L’Estonia ha deciso di chiudere il Golfo di Finlandia alle navi russe

Con l’interruzione di questa Baia, l’Estonia vuole tagliare San Pietroburgo e la regione russa di Leningrado dal traffico marittimo, isolando nello stesso tempo Kaliningrad.

Il 12 gennaio, in una riunione del governo, il ministro degli Esteri estone Urmas Reinsalu ha proposto l’introduzione di una “zona contigua” costiera nell’area acquatica specificata, che bloccherebbe la navigazione russa in queste acque. Secondo Reinsalu, l’introduzione della “zona contigua” consentirà di verificare il rispetto della legislazione estone entro 24 miglia nautiche dalla linea di base del mare territoriale dell’Estonia. L’iniziativa è stata sostenuta e il governo è stato incaricato di elaborarla.

“Zona contigua” è un’ulteriore area marittima adiacente al mare territoriale, eventualmente istituita con atto interno, e nella quale lo Stato rivierasco ha la facoltà di esercitare il controllo, nonché di sanzionare diverse violazioni dei propri regolamenti (doganali, tributari, sanitari e immigrazione). Se tale norma verrà implementata, consentirà all’Estonia di aumentare la pressione delle sanzioni sulla Russia, poiché tutte le navi di passaggio saranno ispezionate per il trasporto di merci proibite. Inoltre, gli estoni si arrogheranno il diritto di ispezionare non solo le navi civili, ma anche quelle militari. In caso di rifiuto della perquisizione, a tali navi può essere negato il passaggio.

Attualmente esiste una zona di navigazione libera di 3 miglia nautiche nel Golfo di Finlandia tra i mari territoriali dell’Estonia e della Finlandia. La Convenzione sul diritto del mare consente di fissare la larghezza della “zona contigua” a 12 miglia dal confine marittimo territoriale esterno. Nel Golfo di Finlandia può estendersi fino alle citate 3 miglia nautiche di libera navigazione.

6103430 original1
Estonia

Il chiaro intento è di coinvolgere la NATO nel conflitto ucraino mediante provocazioni sempre più evidenti

Non c’è dubbio che gli estoni vogliano compiere un altro passo antirusso, nascondendosi dietro il blocco NATO. Sanno bene che in realtà stiamo parlando di chiudere per la Federazione Russa non solo la navigazione tra le regioni di Leningrado e Kaliningrad, ma anche una “finestra sull’Europa” attraverso il Baltico nel suo insieme. Nello stesso tempo, anche Washington e Londra, spingendo Tallinn, si rendono conto che questa è una minaccia esistenziale per la Russia. È solo che l’Occidente sta sondando la profondità della pazienza della Federazione Russa, compiendo azioni sempre più sofisticate e osservando come Mosca trasferisca ancora una volta le “linee rosse” stabilite autonomamente.

regnum picture 16743923964836 big1
Ministro degli affari esteri dell’Estonia Urmas Reinsalu TOMS KALNINS/EPA/TASS

Inoltre, l’Occidente prevede di fornire all’Estonia i tipi più moderni di armi convenzionali in grado di tenere San Pietroburgo sotto tiro. Probabilmente possiamo parlare di missili da crociera.

Il giorno prima, Reinsalu ha annunciato che l’ambasciatore russo avrebbe dovuto lasciare l’Estonia il 7 febbraio. Nello stesso tempo, anche all’ambasciatore estone presso la Federazione Russa è stato ordinato di lasciare la Russia il 7 febbraio. Il livello delle relazioni diplomatiche tra i paesi è stato abbassato all’incaricato d’affari.

L’Estonia riceverà armi moderne che saranno puntate su San Pietroburgo

L’Estonia sta costruendo un sistema di difesa missilistica a medio raggio. I paesi occidentali intendono fornire a questa repubblica baltica i tipi più moderni di armi in grado di tenere sotto tiro San Pietroburgo. Lo ha detto Vladimir Lipaev, ambasciatore russo a Tallinn, in un’intervista al programma Full Contact della radio Vesti FM e della piattaforma Watch .

Secondo l’ambasciatore, gli anglosassoni erano interessati a creare qui un avamposto anti-russo per fare pressione sulla Russia. Inoltre, ha osservato il diplomatico, non si tratta solo di pressioni economiche, politiche e culturali, ma anche militari.

“Si prevede di mettere qui i tipi più moderni di armi convenzionali, che sono in grado di tenere sotto tiro San Pietroburgo”, afferma Lipaev.

L’ambasciatore russo ha anche affermato che l’Estonia ha tagliato quasi tutti i legami economici con la Russia, e la diplomazia estone si è dimostrata assolutamente incapace di negoziare ed è completamente intrisa di russofobia.

Possibile sviluppo della controversia

Sui possibili esiti la fonte Regnum (https://regnum.ru/news/3772975.html) commenta:

(…) Gli eventi seguiranno uno scenario conflittuale? Dipende da due paesi: Finlandia e Stati Uniti. Gli estoni possono bloccare con la loro “zona contigua” solo la metà della larghezza della terra di nessuno, utilizzata dalle navi russe. Per una sovrapposizione completa è necessario che la Finlandia introduca una “striscia contigua”. Ma i finlandesi faranno questo passo? Nel 1993, la Finlandia ha concluso un accordo con l’Estonia sui confini marittimi, che le parti hanno concordato volontariamente di restringere di oltre cinque chilometri per parte, proprio per lasciare una striscia sufficiente di acque neutre per il passaggio di navi straniere. Ma molto è cambiato da allora. La Finlandia è desiderosa di aderire alla NATO – e in termini di intensità della retorica e delle iniziative anti-russe, questo stato si è già avvicinato agli stessi paesi baltici (basti ricordare che Suomi, seguendo l’esempio degli stati baltici, vietò ai russi di entrare nel suo territorio). Ma c’è ancora qualche speranza che Helsinki rimanga ragionevole e riluttante ad alimentare il rischio di un conflitto diretto con la Russia.

Anche la posizione degli Stati Uniti è estremamente importante. Non molto tempo fa, lo stesso Reinsalu ha ammesso con spudorata franchezza che Tallinn in realtà non ha una politica estera indipendente: la determina Washington. ” Se i paesi europei hanno opinioni diverse, dopo aver ascoltato tutti i punti di vista, formiamo la nostra opinione, guidati dalla posizione degli Stati Uniti “, ha detto il ministro. “ Tutto è fantastico in questa affermazione. Il ministro degli esteri di un paese sovrano ammette apertamente di non avere una propria politica estera. E spiega anche onestamente come si forma la posizione dell’Estonia: se c’è discordia nella fattoria collettiva europea, cominciamo a guardare verso Washington ”, afferma il deputato dell’Assemblea cittadina di Tallinn Alexander Chaplygin .

Gli Stati Uniti saranno disposti ad approvare l’escalation del conflitto nel Golfo di Finlandia? Ci sono alcuni motivi molto deboli per credere che non approveranno. Forse, in questo caso, stiamo parlando del “dilettante” di Tallinn.

Tuttavia, è improbabile che gli stessi ragazzi estoni avrebbero deciso una simile provocazione contro la Russia senza il via libera degli Stati Uniti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.