LIBANO – La strategia russa a lungo termine

LIBANO - La strategia russa a lungo termine 1

Riporto di seguito l’analisi di Cultura e Geopolitica del MedioOriente sui tentativi della Russia di avere maggior influenza in Libano . Tuttavia, come l’articolo stesso dice, Mosca punterà a 100 per ottenere 10, visto che gli USA e la UE stanno marcando stretto sia la Russia che la Cina ovunque . Questo avviene – come vediamo – tramite vere e proprie azioni offensive e non solo difensive, che arrivano a minare la stessa sovranità sul suolo russo. Si avvalorano però così le ipotesi descritte, in quando in certe situazioni la miglior difesa  è l’attacco.

@VIETATOPARLARE

ll discorso internazionale sulla Russia e sui paesi del Medio Oriente si occupa solitamente del suo coinvolgimento in punti di conflitto, come la Siria e la Libia. Tuttavia, il forte interesse della Russia per il Libano e il Mediterraneo orientale, come parte della crescente concorrenza che coinvolge Francia, Turchia e Iran (mentre la presenza degli Stati Uniti è sempre più ridotta), si riflette nei suoi tentativi di rafforzare la sua presenza nella regione su scala sia civile che militare. Il coinvolgimento in Libano è un buon esempio della complessità degli interessi della Russia – globali e regionali – e dei modi in cui la Russia sta lavorando per promuovere tali interessi. La questione è anche estremamente importante sotto alcuni aspetti legati alla politica di Israele nei confronti del Libano.

Pochi giorni dopo la visita del segretario di stato americano Mike Pompeo a Beirut nel 2019, durante la quale ha messo in guardia sulle intenzioni di Hezbollah, il presidente libanese Michel Aoun è stato invitato a Mosca per colloqui con il presidente Putin (26 marzo 2019).

L’incontro ha trattato la questione dei profughi siriani in Libano e il rafforzamento dei legami militari ed economici. La vicinanza tra gli incontri non è affatto casuale. Per comprendere meglio il significato della politica russa nei confronti del Libano- è necessario esaminare la politica russa al di là delle relazioni dirette bilaterali con il Libano e a livello regionale.
A livello globale, questa politica riguarda sia le questioni della distribuzione del potere, che le immagini strategiche della Russia agli occhi dell’Occidente, e in particolare nei confronti degli Stati Uniti.

La percezione russa si basa sul fatto che solo cogliendo delle opportunità nei luoghi in cui gli Stati Uniti decidono, per proprie ragioni, di ridurre il proprio coinvolgimento- consentirà a Putin di trarrne beneficio, strategico ed economico. L’esempio libanese lo spiega bene.

Quando gli Stati Uniti hanno annunciato nel 2019 la sospensione degli aiuti militari al Libano (annullati dopo diversi mesi), parallelamente alla tendenza generale a ridurre la propria presenza in Medio Oriente (annunciata da tempo in Iraq, e recentemente anche dall’Afghanistan) la Russia ha visto questa come un’opportunità: fino ad allora il Libano aveva respinto i ripetuti tentativi della Russia di aumentare la cooperazione tecnico militare (il budget militare del Libano ammontava a circa due miliardi e mezzo di dollari nel 2018 e gli Stati Uniti erano il loro principale fornitore di armi).

Al di là del desiderio russo di inserirsi al fine di stabilire il proprio status di potenza internazionale, la Russia ha un vivo interesse ad aumentare la quota delle industrie della difesa russe nel mercato globale delle armi. Ciò è dovuto al desiderio di riconquistare i clienti persi con la disintegrazione dell’Unione sovietica. Va sottolineato che questo settore fornisce la seconda entrata più importante in termini di bilancio russo (dopo le industrie energetiche), e costituisce anche una base di consenso interno importante per il presidente Putin.

L’interesse della Russia per il Libano, un paese a poche risorse con sei milioni di abitanti, deriva principalmente dalla sua posizione geografica sulle rive del Mediterraneo. La Russia vede nel Mediterraneo – e in particolare nell’est – la continuazione del mar nero: questa è la sua rotta marittima- verso il suo spazio strategico in Medio Oriente e nell’europa meridionale. Da qui l’importanza dell’intenso coinvolgimento in Siria (fino al 1976 aveva una presenza navale anche in Egitto, interrotta dopo l’abolizione della cooperazione militare con la Russia da parte dell’Egitto che si è avvicinata agli Stati Uniti).

La presenza della Russia nel Mediterraneo, e soprattutto nel porto di Tartus in Siria, consente alla sua flotta di avere una base nel porto, e una presenza permanente.
Inoltre, la maggiore presenza militare della Russia nel Mediterraneo (nel 2018 la Russia ha inviato forze aggiuntive nel Mediterraneo, inclusa la portaerei Kuznetsov) dovrebbe controbilanciare la presenza occidentale in questa regione che periodicamente interferisce con il progresso degli obiettivi russi, come stabilire il regime di Assad nella regione. Ha preso parte ai combattimenti in Siria utilizzando missili da crociera mirati agli oppositori del regime).

Una presenza russa in Libano, vicino alla Siria, consentirà un ulteriore sostegno al regime di Assad, soggetto alle sanzioni occidentali. Apparentemente, alcune spedizioni di petrolio dalla Russia la cui destinazione ufficiale era il Libano alla fine hanno raggiunto la Siria (la registrazione della destinazione come Libano impedisce un’ulteriore esposizione delle compagnie energetiche russe alle sanzioni statunitensi imposte sulle vendite di petrolio alla Siria).

La Russia opera in conformità con la dottrina Grasimov (l’attuale capo di stato maggiore della Russia), il cui punto principale è che oltre e prima dell’uso della forza militare, o qualsiasi altro mezzo, inclusi quelli economici, culturali, psicologici e diplomatici, deve essere perseguito per raggiungere obiettivi strategici. Di conseguenza, anche in Libano, la Russia sta producendo una dotazione complessiva di attività al fine di raggiungere una base ottimale per il progresso dei suoi obiettivi e non ha fretta di intervenire militarmente in Libano e nella regione.
Sotto l’aspetto culturale, nel 2018 la Russia ha istituito centri culturali russi in Libano, i cui confini non sono chiari (altri centri simili in tutto il mondo sono stati accusati di attività di intelligence). Migliaia di studenti libanesi sono stati istruiti anche in Russia, e alcuni stanno attualmente ricoprendo posizioni di alto livello nel sistema pubblico libanese (ad esempio- l’ambasciatore libanese in Russia: capo del comitato governativo per lo sviluppo del Libano meridionale e altre personalità).

Sul versante religioso, la Russia sta lavorando per rafforzare i suoi legami con la popolazione cristiana, in particolare la chiesa ortodossa del Libano, che costituisce circa il 10% della popolazione. Lavora anche per stabilire le sue relazioni con la popolazione cristiana maronita, i cui leader riconoscono l’autorità del Vaticano. Nell’aprile 2018, in un’intervista a Vatican News, il patriarca maronita, Bishara Boutros Raai, ha espresso apertamente il suo sostegno al regime di Assad in Siria e si è opposto ai tentativi- come dice la Russia- di impiantare la democrazia attraverso il complotto dalla “primavera araba”………

Nell’ultimo decennio, la Russia ha anche ampliato le attività della società imperiale ortodossa palestina (IOPS: Imperial Orthodox Palestine Society) in Libano, che comprende dozzine di scuole cristiano-ortodosse e possiede beni immobiliari in tutto il Medio Oriente (compreso Israele). Una delegazione della IOPS che ha incontrato il presidente libanese Aoun lo ha aggiornato nel 2017 sulla creazione di un ufficio per gestire gli affari dell’organizzazione in Libano.

È un’organizzazione apparentemente non governativa, la più antica in Russia (dal 1882), ma i suoi legami con il governo russo sono visibili e opera con la benedizione del Cremlino per diffondere la cultura russo-ortodossa in tutto il Medio Oriente e promuovere il dialogo interreligioso nella regione.

I membri della direzione dell’associazione sono attuali ed ex membri del governo russo, come il presidente dell’associazione, Sergei Stepashin, capo dell’ufficio del controllore del governo ed ex primo ministro russo, il viceministro degli esteri e l’inviato per il Medio Oriente Michael Bogdanov.

Alti funzionari del governo russo, tra cui lo stesso presidente Putin e il ministro degli esteri Sergei Lavrov, si incontrano e sostengono pubblicamente le attività della IOPS, che sono, di fatto, un braccio del governo. I libanesi attivi nell’organizzazione IOPS sono tra i più influenti e collegati in Libano. Ad esempio, la famiglia Sarsuk, uno dei suoi leader- Robert, è membro della IOPS Schools Alumni Association e gestisce il ramo di investimento della Russian Gazprom Bank in Medio Oriente e Nord Africa.

La dimensione economica delle relazioni tra i due paesi ha finora incluso due grandi eventi nel mercato dell’energia, che sono in linea con la politica russa di controllo delle riserve energetiche nel mediterraneo (e oltre) che potrebbero condizionare le sue vendite di energia in Europa.

Risulta che nel dicembre 2018, la compagnia petrolifera statale russa Rosneft abbia firmato un accordo ventennale per lo sviluppo di impianti di stoccaggio nel porto di Tripoli (libanese), un accordo che ha il suo valore economico ma anche un significato militare, data la vicinanza geografica (circa 50 km) tra Tripoli e la base russa di Tartus in Siria. Questa vicinanza permette di trasportare prodotti energetici a Tartus, ovvero di ricevere merci civili che raggiungeranno Tartus e saranno trasportate al porto di Tripoli. A causa dell’esplosione che ha distrutto completamente il porto di Beirut, il porto più piccolo di Tripoli non sarà in grado di assorbire direttamente tutta la quantità di merci che in precedenza arrivavano a Beirut, e la vicinanza a Tartus consentirà di risolvere tale problematica.

Inoltre, nel 2018, la società del gas russa Novatek (che è soggetta alle sanzioni statunitensi dal 2014), ha concordato una partnership del 20% in un’impresa di esplorazione energetica offshore in Libano (insieme all’italiana ENI e alla francese Total). Quest’area (nota come “Blocco 9”) è controversa con Israele, che rivendica la proprietà del segmento idrico economico in cui si trova parte del blocco, che è uno dei motivi per cui il Libano voleva che la Russia fosse coinvolta, in modo da spingere Israele a riconsiderare l’opzione di operare nell’area – o di impedire la sua attività, che in sostanza avrebbe significato- lo scontro con la Russia.

Diversi mesi fa, una nave militare russa ha iniziato a pattugliare un’area nota come Blocco 4, apparentemente per proteggere l’area di esplorazione del gas. I media hanno ipotizzato che la nave stia trasportando attrezzature per il monitoraggio del movimento di sottomarini e navi straniere, soprattutto alla luce delle aspettative di bassa produzione di gas in quest’area.

Il volume del commercio civile tra Russia e Libano, soprattutto nel campo delle esportazioni di energia dalla Russia, è raddoppiato negli ultimi anni. Nel 2018 le esportazioni russe in Libano hanno superato il mezzo miliardo di dollari, principalmente di prodotti energetici, mentre le esportazioni dal Libano alla Russia in quell’anno sono state solo di circa cinque milioni di dollari.
La questione più critica per il Libano negli ultimi tempi è la situazione economico-finanziaria. Per anni, i paesi occidentali, in particolare Francia e Stati Uniti, hanno esteso generosi aiuti esteri al Libano per mantenere la relativa stabilità del paese e limitare il potere di Hezbollah. La Francia ora offre aiuti ma impone condizioni (vaghe) per la riforma politica, mentre gli Stati Uniti stanno inasprendo le sanzioni contro Hezbollah e i suoi sostenitori.

A differenza degli Stati Uniti o della Francia, la Russia non esercita pressioni sul Libano su questioni che sono percepite come interne, come Hezbollah. Al contrario degli Stati Uniti e di molti paesi dell’Occidente, la Russia non la considera un’organizzazione terroristica e afferma che tutte le sue attività non possono essere dichiarate terrorismo, perché ha un braccio politico e una partnership nel governo libanese.

L’attuale ambasciatore russo in Libano, Alexander Zzipkin, ha più volte affermato che Hezbollah non è un’organizzazione terroristica, come affermano gli Stati Uniti, ma un’organizzazione che combatte il terrorismo (cioè i ribelli islamisti in Siria). Pertanto, la Russia si oppone anche alle decisioni degli Stati Uniti e della Lega araba che dichiarano Hezbollah un’organizzazione terroristica. L’ambasciatore ha persino accusato gli Stati Uniti nel 2019 di minare la stabilità della regione a causa delle sue politiche nei confronti dell’Iran e di Hezbollah.

La Russia sta lavorando per aumentare la “cooperazione tecnico-militare”, o in altre parole, le vendite di armi russe al Libano, per aiutare le sue industrie della difesa e per rafforzare i legami e creare dipendenza dalle industrie russe per anni; per la manutenzione, acquisto di pezzi di ricambio e formazione. La possibilità che la Russia rinnovi ora la sua offerta- di due anni fa- di ampia assistenza militare in cambio di una presenza militare in Libano si fa sempre più concreta.

Nel 2018, quando l’amministrazione Trump ha espresso l’intenzione di tagliare la maggior parte dei suoi aiuti militari al Libano, la Russia ha offerto al Libano, di firmare un accordo militare che includeva clausole che aumentavano significativamente l’impronta russa nella regione.

La proposta russa al Libano includeva l’uso delle basi e dello spazio aereo libanese, l’addestramento dell’esercito libanese da parte di esperti russi, l’espansione della difesa aerea russa in Libano e l’uso dei porti navali libanesi, la cooperazione di intelligence e armi russe per un valore di un miliardo di dollari, con prestiti senza interessi.

I parlamentari affiliati a Hezbollah – hanno espresso pubblicamente il loro consenso e sostegno alla proposta russa, ma la leadership libanese non l’ha approvato, a causa della risposta indignata dell’opposizione occidentale e americana all’aiuto militare russo all’esercito libanese. Infine, la Russia è stata in grado di trasferire in Libano attrezzature militari per un valore di soli 5 milioni di dollari al servizio di sicurezza interna operante sotto il ministero degli interni libanese, nel novembre 2018.

Il Libano potrebbe persino usare la volontà della Russia di aiutare, e il suo interesse a influenzare il paese, per spremere concessioni e aiuti dall’occidente in cambio del rifiuto delle richieste russe. A questo punto – almeno fino a dopo le elezioni statunitensi – è troppo presto per valutare se lo sforzo russo di aumentare l’influenza del cremlino in Libano, danneggerà l’influenza americana o, in alternativa, spingerà gli USA a un maggiore coinvolgimento in Libano per neutralizzare i russi.

Per Israele, il coinvolgimento russo in Libano, insieme all’indebolimento dell’influenza americana nel paese, potrebbe aumentare gli aiuti a Hezbollah (come alleato della Russia nei combattimenti in Siria) e il sostegno diplomatico all’organizzazione. Non solo, se la Russia potrà espandere il suo sistema di difesa aerea in Siria anche in Libano, un tale dispiegamento danneggerebbe anche le attività volte a impedire il trasferimento di armi dall’Iran a Hezbollah.

In secondo luogo, durante le sue operazioni di sicurezza nel nord, Israele dovrà stare doppiamente attento a non danneggiare il personale e le risorse russe in Libano, in modo simile al vincolo che deve considerare in Siria. Ad esempio, il coinvolgimento russo nella contesa zona di perforazione del Mediterraneo tra Israele e Libano (nell’area in cui è coinvolta Novatek, come detto prima) renderà difficile qualsiasi attività israeliana, perché oltre agli interessi libanesi, rischierebbe il danneggiamento anche quelli russi.

Exit mobile version