L’Enel è ‘esposta’ per 16 miliardi di euro ed ha chiesto garanzia allo stato

energia - foto Pexel

Come ricordato dall’economista Giuseppe Masala sul canale YouTube di Stefano Orsi nella rubrica Pintadera (min. 47:10), circa 70 società italiane sono a rischio fallimento a causa della loro esposizione finanziaria sui derivati.  Qualche giorno fa, una di queste aziende, l’Enel, ha chiesto garanzia statale attraverso la SACE per posizioni da scoperte sui derivati legati all’energia per un importo da far tremare i polsi.

Dopo gli scandali degli anni passati (di aziende ed addirittura Enti locali), si apprende che  l’ENEL – che ha circa il 23 per cento di partecipazione statale – è fortemente esposta in derivati e che probabilmente non basteranno neanche 16 miliardi di euro a riempire la voragine che si è venuta a creare. 

Da Nacked Capitalism del 21 ottobre 2022, autore Nick Corbishley:

(…) Si prevede che i maggiori istituti di credito italiani, UniCredit SpA e Intesa Sanpaolo SpA, contribuiranno con 5 miliardi di euro a una linea di credito di emergenza di 16 miliardi di euro per la più grande utility italiana, Enel. Cassa Depositi e Prestiti SpA, assistita dallo Stato, e altre due banche, Banco BPM SpA e BPER Banca SpA, lanceranno probabilmente ulteriori 2 miliardi di euro ciascuna. Questa è una linea di “credito revolving” di 18 mesi, il che significa che il denaro verrà prelevato secondo necessità. Gran parte di quei soldi, come i prestiti alle imprese erogati per l’emergenza durante la crisi del coronavirus, saranno garantiti dal governo italiano.

Sembra che Enel abbia bisogno della linea di credito per coprire i rischi derivati ​​legati al forte aumento dei prezzi dell’energia, anche se i prezzi del gas e dell’elettricità in Europa sono diminuiti in modo abbastanza significativo nelle ultime settimane. Proprio come abbiamo visto di recente nel mercato dei gilt del Regno Unito, i derivati ​​stanno facendo esattamente quello che hanno fatto nella GFC: ingrandimento del rischio ed estensione del contagio.

Un problema a livello di UE

Ingenti somme di credito garantito dallo Stato sono già state concesse dai governi europei alle società energetiche, al fine di impedire loro di inadempiere sui loro contratti derivati. Come riportato da NC all’inizio di settembre, ciò potrebbe causare un disfacimento simile a quello di Lehman dei mercati dei derivati, con società che devono affrontare richieste di margini fino a 1,5 trilioni di euro. Per evitare che ciò accada, Svezia e Finlandia hanno già fornito garanzie per un valore di 33 miliardi di euro.

A luglio, la Germania ha concesso al colosso nazionale dell’energia Uniper, di proprietà della società finlandese Fortum, un prestito di 15 miliardi di euro, per poi tornare sui binari a settembre. Alla fine, Berlino ha rilevato il 99% della società, con un costo aggiuntivo di 29 miliardi di euro. In qualità di maggiore importatore di gas della Germania, Uniper è stata particolarmente colpita dalla forte riduzione dei flussi di gas in arrivo dalla Russia. Ma i suoi problemi in realtà sono iniziati prima dell’invasione russa dell’Ucraina, ​​in gran parte con l’inasprimento delle coperture dei derivati da incolpare. Nel gennaio di quest’anno Uniper è stata costretta a prendere in prestito 10 miliardi di euro dalla sua casa madre finlandese, Fortum, per soddisfare le richieste di margine a seguito dell’impennata dei prezzi di gas ed elettricità in Europa nel 2021.

Ora tocca a Roma aiutare le aziende energetiche italiane. Come Yves ha precedentemente notato, ci vorrà del tempo prima di sapere se i problemi di liquidità di queste società sono il risultato di coperture sensate andate male, coperture stupide andate male e speculazioni andate male. Detto questo, è del tutto normale che i produttori di elettricità come Enel mettano short sul mercato energetico come copertura, come spiega il FT: “Alle aziende piace ridurre i rischi delle loro vendite di elettricità a famiglie e imprese assumendo posizioni corte sui mercati dei futures prima che vendere l’elettricità fisica. In questo modo, se i prezzi dell’energia scendono, eventuali perdite sul contratto saranno mitigate dai guadagni dalla posizione corta e se i prezzi aumentano, il profitto aggiuntivo realizzato sulla consegna fisica dovrebbe coprire il costo dello short”.

[Questo sembra abbastanza innocente ma non lo è. In questo caso per eccessiva insaziabilità, l’azienda ha speculato su un bene pubblico. E’ da ricordare che almeno il 70% dei contratti ENEL per forniture energetiche russe avviene tramite contratti a termine i quali ancora oggi hanno un prezzo fisso, che è molto basso. La forte sofferenza riscontratasi è causata dal ricorso ai contratti ‘Spot’, ovvero agli acquisti di gas al prezzo di mercato stabiliti giornalmente alla borsa di Amsterdam. In definitiva, piuttosto che usufruire dei vantaggi dei contratti a lungo termine l’azienda ha preferito rischiare in modo elevato per amplificare i guadagni, nel caso i prezzi fossero scesi. Paradossalmente, questo gioco di azzardo ha portato ad una amplificazione delle perdite, quando i prezzi sono cresciuti. Il tutto per non legarsi alla Russia con contratti a lungo termine. È fortemente probabile che con l’incancrenirsi della guerra ucraina, i prezzi cresceranno e con essi le perdite. Ma è da notare che ENEL non ha speculato solo sull’energia ma anche su altri strumenti finanziari pericolosissimi. Il bancomat del popolo italiano è sempre la soluzione migliore a cui ricorrere per ripianare speculazioni e scelte criminali che si susseguono di anno in anno, dall’entrata nell’euro. NDR Vietato Parlare].

In base alle attuali regole di mercato, chiunque prenda una posizione corta nei mercati dei futures è tenuto a inviare una garanzia aggiuntiva – o un margine – allo scambio se il prezzo dell’attività sottostante aumenta. In tempi normali, questa è una pratica commerciale accettata, ma negli ultimi mesi l’impennata del prezzo dell’elettricità ha fatto sì che i requisiti di garanzia per le utility che hanno coperto le loro vendite di energia, spesso con mesi o anni di anticipo, sono aumentati a dismisura.

“Uno strumento semplice… per gestire il rischio finanziario e il supporto.”

È interessante notare che gli strumenti derivati ​​di Enel sembrano essersi estesi ben oltre i mercati dei futures sull’energia. Nel 2021 ha collaborato con l’istituto di credito francese Credit Agricole per istituire il primo programma di derivati ​​forex legato alla sostenibilità. Come illustrato in un articolo del 2017 in ISDA Quarterly , la società utilizza derivati ​​per una serie di motivi, in una varietà di classi di attività, inclusi tassi di interesse, FX e materie prime.

“Rimaniamo sostanzialmente stabili in termini di utilizzo dei nostri derivati. I derivati ​​sono un prodotto sufficientemente elastico per tenerci allineati ai rischi sottostanti, nonostante le sfide del mercato”, ha affermato Fabio Casinelli, responsabile tesoreria e mercati dei capitali di Enel. “I derivati ​​sono un vero e proprio supporto, uno strumento semplice che ci aiuta assolutamente a gestire il rischio finanziario e il supporto”.

[Quindi, nonostante le evidenze questi sono ancora convinti della giustezza delle loro azioni! NDR Vietato Parlare]

Cinque anni dopo, l’utilizzo da parte di Enel di quel “semplice strumento” ha creato un deficit di liquidità di 16 miliardi di euro che le banche italiane, con l’aiuto del governo, devono ora colmare. Dati i recenti movimenti sismici sia nei mercati valutari globali che nel contesto dei tassi di interesse, sarebbe interessante sapere se le coperture e le scommesse sui derivati ​​di Enel su altre classi di attività abbiano contribuito in qualche modo alla sua carenza di liquidità.

Primo arrivato, primo servito

ll fatto che Enel sia prima per la linea di credito garantita dallo Stato, è ironico dato che:

Poche settimane dopo, è la stessa Enel a colpire il governo per una grossa fetta di quei soldi. Fonti anonime hanno detto a Reuters che il governo ha già accettato in linea di principio di concedere garanzie statali per la linea di credito. Secondo Il Fatto, i soldi servono per evitare che le richieste di margine mettano a repentaglio i piani industriali di Enel.

Ma Enel ha anche altri problemi. Il suo indebitamento netto (la quantità di debito che rimarrebbe dopo aver estinto quanto più debito possibile con le sue attività liquide) rimane ostinatamente alto, intorno ai 62 miliardi di euro, mentre il valore delle sue azioni è sceso di oltre il 40% dal 1° gennaio — molto più della maggior parte dei suoi colleghi europei. Ora sta cercando di ripagare il suo debito svendendo beni, comprese tutte le sue operazioni commerciali in Russia.

In fila dietro Enel ci sono altre 70 compagnie energetiche che potrebbero essere a rischio di default, secondo Utilitalia. In altre parole, la crisi è appena iniziata. Come ha notato Yves nel suo preambolo all’articolo incrociato, “Lehman Event” si profila per l’Europa mentre le aziende energetiche devono affrontare $ 1,5 trilioni di richieste di margini”, l’esplosione dei derivati ​​energetici ha il potenziale per essere una crisi sistemica, motivo per cui i governi europei faranno tutto ciò che è in loro potere per salvare le aziende (e, per estensione, le istituzioni finanziarie) colpite.

Come ha sottolineato Yves nel preambolo, poiché la crisi energetica colpirà per prima, come già si vede, il settore energetico (e le sue controparti finanziarie) sarà in prima fila per ricevere i fondi di salvataggio in quanto, per priorità, avrà la precedenza sul finanziamento dei salvataggi dell’economia reale.

Questa è una cattiva notizia per un’economia come quella italiana, che vanta la seconda base industriale più grande d’Europa, supporto vitale per la maggior parte dell’ultimo decennio. Molte aziende sono riuscite a superare i blocchi del 2020-21 solo assumendo enormi quantità di debiti, che ora devono ripagare. Eppure questo sta diventando sempre più difficile man mano che il prezzo dell’energia e quasi tutto il resto sale alle stelle.

Le aziende italiane sono fortemente dipendenti non solo dal debito ma anche dal gas (per la loro elettricità), gran parte del quale proveniva dalla Russia. In assenza di quel gas, le forniture sono diminuite e i prezzi sono aumentati vertiginosamente. Secondo un rapporto di Confindustria, le aziende dovrebbero pagare 110 miliardi di euro in più in bolletta energetica nel 2022 rispetto a prima della pandemia. Fondamentalmente, più della metà di quel denaro (55,6 miliardi di euro) è dovuto nel periodo da settembre a dicembre.

Il capo di Confindustria, Carlo Bonomi, ha chiesto un pacchetto di aiuti per proteggere l’economia italiana dall’impennata dei costi energetici. “Senza industria non c’è Italia”, ha detto, aggiungendo: “Sono più preoccupato ora di quanto non lo fossi all’inizio della pandemia”.

Il prezzo del debito, per aziende, famiglie e governo, continua a salire, mentre la BCE inizia ad aumentare i tassi di interesse, in un tentativo (quasi certamente) disperato di domare l’inflazione, e mentre i rendimenti dei titoli italiani a 10 anni si aggirano intorno al 4,8%, il livello più alto dal 2013 (l’anno scorso erano sotto l’1%). Anche il rendimento medio dei mercati obbligazionari societari europei ha raggiunto il livello più alto in un decennio all’inizio di questa settimana, secondo un indice del debito societario investment grade.

Con il deterioramento delle condizioni economiche nei prossimi mesi, è probabile che le aziende di tutta Europa inizino a essere insolventi sul proprio debito. Le conseguenze che ne derivano rischiano di disperdere non solo le banche che hanno prestato loro i soldi, ma anche i governi europei.

Questo perché i governi hanno sottoscritto un’enorme fetta di prestiti bancari emessi di recente. Il grande vantaggio nel fare ciò è che le garanzie statali non vengono immediatamente conteggiate come debito pubblico ma diventano un problema solo se le società mutuatarie sono inadempienti sul loro debito, cosa che sta già cominciando a verificarsi. Secondo l’esperto di mercato orso con sede nel Regno Unito Russell Napier, “di tutti i nuovi prestiti bancari emessi in Germania [da febbraio 2020], il 40% è garantito dal governo. In Francia è il 70% di tutti i prestiti, e in Italia è oltre il 100%, perché migrano i vecchi crediti in scadenza a nuovi schemi garantiti dal governo”.

In totale, il governo italiano ha sottoscritto 277 miliardi di euro di debito aziendale fresco durante la pandemia. Ma non finisce qui. Negli ultimi cinque anni circa le banche italiane, con l’aiuto delle migliori società di Wall Street, hanno tagliato e riconfezionato attività finanziarie deteriorate, come prestiti, mutui residenziali o commerciali o altre “sofferenze” italiane a volte non garantite (crediti inesigibili) in strumenti garantiti da attività che potrebbero poi essere venduti a investitori affamati di rendimento in tutto il mondo. E gran parte di quel debito è garantito anche dallo Stato italiano, il che significa che quando le aziende che hanno acquistato il debito inizieranno a scoprire che è irrecuperabile, sarà lasciato in mano al governo italiano.

Questo articolo è stato pubblicato in Guest Post il 21 ottobre 2022 da Nick Corbishley.

 da: https://www.nakedcapitalism.com/2022/10/italian-utility-giant-enel-needs-a-e16-billion-lifeline-as-its-huge-derivatives-exposure-backfires.html .

Ovviamente, la considerazione più importante per quel che interessa noi, facenti parti della plebe su cui ricadranno tutti gli errori a catena della classe dirigente europea e dei vassalli che ci governano intrisi fino al midollo della stessa ideologia mercantilistica e speculativa, è semplice: gli asset strategici dovrebbero essere gestiti interamente dallo Stato e non quotati in borsa. Non è difficile capirlo, c’è solo malafede.
Come sempre, si scaricheranno le perdite sugli italiani. Nel frattempo si continuerà la guerra in Ucraina, frutto della “democrazia realizzata”, che non riesce a negoziare la pace e che ha bisogno di un sistema rigoroso di menzogne per sopravvivere.

VPNews

Exit mobile version