Le vere intenzioni di Trump nei confronti della Corea del Nord e della Siria

[su_heading style=”modern-2-blue” size=”21″]Siria e Iran dimostrano che non c’è possibilità di pace in Corea del Nord.[/su_heading]

Di  ALEX CHRISTOFOROU

Pace in Corea del Nord? Aspettatevi ulteriori attacchi in Siria e relazioni destabilizzanti con l’Iran. Non stupitevi se i negoziati con la Corea del Nord improvvisamente crolleranno.

Nella geopolitica si dice che i summit per la pace sono di solito il momento perfetto per prepararsi alla guerra. Questo pensiero deriva dalla filosofia militare di Sun Tzu, che riteneva che quando un paese è debole, è importante che abbia un aspetto forte e, quando un paese è al suo livello più pericoloso, è importante apparire debole o “diplomatico” “. Sun Tzu ha anche elogiato spesso le virtù della distrazione e dei trucchi di manipolazione, non solo in guerra ma anche in politica.

Vorrei sottolineare che Sun Tzu e il metodo orientale di “trucchi manipolativi” non sono solo un pilastro del pensiero cinese e nordcoreano, ma anche una lettura obbligatoria per le agenzie di intelligence occidentali. È importante comprendere bene questa metodologia osservando il paradigma Est / Ovest, perché quasi tutto ciò che si vede e si sente quando si tratta di relazioni con paesi come la Cina e la Corea del Nord è ‘teatro’. I loro governi hanno piani nascosti, i nostri governi hanno piani nascosti, e i globalisti che manipolano entrambe le parti hanno piani che superano tutto il resto.

Tenete presente tutto questo quando sentirete parlare degli improvvisi e quasi inspiegabili annunci di vertici di pace con la Corea del Nord a maggio o giugno tra Pyongyang e l’amministrazione Trump.

Guardando lo scenario solo dal punto di vista della motivazione politica, è difficile discernere  perché Trump fosse così ossessionato dalla Corea del Nord da quando è entrato in carica. La Corea del Nord ha sempre avuto la capacità nucleare e la capacità di dispiegare queste armi nucleari in una forma o un’altra contro gli Stati Uniti. La Corea del Nord è sempre stata coinvolta in nuovi test nucleari e test missilistici. L’idea che un simile test oggi sia in qualche modo una “violazione” di norme e regole internazionali arbitrarie è assurdo. Quasi tutti i paesi del mondo sono impegnati nell’espansione e nello sviluppo militare.

D’altra parte, se uno si limita alla superficie della retorica e della politica, è difficile discernere il motivo per cui la Casa Bianca Trump è anche ossessionato con la Siria e il regime di Assad. Una delle principali forze motrici alla base della campagna elettorale di Donald Trump era l’idea che questo candidato si sarebbe distinto dalle élite che si riconoscono nella tradizione della guerra perpetua. Le critiche di Trump agli ex presidenti e alla loro gestione dell’Iraq e del Medio Oriente avrebbero dovuto rappresentare un cambiamento radicale nelle politiche di aggressione americana. Invece, il  suo ufficio è ora invaso dal cancro dei falchi neo-conservatori (falsi conservatori) e dai sostenitori della globalizzazione bancaria.

Si supponeva che gli Stati Uniti fossero a pochi mesi dall’eliminare completamente la presenza militare dalla Siria. Eppure un “attacco chimico” ben pianificato su un sobborgo di Damasco, attribuito ad Assad, ha dato a Trump una giustificazione perfetta per mantenere le truppe nell’area e intensificare l’uso della forza con i bombardamenti missilistici. E’ stata una affermazione molto ‘originale’ quella del presidente Obama secondo la quale gli Stati Uniti erano in Siria a causa della crescente minaccia dello Stato islamico (un movimento terroristico appoggiato dall’intelligence segreta occidentale). Oggi il nuovo nemico è il vero obiettivo che i globalisti hanno sempre avuto in mente: il governo siriano stesso.

Quando vedo le notizie dalla Corea del Nord improvvisamente abbracciare i colloqui di pace subito dopo gli incontri con la Cina e subito dopo le minacce selvagge lanciate intorno a un imminente conflitto nucleare, mi chiedo della vera natura dietro il cambiamento anormale nella retorica. Quando vedo Trump parlare improvvisamente di Kim Jong-un definendolo “molto onorevole” dopo mesi di attacchi verbali sui social media,  mi chiedo quando la prossima ‘falsa bandiera’ sembrerà la farsa di Damasco?

Vi sono già chiari segni che tutto ciò non è come sembra quando si tratta su un possibile accordo di pace con la Corea del Nord.

L’offerta della Corea del Nord di fermare i test nucleari in cambio di una tregua con gli Stati Uniti è un po ‘vuota quando ci si rende conto che il principale sito di test nucleari di Pyongyang è stato recentemente collassato a causa di uno sfruttamento eccessivo. Qualunque fermata della Corea del Nord è probabilmente temporanea finchè non vengono preparati i siti secondari.

Da’ltra parte è sorprendente che la Corea del Nord sia disposta a iniziare colloqui diplomatici solo mesi dopo aver superato con successo i test dei suoi primi ICBM per raggiungere la costa orientale degli Stati Uniti. Di nuovo, come insegnava Sun Tzu, quando sei il più pericoloso, è importante apparire deboli per i tuoi nemici.

Il nuovo consigliere per la sicurezza nazionale e attivista neoconservatore di Trump, John Bolton, ha espresso nelle interviste “dubbi” che la Corea del Nord “abbandonerà” le sue armi nucleari. Bolton e altri globalisti sanno bene che la Corea del Nord non ha intenzione di disarmare, e se questo è un prerequisito per qualsiasi accordo di pace; per questo mi aspetto che i colloqui crollino prima del loro inizio.

Nei primi colloqui sulla Siria sotto l’amministrazione Obama,  l’ingegneria della “pace” passava attraverso la tesi secondo la quale era necessario che Assad si dimettesse da presidente della Siria affinché la diplomazia progredisse. Naturalmente, come notato sopra, le agenzie segrete occidentali hanno creato l’ISIS da zero, proprio come hanno creato la guerra civile siriana da zero. Hanno causato un genocidio civile estremo attraverso i loro proxy dell’ISIS, hanno reso il regime di Assad ‘responsabile dell’instabilità nella regione’ e poi, quando hanno visto che la loro rivoluzione colorata non era riuscita a rovesciare Assad,  gli chiesero di rinunciare al potere come prova di buona volontà per portare avanti il ​​processo di pace. Vedi come funziona?

Ovviamente, i globalisti sapevano che Assad non avrebbe mai dato le dimissioni. Perché avrebbe dovuto farlo, quando sapeva che era lui l’obiettivo dietro la creazione dell’ ISIS,  dall’inizio? Pertanto, la Siria rimane un punto del ‘caos utile’ nei progetti globali, perché una guerra più ampia è una possibilità sempre presente. È un barile di polvere perpetua che potrebbe essere innescato in qualsiasi momento scelto dai globalisti.

L’Iran è un altro eccellente esempio della natura fraudolenta degli accordi di pace dell’establishment. L’accordo iniziale firmato nel 2015, denominato Joint Global Action Plan (JCPOA), prevedeva una drastica riduzione delle scorte di uranio e degli impianti di arricchimento in Iran. L’Iran sembra aver rispettato questa richiesta in base alle relazioni iniziali e si è conformata alle richieste di ispezione dell’AIEATuttavia, gli accordi di pace globali non sono mai statici: possono essere modificati in qualsiasi momento per facilitare una rottura dell’accordo.

Gli Stati Uniti hanno recentemente chiesto all’IAEA di ispezionare non solo le strutture nucleari dell’Iran, ma anche i suoi siti militari, che non erano originariamente di competenza dell’AIEA. L’Iran, ovviamente, non è molto contento dell’idea di sottoporre le sue basi militari a ispezioni straniere. Funzionari statunitensi hanno anche detto che l’Iran non sta seguendo “lo spirito dell’accordo”; non a causa del presunto sviluppo nucleare, ma a causa del sostegno dell’Iran al regime di Assad in Siria.

Inoltre, gli Stati Uniti cercano di modificare il JCPOA originale rifiutandosi di qualificare le modifiche come “rinegoziazione”. I funzionari hanno chiesto un “accordo aggiuntivo” che, a mio parere, è in realtà una rinegoziazione dell’accordo originale. Ciò è chiaramente inteso a provocare uno smantellamento del JCPOA, in quanto è improbabile che l’Iran accetterà mai una rinegoziazione.

Infine, Israele ora sostiene che l’Iran ha violato il JCPOA sviluppando segretamente la tecnologia nucleare. Ancora una volta, come per le armi di distruzione di massa in Iraq e per gli attacchi di armi chimiche in Siria, non è stata prodotta alcuna prova tangibile a sostegno di questa affermazione. Ma non importa affatto che Israele abbia già lanciato attacchi contro obiettivi iraniani in Siria (la Siria e l’Iran hanno un patto di mutua difesa) e potrebbero attaccare molto bene l’Iran direttamente l’anno prossimo.

I globalisti non si preoccupano della pace, si preoccupano solo del tempismo delle loro guerre. La stessa realtà si applica alla Corea del Nord. Ecco come probabilmente si giocherà questa situazione …

L’amministrazione Trump inizierà i colloqui di pace con richieste inverosimili per il completo disarmo nucleare. La Corea del Nord ha finora offerto un blocco dei test, ma ancora una volta, questo è probabilmente dovuto al crollo del loro sito di test principale. Un blocco del test non è la stessa cosa del disarmo totale.

La Corea del Nord ovviamente si rifiuterà di disarmare. L’establishment spingerà più forte, facendo sì che la Corea del Nord si ritiri dai colloqui, rinvii più volte i colloqui o abbandoni del tutto il dialogo. Quindi, l’establishment dirà che la Corea del Nord non è seria riguardo alla pace, quindi l’uso della forza può essere giustificato. Diranno che hanno dato alla Corea del Nord la possibilità di fare le cose nel modo più semplice, ma che ora è necessario il modo più difficile.

I test missilistici in Corea del Nord proseguiranno e verranno aperti nuovi impianti di missili nucleari. Trump chiamerà per l’arresto cinetico di questi siti.

Coloro che credono veramente che i globalisti abbandoneranno una delle migliori scatole geopolitiche di Pandora in Corea del Nord non hanno ancora imparato le lezioni su quanto sta accadendo in Siria o con l’Iran. Queste regioni rappresentano una miniera d’oro di potenziale caos internazionale che può essere utilizzato come copertura per tutti i tipi di guai e per il continuo declino economico.

Come ho notato negli articoli precedenti, è piuttosto conveniente per le élite bancarie della Federal Reserve che, ogni volta che annunciano ulteriori riduzioni nei loro bilanci e continui aumenti dei tassi d’interesse, contemporaneamente una nuova crisi geopolitica accompagna le esplosioni di Donald Trump. È una semplice coincidenza o dovremmo considerarla una tendenza percettibile?

Se questa è una tendenza, mi aspetterei altre crisi che coinvolgano la Siria. Iran e Corea del Nord a maggio e giugno mentre la Fed si prepara ad aumentare le dimensioni dei tagli ai bilanci, ponendo fine alla sua politica a lungo termine di sostenere artificialmente i mercati. Sono probabili altri attacchi in Siria e relazioni destabilizzanti con l’Iran. Prevediamo un fallimento dei colloqui con la Corea del Nord, seguiti da un ulteriore calo delle scorte e di altre attività.

Fonte: al Market

Fonte:  http://theduran.com/iran-and-syria-may-reveal-trumps-true-intentions-for-north-korea/

Traduzione: Vietato Parlare

 

Exit mobile version