LIBIA – Esiste un rischio concreto di scontro militare tra Egitto e Turchia

Non e’ Aleppo, e’ Sirte (Libia) bombardata dalla Nato ed assediata dai ribelli.

La nostra politica è concentrata su come abbattere Salvini anche per via giudiziaria e disseppellendo il pericolo fascista ed il razzismo. Mentre tutto questo accade e le sardine si trastullano nelle piazze a cantare Bella Ciao per far vedere a tutti come sono diverse, l’Italia è ferma economicamente, le nostre industrie chiudono, la sanità è allo sfascio la politica è incurante delle sfide internazionali che per noi non esistono. E’ il caso della Libia che abbiano contribuito a distruggere. Un paese che non esiste più in cui potenze terze si fronteggiano per accaparrasi le risorse.

@vietatoparlare
[su_divider]

L’intervento turco in Libia potrebbe portare a una guerra con l’Egitto

Il presidente turco Erdogan continua a creare nemici per la Turchia.

Dopo aver condotto una guerra in Siria, è riuscito a far arrabbiare la UE spingendo i rifugiati verso l’Europa. Ha dispiaciuto la NATO e gli Stati Uniti installando difese aeree russe. La maggior parte dei paesi arabi del Golfo Persico lo odiano per il suo sostegno al Qatar.

Erdogan si è alleato con il governo di accordo nazionale (GNA) che governa a Tripoli, in Libia. Ora dovrà affrontare diversi altri paesi che supportano l’avversario del GNA.

Dopo che la guerra della NATO ha distrutto il paese più ricco dell’Africa, la Libia è ancora divisa.

La maggior parte dell’est e del sud e la maggior parte del petrolio del paese è sono controllati dal generale Khalifa Haftar, un ex risorsa della CIA. Haftar ha il supporto di Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Egitto e Russia. Una delegazione americana gli ha fatto  recentemente visita. Nove mesi fa ha avviato una campagna per eliminare il GNA controllato dai Fratelli Musulmani attorno a Tripoli e Misurata.

La campagna militare si è bloccata anche se ogni parte ha continuato a mettere sù sempre migliore materiale bellico sia sul terreno che in aria. I piloti che volano per Haftar provengono dagli Emirati Arabi Uniti e dall’Egitto. Il GNA usa droni turchi che sono probabilmente controllati da piloti turchi. Si dice anche che mercenari russi siano coinvolti a sostegno di Haftar.

Entrambe le parti mancano di truppe di terra ben addestrate e in numero sufficiente. Alla fine di novembre Erdogan ha offerto un accordo piuttosto curioso al GNA. In cambio di truppe dalla Turchia, il GNA dovrebbe concordare un confine marittimo comune tra la Libia e la Turchia.

Fayez al-Sarraj, presidente del Consiglio presidenziale della Libia e primo ministro del GNA, ha accettato. Ciò ha portato a questa curiosa mappa.


Erdogan ha quindi affermato che la Turchia ha il diritto esclusivo di esplorare economicamente il Mar Mediterraneo a nord della linea rossa e gialla. Ha anche affermato che i gasdotti posti in quella zona avrebbero bisogno di un accordo turco. Egitto, Israele e Cipro avevano pianificato un gasdotto tra le loro esplorazioni del gas sottomarino e la Grecia. (Tale pipeline è probabilmente un sogno irrealizzabile in quanto c’è troppo poco gas per la vendita per giustificare il grande investimento.)

Tra Cipro, Israele e Turchia si sono già verificati intensi coflittualità con navi da perforazione turche che, accompagnate dalla Marina turca, si sono introdotte nella zona economica esclusiva di Cipro.

I confini nautici in aree di più stati non possono essere tracciati unilateralmente o solo da due parti. L’area sostenuta da Erdogan è in gran parte rivendicata anche da Cipro e dalla Grecia, che hanno entrambi argomenti migliori in merito a diritti legali nell’area rispetto alla Turchia.


Fonte: Petroleum Economist – 
C’è un altro problema legale. L’ accordo Sikhirat , che è stato firmato nel dicembre 2015 sotto gli auspici dell’ONU ed è la base giuridica del GNA, non conferisce al capo della GNA Sarraj alcun diritto di stipulare un tale accordo e concessione.

Il conflitto sui diritti economici esclusivi in ​​alcune aree può probabilmente essere risolto presso le Nazioni Unite o attraverso tribunali internazionali. Tuttavia la parte militare dell’accordo di Erdogan è il vero pericolo:

L’accordo offre il sostegno turco all’istituzione di una Forza di reazione rapida per la polizia e le forze armate in Libia, nonché una cooperazione rafforzata nell’intelligence e nell’industria della difesa. A seguito dell’accordo di cooperazione militare, Erdoğan ha dichiarato che Ankara potrebbe prendere in considerazione l’invio di truppe in Libia se il governo libico richiedesse assistenza militare.

Una settimana fa Erdogan ha dichiarato di essere pronto a schierare truppe in Libia con breve preavviso. Oggi sono apparse voci sui media arabi, ancora non confermati, secondo cui forze speciali turche sono sbarcate a Tripoli.

La guerra libica tra due partiti libici diventerà ora una bestia molto diversa. L’Egitto non tollererà ula Fratellanza Musulmana guidata dalla Libia come suo vicina. L’Egitto interverrà prima che il sostegno turco consenta al governo GNA di sconfiggere Haftar. La situazione potrebbe quindi trasformarsi in un’intensa guerra durante la quale le truppe turche combattono contro l’esercito egiziano per sostenere Serraj e lucrare sull’accordo libico .

Entrambi i paesi hanno sponsor arabi ricchi che possono finanziare un conflitto lungo e intenso. Entrambi hanno un sacco di matérie e molti molti soldati che possono lanciare nella lotta. La parte egiziana ha un vantaggio. La sua lunga frontiera terrestre consente un facile rifornimento mentre la Turchia dovrà fare affidamento su forniture che arrivano via mare e via aerea e possono essere interrotte o almeno rallentate.

Una simile guerra potrebbe facilmente diventare la maggiore crisi internazionale del 2020 .

Moon of Alabama

Exit mobile version