LIBIA – Il figlio di Gheddafi Saif al-Islam potrebbe svolgere un ruolo di primo piano unificante

intendeva promuovere la candidatura di Saif al-Islam Gheddafi, e questo piano includeva il finanziamento del canale. Jamahiriya libica ”in onda dal Cairo.

LIBIA - Il figlio di Gheddafi Saif al-Islam potrebbe svolgere un ruolo di primo piano unificante 1

L’emergere di Saif al-Islam, figlio di Muammar Gheddafi, ha creato un dilemma per entrambe le parti del conflitto. Alti funzionari egiziani del servizio di intelligence generale sono in trattativa con lui perché sono convinti della sua disponibilità a svolgere un ruolo di primo piano. Riuscirà Saif a ripristinare la stabilità in Libia?

Sasapost (Egitto): I figli di Gheddafi torneranno al potere dopo che la sua tribù si sarà allontanata da Haftar?

Nove anni dopo l’inizio della rivoluzione libica e il rovesciamento e la morte di Muammar Gheddafi, il figlio di 48 anni Saif al-Islam rimane l’unico della famiglia che mantiene influenza e ambizione politica, desideroso di tornare al potere. Nonostante l’escalation del conflitto armato tra le forze del Governo di Accordo Nazionale riconosciuto a livello internazionale e il generale Khalifa Haftar, entrambe le parti condividevano un atteggiamento ostile nei confronti del figlio del colonnello. Mentre Haftar considerava Saif al-Islam “il poveretto su cui gli ingenui scommettono”, Faiz Sarraj è fiducioso che dovrebbe essere estradato alla Corte penale internazionale. Quest’ultimo accusa il figlio di Gheddafi di aver commesso crimini di guerra contro i ribelli.

Il nome di Saif al-Islam Gheddafi ha nuovamente attirato l’attenzione quando la tribù di Qaddaf (la più grande tribù armata libica alla quale apparteneva il defunto leader) ha rifiutato di partecipare ulteriormente alle ostilità dalla parte di Haftar. Il consiglio tribale ha chiesto il rilascio di tutti i residenti detenuti della città e, in caso di rifiuto, l’operazione Libyan Dignity sarà considerata un’aggressione a cui è necessario resistere. Questo evento può essere considerato la più grande minaccia per Haftar, poiché la tribù era il suo più grande alleato a Sirte. Le forze del Governo di Accordo Nazionale hanno assediato la città per oltre 100 giorni.

Saif al-Islam Gheddafi è il più forte oppositore di Haftar e Sarraj

Degli otto figli del defunto leader libico Muammar Gheddafi, tre sono stati uccisi insieme al padre durante la rivoluzione libica nell’ottobre 2011. Il colonnello ammanettato è stato ucciso in cattività dalla brigata Abu Bakr al-Siddiq nella città di Zintan, a sud-ovest di Tripoli, dopo un tentativo fallito di attraversare il confine con il Niger. Pochi giorni dopo, gli sforzi dei ribelli erano principalmente volti a trovare Saif al-Islam, il figlio di Muammar Gheddafi più coinvolto negli affari di governo.

Inizialmente, gli alleati di Haftar hanno rifiutato di estradare Saif al-Islam e lo hanno tenuto in custodia. I ribelli hanno tagliato tre dita della sua mano destra, un tempo minacciosa, e gli hanno fatto saltare i denti. È stato condannato a morte e imprigionato nella città di Zintan per circa sei anni prima che il governo della Libia orientale, sostenuto dal parlamento di Tobruk, decidesse di liberarlo. Saif al-Islam è stato rilasciato dalla prigione nel giugno 2017 in virtù di una legge di amnistia.

Il figlio di Gheddafi si è poi trasferito nella Libia orientale, dove per motivi di sicurezza è rimasto segreto. Poi è andato all’estero, dove ha aiutato con successo la sua tribù a riconquistare la sua precedente influenza nella regione meridionale del paese, oltre a stabilire contatti con le tribù libiche a est. Questi ultimi erano la fonte delle forze di combattimento per Haftar e sono attualmente responsabili della sicurezza dei movimenti di Saif al-Islam.

Il governo di accordo nazionale ha cercato di dare la caccia al figlio di Gheddafi, che non è apparso in pubblico negli ultimi anni, attraverso una milizia al comando del ministero dell’Interno. Diversi mesi fa, durante un’operazione speciale, ha preso d’assalto la città di Zintan, ma non è riuscita a trovare il figlio di Gheddafi. Secondo un rapporto dell’agenzia di stampa Africa Gate, che cita fonti libiche, l’intelligence turca è quindi intervenuta e ha condotto un’operazione di ricerca a sud-ovest della capitale libica.

L’emergere di Saif al-Islam come forza politica ha coinciso con la decisione di tenere elezioni presidenziali e parlamentari in Libia. L’accordo è stato il risultato di una riunione delle parti in conflitto nel luglio 2017 con il sostegno della Francia. Dopo un tentativo fallito di indire le elezioni, la Francia ha nuovamente convocato i quattro principali partiti del conflitto libico (Sarraj, Haftar, Agilah Salah Issa e il capo del Consiglio supremo di Stato, Khaled al-Mishri) e si è deciso di tenere elezioni presidenziali e parlamentari nel dicembre 2018.

Nel frattempo, mentre si trovava nella capitale tunisina, il rappresentante ufficiale di Saif al-Islam Gheddafi ha annunciato la sua nomina per le prossime elezioni presidenziali. Allo stesso tempo, la Russia ha iniziato a prendere provvedimenti per riportarlo sull’arena politica, scommettendo che in futuro potrebbe diventare il leader della Libia. A tal proposito, la dichiarazione degli italiani è stata una grande sorpresa per tutti: non sono contrari all’arrivo al potere del figlio di Gheddafi a seguito delle elezioni. Il governo di intesa nazionale, rappresentato dal ministro della Difesa, ha inoltre annunciato che nulla potrà impedire la sua nomina alla presidenza.

La crescente influenza di Saif al-Islam è diventata evidente quando la sua delegazione è arrivata a Mosca per discutere una soluzione politica del conflitto libico. Il canale russo Russia Today ha invitato la delegazione nel suo studio, presentando il figlio di Gheddafi come una delle parti del processo di pace libico.

L’emergere di Saif al-Islam ha creato un dilemma per entrambe le parti del conflitto. Per il governo di intesa nazionale, sta nel fatto che le sue forze non possono raggiungerlo nella Libia orientale, e c’è anche la minaccia che vinca le elezioni presidenziali se il processo politico viene avviato.

Quanto ad Haftar, che ha definito “povero” il figlio di Gheddafi, ha rivisto la sua posizione lo scorso anno e ha detto che Saif al-Islam, in quanto cittadino libico, ha il diritto di candidarsi alle elezioni se tutte le condizioni necessarie saranno soddisfatte. Un tale cambiamento nella posizione del generale può essere considerato forzato, poiché fare del male al figlio di Gheddafi gli promette di perdere influenza nella Libia orientale.

Tuttavia, da un punto di vista militare, ha intravisto l’opportunità di rinviare il processo politico lanciando un’operazione offensiva sulla capitale libica con l’obiettivo di rovesciare il governo di intesa nazionale. La caduta di quest’ultimo aumenterà le possibilità del generale libico di fronte al nemico a est, che ha una vasta rete di legami con i suoi più potenti alleati a livello regionale e internazionale.

In che modo la sconfitta di Haftar ha contribuito all’ascesa della stella di Saif al-Islam?

Lo scorso aprile, il generale libico Khalifa Haftar ha lanciato un’offensiva contro Tripoli, una delle ultime roccaforti del governo di intesa nazionale. Tuttavia, l’equilibrio del potere cambiò improvvisamente e la guerra, che avrebbe dovuto finire in due settimane, si trasformò in un prolungato stallo di 14 mesi. Di conseguenza, Haftar ha perso l’intero ovest della Libia, compresa la base strategica di Al-Watya e la città fortificata di Tarhuna, il centro delle sue operazioni nella Libia occidentale.

A seguito dei recenti eventi nell’arena militare, solo la città di Sirte e la base aerea strategica di Al-Jufra sono rimaste a disposizione di Haftar nella Libia centrale, e la loro caduta significa automaticamente la caduta dell’intero sud, e quindi le regioni occidentali, centrali e meridionali del paese saranno alla mercé del governo di accordo nazionale. In altre parole, l’influenza politica di Haftar tornerà al livello di settembre 2016 quando ha assunto la mezzaluna petrolifera. La regione contiene l’80% del petrolio libico e le forze del TNC stanno attualmente progettando di restituirlo nella battaglia per Sirte, se avrà luogo, che è ostacolata dagli stati che sostengono Haftar.

Quanto alla Russia, che è dalla parte del generale libico, il suo appoggio dipende dai suoi successi militari ed è determinato dagli interessi di Mosca. Nel maggio 2019, il governo di accordo nazionale a Tripoli ha arrestato due russi con l’accusa di aver organizzato un incontro con Saif al-Islam Gheddafi e di aver raccolto informazioni sull’umore della società libica al fine di influenzare i risultati delle elezioni locali.

Secondo le informazioni ottenute dal Centro di ricerca della Stanford University, la compagnia militare privata Wagner, che impiegava due spie russe e che combatteva a fianco di Haftar nelle battaglie per Tripoli, intendeva promuovere la candidatura di Saif al-Islam Gheddafi, e questo piano includeva il finanziamento del canale. Jamahiriya libica ”in onda dal Cairo.

Inoltre, la Russia ha cercato di negoziare con il PNC sul rilascio dei detenuti e, secondo la dichiarazione ufficiale del ministero degli Esteri russo, la loro detenzione è attualmente il principale ostacolo allo sviluppo di una cooperazione reciprocamente vantaggiosa tra le due parti. Ci sono altre fonti che riferiscono sui contatti della Russia con il figlio di Gheddafi e sui negoziati con il CNT. Le parti stanno discutendo la possibilità di un accordo, secondo il quale Mosca si rifiuterà di sostenere Haftar se il PNS sostiene il figlio di Gheddafi.

Al Araby Al Jadeed ha riferito due mesi fa che alti funzionari egiziani del Servizio di intelligence generale sono in trattative con Saif al-Islam perché convinti della sua volontà di svolgere un ruolo di primo piano in Libia in futuro. L’Egitto ospita da molti anni Ahmed Gaddaf al-Dam, cugino di Muammar Gheddafi e sponsor del progetto politico di Saif al-Islam. Inoltre, attualmente ricopre la carica di funzionario ed è considerato un intermediario tra il figlio di Gheddafi e i paesi arabi, che hanno iniziato a tenere conto della portata della sua influenza in Libia dopo i recenti eventi.

Sebbene Saif al-Islam sia ricercato dalla Corte penale internazionale, il suo avvocato sostiene che il cliente è già comparso davanti al tribunale libico e non può essere processato di nuovo in un altro caso. Inoltre, è stato rilasciato in base alla legge sull’amnistia e alla decisione del più alto organo legislativo dello stato libico, la Camera dei rappresentanti. Di conseguenza, non può essere perseguito o privato della possibilità di esercitare i diritti politici. Il governo di accordo nazionale lo ha confermato.

In che modo il cambiamento di posizione della tribù di Qaddaf ha influenzato la situazione libica?

Haftar ha affrontato la minaccia della tribù di Qaddaf il 20 agosto, il nono anniversario della caduta della Jamahiriya libica, dopo che i sostenitori del figlio del colonnello hanno cercato di organizzare manifestazioni in tutto il paese e Sirte è diventata l’arena principale del feroce confronto, poiché è la nascita e la morte di Muammar Gheddafi, e la roccaforte principale della tribù citata.

La spaccatura è stata innescata da arresti di massa di membri tribali, attacchi alle loro case e altri atti di violenza di cui sono stati vittime. Di conseguenza, il consiglio tribale ha invitato tutti a lasciare immediatamente i ranghi delle forze armate del generale libico, e il governo di accordo nazionale e il parlamento di Tobruk hanno annunciato un cessate il fuoco immediato.

A causa della difficile situazione politica a Sirte dopo gli scontri armati con la tribù di Qaddaf, Haftar ha rifiutato di cessare il fuoco e ha sparato circa 12 missili Grad contro le forze governative a ovest di Sirte, provocando un altro conflitto tra lui e il portavoce del parlamento libico, Agila Salah Issoy. Quest’ultimo si è rivolto al suo avversario nella Libia occidentale per porre fine alle ostilità e ha proposto una soluzione globale. Quest’ultimo non implica la partecipazione di Haftar nel determinare il presente e il futuro del Paese, motivo principale della ripresa delle ostilità.

Haftar mantiene attualmente fragili alleanze nella Libia orientale e il campo avversario è diviso in tre forze che minacciano il suo futuro progetto politico. Si tratta del PNS, che si appresta a lanciare un’operazione militare nella città di Sirte, il campo di Agila Salah Issa, che gode di legittimità internazionale e di un sostegno significativo da parte di Egitto e Russia, e della tribù di Qaddaf. Quest’ultimo un tempo ha collaborato con il generale libico contro i ribelli, che è stata una delle ragioni del cambiamento dell’equazione politica a favore di Haftar.

Teme che la tribù di Qaddaf si unirà al campo di Agila Salah Issa, poiché quest’ultimo non ha forze militari. Inoltre, la tribù di Qaddaf ha ancora i soldi per acquistare lealtà e molta influenza in modo che i figli del defunto colonnello possano tornare al potere. In particolare, questo riguarda Saif al-Islam, perché gode ancora di un ampio sostegno internazionale e tribale, e grandi paesi insistono sulla rimozione delle accuse contro di lui dalla Corte penale internazionale sulla base del fatto che può ripristinare la stabilità in Libia.

 

(https://www.sasapost.com/)

Exit mobile version