L’ex primo ministro del Qatar al-Thani affermò che gli USA sostennero gli estremisti islamisti in Siria

Attualmente la retorica di guerra contro la Siria sta riprendendo piede sui media e le organizzazioni internazionali e Ong che – comunemente supportano le esportazioni di democrazia a suon di bombe dei soliti noti nel mondo – stanno ricaricando le batterie. Vale la pena allora riprendere documenti e testimonianze che dicono chiaramente la verità delle cose. Cominciamo dalle dichiarazioni dell’ex primo ministro Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani , che nel 2017 dichiarò chiaramente che gli Stati Uniti e gli alleati degli USA finanziarono e sostennero fino a quel momento i radicali islamisti contro il governo siriano.

@vietatoparlare


L’ex primo ministro del Qatar Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani ha riconosciuto che gli Stati Uniti e i loro alleati del Golfo hanno sostenuto i jihadisti salafiti in Siria.

Di Ben Norton / AlterNet – 16 giugno 2017

L’ex primo ministro del Qatar ha ammesso in un’intervista che gli Stati Uniti ei loro alleati del Golfo hanno sostenuto gli estremisti islamici in Siria.

Gli Stati Uniti, Arabia Saudita e Qatar nei siti di addestramento gestiti dalla CIA situati in Giordania e Turchia – ha spiegato Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani – [addestravano i militanti da inviare in Siria]  “tutti noi sostenevamo gli stessi gruppi”. Tra loro c’erano estremisti, ha osservato al-Thani.

Questa testimonianza si aggiunge al crescente corpus di prove che dimostrano che il governo degli Stati Uniti e gli alleati – al fine di indebolire il governo siriano ei suoi alleati Iran e Hezbollah – hanno sostenuto i jihadisti salafiti dalla linea più dura.

Il Qatar è stato recentemente preso di mira dagli Stati Uniti e dagli alleati del Golfo, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti, che hanno condannato il Paese per il proprio sostegno ai gruppi islamisti.

Funzionari statunitensi hanno riconosciuto internamente che sia l’ Arabia Saudita che il Qatar hanno aiutato ISIS e al-Qaeda , ma in una rissa diplomatica, il Qatar è diventato un capro espiatorio per la diffusione dell’estremismo violento. L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno sospeso i legami politici ed economici con il Qatar e imposto un  blocco di fatto  nei confronti del piccolo paese.

“Tutti noi [stavamo] sostenendo gli stessi gruppi”

Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani, che è stato primo ministro e ministro degli esteri del Qatar fino al 2013, si è seduto per un’intervista del 12 giugno  con Charlie Rose  per discutere della crisi.
“Qual è il motivo per cui sta arrivando adesso?” Chiese Rose. “Sono state sollevate domande su quanti fondi ha erogato il Qatar ad alcuni dei gruppi islamici in Siria”. (Lo scambio inizia alle 7:30 nel video, che è incorporato di seguito.)

[su_quote]”In Siria, tutti hanno commesso errori, incluso il tuo paese”, ha risposto al-Thani.[/su_quote]

Quando è iniziata la guerra in Siria, ha continuato, “tutti noi abbiamo lavorato attraverso due sale operative: una in Giordania e una in Turchia”.

In Giordania, ha proseguito al-Thani, “c’erano paesi, alcuni paesi del CCG, tra cui i sauditi, gli Emirati, il Qatar, gli Stati Uniti e altri alleati. E loro [stavano] lavorando da lì. E tutti noi sostenevamo gli stessi gruppi. In Turchia abbiamo fatto lo stesso “.[/su_quote]

L’ex primo ministro del Qatar si riferiva all’operazione Timber Sycamore del governo degli Stati Uniti  , un programma segreto della CIA in cui migliaia di militanti sono stati addestrati a combattere per cercare di rovesciare il governo siriano.

Al suo apice, la CIA spendeva  $ 1 miliardo all’anno per  addestrare e armare quelli che affermava essere ribelli siriani “moderati” – $ 1 ogni $ 15 del suo intero budget, secondo i documenti trapelati dall’informatore della NSA Edward Snowden.

Alla fine, ha detto al-Thani nell’intervista, è diventato chiaro che alcuni dei gruppi armati “hanno altri programmi e li eliminiamo sempre uno per uno”.

Anche gli Stati Uniti “a volte hanno sostenuto i gruppi sbagliati”, ha sottolineato a Rose. “Non significa che lì non abbiamo fatto qualcosa di sbagliato.”

In uno di questi esempi, Nour al-Din al-Zinki, un ex gruppo ribelle “moderato” controllato dalla CIA e armato con armi anticarro statunitensi, si è  unito a una coalizione siriana guidata da al-Qaeda .

Il volume di prove è in crescita

I commenti di Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani sono ulteriormente confermati da grandi quantità di prove.

Un’e-mail del 2014 dell’ex segretario di stato Hillary Clinton, citando l’intelligence del governo degli Stati Uniti, afferma che gli alleati americani Arabia Saudita e Qatar hanno sostenuto l’ISIS in Siria .

In un discorso all’Università di Harvard nel 2014, l’ex vicepresidente  Joe Biden ha anche ammesso  che gli stretti alleati statunitensi, Arabia Saudita e Turchia, avevano intenzionalmente sostenuto gli estremisti islamici in Siria.

“Erano così determinati a sconfiggere [il presidente siriano Bashar al-] Assad e essenzialmente ad avere una guerra per procura sunnita-sciita. Cosa hanno fatto?” chiese. “Hanno versato centinaia di milioni di dollari e decine di migliaia di tonnellate di armi a chiunque volesse combattere contro Assad, senonchè le persone che venivano fornite erano al-Nusra, al-Qaeda e gli elementi estremisti dei jihadisti provenienti da altre parti del mondo. ”

La Turchia ha  giocato una doppia partita  con l’ISIS, consentendo a migliaia di jihadisti salafiti di tutto il mondo di attraversare il confine con la Siria per unirsi al gruppo militante genocida. Biden ha aggiunto che il suo “vecchio amico” il presidente turco Recep Tayyip Erdogan gli ha detto: “Avevi ragione; lasciamo passare troppe persone. Ora stiamo cercando di sigillare il confine “.

Nel 2013, l’ex direttore della CIA  Mike Morell ha ammesso  che Jabhat al-Nusra, affiliato siriano ad al-Qaeda, e il gruppo estremista Ahrar al-Sham erano “le due organizzazioni più efficaci sul campo di battaglia” e che “membri moderati dell’opposizione hanno unito le forze con loro. per combattere i siriani “. Eppure armi e sostegno hanno continuato ad arrivare dagli Stati Uniti e dai loro alleati.

Inoltre, un documento declassificato del  2012  della Defense Intelligence Agency mostra che a poco più di un anno dall’inizio del conflitto, il governo degli Stati Uniti sapeva che “i Salafiti, i Fratelli Musulmani e l’AQI sono le principali forze che guidano l’insurrezione in Siria”. Il rapporto DIA ha aggiunto che questi gruppi ribelli avrebbero probabilmente creato un “principato salafita nella Siria orientale”, nell’area che alla fine l’ISIS ha assunto, “ed è esattamente ciò che vogliono i poteri di sostegno all’opposizione, al fine di isolare il regime siriano. . “

Nonostante questa chiara comprensione, gli Stati Uniti, l’Arabia Saudita, il Qatar e la Turchia hanno versato miliardi di dollari nell’opposizione siriana, dando potere a questi gruppi salafiti-jihadisti.

La controversia sul Qatar

Il riconoscimento da parte del governo degli Stati Uniti che il Qatar ha sostenuto gruppi estremisti islamici non ha fermato gli accordi sulle armi, suggerendo che la politica statunitense di lunga data di utilizzare gruppi salafiti-jihadisti per destabilizzare i suoi nemici continuerà.
Il 14 giugno, pochi giorni dopo che Donald Trump aveva criticato il Qatar per il finanziamento di gruppi estremisti, il presidente degli Stati Uniti ha  firmato un accordo da 12 miliardi di dollari  per trasferire i caccia F-15QA nel paese. Questo faceva parte di un più ampio pacchetto di armi da 21 miliardi di dollari USA con il Qatar.

Il principale punto di disputa nel conflitto nel Golfo è sul sostegno del Qatar ai Fratelli Musulmani e al gruppo militante palestinese Hamas. L’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e l’Egitto si oppongono fermamente ai Fratelli Musulmani e la considerano un’organizzazione terroristica.

Anche l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, che vedono l’Iran come loro nemico mortale, hanno accusato il Qatar di essere troppo vicino all’Iran, ma Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani ha respinto fermamente questa affermazione.

“Il Qatar che sostiene l’Iran è un grande scherzo”, ha detto l’ex primo ministro nell’intervista a Charlie Rose. Se il Qatar e l’Iran fossero presumibilmente stretti alleati, ha aggiunto, “non combatteremmo con loro in Siria”.

Con l’Iran, il Qatar ha “una relazione normale”, ha sottolineato al-Thani. Ha notato che altri paesi del Medio Oriente hanno legami economici con l’Iran ancora più grandi del Qatar.

Il Qatar è tecnicamente una monarchia costituzionale, sebbene ci siano pochi controlli ed equilibri sull’autorità assoluta della famiglia reale.

Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani è spesso indicato con l’abbreviazione HBJ. È stato nominato ministro degli esteri nel 1992 e primo ministro nel 2007.  Miliardario  noto per aver speso ingenti somme di denaro in oggetti di lusso come un   attico da 100 milioni di dollari a New York City, era uno dei tanti politici citati nei  Panama Papers .

Sebbene minuscolo, il Qatar ha enormi riserve di petrolio, che lo hanno reso il paese più ricco del mondo, pro capite. Come ha spiegato al-Thani, ha usato la sua vasta ricchezza per colpire al di sopra del suo peso sulla scena internazionale, anche sostenendo alcuni degli attori più sgradevoli del Medio Oriente.

content retrieved from The Grey Zone

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.