICC- https://www.icc-cpi.int/Pages/item.aspx?name=201209-otp-statement-iraq-uk

Documento
ICC- https://www.icc-cpi.int/itemsDocuments/201209-otp-final-report-iraq-uk-eng.pdf

Dichiarazione di Amnesty International-
https://www.amnesty.org/en/latest/news/2020/12/icc-decision-on-uk-military-in-iraq-rewards-obstructionism/

Progetto di legge sulle operazioni d’oltremare:
https://services.parishment.uk/Bills/2019-21/overseasoperationsservicepersonnelandveterans.html

Rapporto HRW-
https://www.hrw.org/news/2020/12/10/united-kingdom-icc-prosecutor-ends-scrutiny-iraq-abuses

Rapporto Reuters-
https://uk.reuters.com/article/icc-britain-probe-closed/icc-prosecutor-drops-probe-into-alleged-uk-war-crimes-in-iraq-statement-idUKKBN28J27K

Exit mobile version