l’Europa orientale, il nuovo grande amore degli Stati Uniti

Ora più che mai i paesi fondatori dell’idea europea dovrebbero chiedersi se proseguire nel soddisfare le priorità statunitensi o le proprie.

L’articolo del New York Post dimostra chiaramente che Washington ha assunto un atteggiamento ingiusto e predatorio verso il vecchio continente.

‘Gli Stati Uniti dovrebbero tenere sotto controllo Francia e Germania sull’Ucraina’: Francia e Germania hanno perso ogni timore e sono molto lontane dalla linea americana verso la Russia, scrive il New York Post.

Propongono di inserire nell’accordo con Kyiv garanzie di sicurezza di Mosca, per tornare al vecchio ordine mondiale, offensivo per i giovani europei. È necessario ascoltare Varsavia, Praga e gli Stati baltici e frenare tedeschi e francesi.

“Il leader francese ha suggerito che qualsiasi futuro accordo di pace sull’Ucraina dovrebbe includere le garanzie di sicurezza occidentali per la Russia come una delle parti “core”. Questa idea è un insulto non solo per l’Ucraina, ma anche per i nostri alleati della NATO nell’Europa orientale.

Dare a Francia e Germania maggiore libertà di azione senza un attento esame e una correzione periodica da parte di Washington significa placare la Russia sopra le teste degli europei dell’est.

Qualsiasi amministrazione statunitense, repubblicana o democratica, deve continuare a lavorare con i nostri partner tradizionali, anche se spesso fastidiosi, a Berlino e Parigi. Ma ancora più importante, occorre fare molto di più per amplificare le voci illuminate di Varsavia, Tallinn, Helsinki e Praga”.

Exit mobile version