L’esercito statunitense “prepara il teatro” per la guerra con la Cina

us army - foto unsplash - Joel Rivera-Camacho

I guerrieri chiamano l’uccisione di persone “teatro”. I civili sono spettatori o comprimari.

I piani degli Stati Uniti per una guerra con la Cina – nota come “battaglia aria-mare” – includono un massiccio attacco aereo e missilistico contro le basi militari cinesi e le strutture industriali strategiche sostenute da marine e sottomarini. Il Pentagono è sempre più preoccupato per la capacità della Cina di difendere il proprio territorio e garantire la sicurezza nei mari vicini, ovvero “negare l’accesso” agli Stati Uniti utilizzando missili e marina cinesi.
___________________
testo da International Committee of the Fourth International (ICFI):
___________________

In un’intervista estremamente sincera con il Financial Times, un generale della marina statunitense di alto rango di stanza in Giappone ha affermato che i successi USA-NATO contro la Russia in Ucraina sono stati il ​​prodotto di una pianificazione e preparazione anticipata – frutto del “preparare il teatro” della guerra (in gergo militare). L’alto ufficiale ha spiegato che questo è ciò che il Pentagono sta facendo in Giappone e in Asia, preparandosi a un conflitto con la Cina per Taiwan.

“Perché abbiamo raggiunto il livello di successo che abbiamo ottenuto in Ucraina?” ha detto retoricamente il tenente generale James Bierman. Gran parte di ciò, ha spiegato, è stato che dopo quella che ha definito “l’aggressione russa” nel 2014 e nel 2015, “abbiamo ricevuto un duro colpo, dopodiché abbiamo preparato il conflitto futuro: addestramento per gli ucraini, pre-posizionamento dei rifornimenti, identificazione dei luoghi da cui potremmo gestire il supporto, sostenere le operazioni.

“Tutto questo la chiamiamo ambientazione teatrale. E stiamo allestendo un teatro in Giappone, nelle Filippine e in altri posti”. In altre parole, gli Stati Uniti stanno tendendo una trappola alla Cina, provocandola a intraprendere un’azione militare contro Taiwan nello stesso modo in cui hanno provocato l’invasione della Russia in Ucraina dopo il colpo di stato del 2014 sostenuto dagli Stati Uniti che ha rovesciato il governo filo-russo.

Il tenente generale James Bierman è il comandante della terza forza di spedizione marina (III MEF) e delle forze navali giapponesi. Significativamente, III MEF è l’unica forza navale di risposta alle emergenze permanentemente di stanza al di fuori degli Stati Uniti. In altre parole, Bierman e i suoi marines sarebbero in prima linea in qualsiasi conflitto guidato dagli Stati Uniti con la Cina.

Come spiega il Financial Times, il III MEF è “al centro di una radicale riforma del Corpo dei Marines”. L’attenzione si sposta dalla “guerra al terrore” in Medio Oriente alla “creazione di piccole unità specializzate nell’operare rapidamente e di nascosto nelle isole e negli stretti dell’Asia orientale e del Pacifico occidentale per contrastare la strategia di Pechino di ‘negare l’accesso all’area’.”

I piani degli Stati Uniti per una guerra con la Cina – nota come la battaglia aria-mare – prevedono un massiccio attacco aereo e missilistico alle basi militari cinesi e alle industrie strategiche supportate da navi da guerra e sottomarini. Il Pentagono è sempre più preoccupato per la capacità militare della Cina di difendere il proprio territorio e proteggere i mari vicini – ovvero “negare l’accesso alla zona” con i propri missili e navi da guerra.

I preparativi per la guerra degli Stati Uniti insieme al Giappone procedono rapidamente. Come si vantava Bierman, entrambi gli eserciti “hanno registrato una crescita esponenziale … proprio nell’ultimo anno” nelle loro operazioni nel territorio da cui avrebbero operato in tempo di guerra. Durante le recenti esercitazioni, il Corpo dei Marines ha istituito per la prima volta centri di coordinamento tattico a terra multipli, invece di lavorare con un posto di comando giapponese separato.

L’obiettivo è un’integrazione molto più stretta delle forze americane e giapponesi. Invece di ruotare i gruppi militari giapponesi per operare a fianco delle forze statunitensi in Giappone, unità specifiche sono state designate come parte di “forze sostitutive” insieme alle loro controparti della marina, della marina e dell’aeronautica degli Stati Uniti.

Bierman ha anche indicato che preparativi simili sono in corso nelle Filippine, dove il governo intende consentire agli Stati Uniti di dispiegare armi e altri rifornimenti in altre cinque basi oltre alle cinque a cui hanno già accesso. “Ottieni un punto di leva, una base operativa che ti consente di avere un enorme vantaggio in diversi piani operativi”, ha detto.

La guerra guidata dagli Stati Uniti contro la Russia in Ucraina e il suo confronto sempre più intenso con la Cina sono due facce di una strategia per dominare la vasta massa continentale eurasiatica che minaccia di far precipitare l’umanità in un olocausto nucleare.

Benché Bierman enfatizzi la pianificazione operativa avanzata per la guerra con la Cina, essa è accompagnata da un massiccio aumento delle spese militari sia da parte degli Stati Uniti che del Giappone.

Il 2 gennaio Stars and Stripes ha riferito che il nuovo budget per la difesa degli Stati Uniti – approvato il mese scorso dal presidente Biden – include miliardi di dollari per nuove infrastrutture militari e iniziative strategiche nel Pacifico. Il Comando Indo-Pacifico ha già circa 375.000 militari e civili che lavorano in tutta la regione.

Il quartier generale del commando alle Hawaii riceve 87,9 milioni di dollari per le caserme; $ 103 milioni per l’ammodernamento delle strutture di stoccaggio dei missili; $ 111 milioni per la struttura operativa della società e $ 29 milioni per il National Guard Readiness Center.

La Marina riceverà 32 miliardi di dollari per nuove navi da guerra e 36 F-35, ciascuno del costo di circa 89 milioni di dollari. Il finanziamento include anche 621 milioni di dollari per due sottomarini SSN-774 di classe Virginia per condurre le operazioni nel Pacifico e sottoporsi a manutenzione presso il cantiere navale di Pearl Harbor.

Per contrastare le armi cinesi, l’esercito sta aggiornando i sistemi di artiglieria e missili, alla ricerca di nuovi cannoni a lungo raggio e armi ipersoniche, mentre modifica i missili aerei e navali ei missili da crociera lanciati da terra dalle unità dell’esercito.

Il mese scorso il governo giapponese ha annunciato che raddoppierà la sua spesa militare nei prossimi cinque anni tra il 2023 e il 2027 a circa 80 miliardi di dollari, ovvero il 2% del PIL. I relativi documenti di difesa nazionale identificano chiaramente la Cina come “senza precedenti e la più grande sfida strategica”.

L’esercito giapponese acquisterà una gamma di armi offensive, inclusi missili da crociera come il Tomahawk di Lockheed Martin e il Joint Air-to-Surface Standoff Missile (JASSM). Prevede inoltre di aggiornare i propri missili guidati di tipo 12, che possono essere lanciati da terra, navi o aerei per colpire navi da guerra, e di produrre i propri missili guidati ipersonici.

Il Giappone rafforzerà anche le sue basi missilistiche. Ha già iniziato a militarizzare le sue isole meridionali immediatamente adiacenti a Taiwan e al largo della Cina continentale, comprese le isole di Amami, Miyako, Ishigaki e Yonaguni. Tokyo ha schierato o intende schierare unità missilistiche e di guerra elettronica su queste isole, oltre a costruire depositi di munizioni e carburante.

Domenica il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha intrapreso un tour in Europa e Nord America, concentrandosi sul rafforzamento dei legami militari. Visiterà sia il Regno Unito che l’Italia, che sono partner congiunti nell’accordo concordato il mese scorso per costruire nuovi caccia avanzati. Si prevede inoltre di firmare un accordo nel Regno Unito per stabilire un quadro per le visite delle forze armate britanniche.

L’ultima tappa di Kishida saranno gli Stati Uniti, dove terrà colloqui con Biden alla Casa Bianca, discuterà della cooperazione militare, dell’acquisto da parte del Giappone di missili statunitensi e degli sforzi per bloccare l’accesso della Cina ai semiconduttori avanzati. Nell’ambito della guerra economica degli Stati Uniti con la Cina, Biden ha imposto una serie di divieti alla vendita alla Cina di chip per computer avanzati o macchinari necessari per svilupparli e fabbricarli. I ministri della Difesa e degli Esteri giapponesi dovrebbero tenere un giro di colloqui con le loro controparti americane mercoledì a Washington.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti intendono condurre un provocatorio viaggio ufficiale a Taiwan, un’isola che de facto si riconosce come parte della Cina ai sensi della sua One China Policy con Pechino come governo legittimo. Terry McCartin, il massimo funzionario statunitense responsabile del commercio con la Cina, dovrebbe arrivare a Taipei sabato per guidare una delegazione che includerà funzionari di altre agenzie governative.

La visita del presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan lo scorso agosto, sancita dalla Casa Bianca, ha scatenato forti tensioni e una pericolosa dimostrazione di forza da entrambe le parti nelle acque circostanti. Rafforzando i legami commerciali e militari con Taipei, Washington sta deliberatamente mettendo alle strette Pechino per costringerla a sparare il primo colpo nella guerra per Taiwan, per la quale gli Stati Uniti si sono preparati in anticipo.

Come spiegò brutalmente il tenente generale Bierman: “Quando affrontiamo un avversario cinese che possiederà una pistola iniziale e avrà la capacità di iniziare potenzialmente le ostilità… Possiamo identificare un terreno chiave critico che deve essere tenuto, protetto, difeso, sfruttato. “”

Zbigniew Jacniacki

Exit mobile version