Le relazioni tra Siria e Giordania si avviano a tornare alla “normalità”

Per la prima volta in 10 anni, si sono svolti negoziati ad alto livello tra le forze armate giordane e siriane. Il presidente del Joint Chiefs of Staff, il tenente generale Yousef Ahmad al-Hunayfi, ha ricevuto il ministro della Difesa siriano, il generale Ali Abdullah Ayyub ad Amman.

Il colloquio ha coperto tutti temi più importanti, di reciproco interesse: la sicurezza del confine comune, la lotta al contrabbando, l’estremismo islamico, la stabilità nel sud della Siria, la ripresa del commercio transfrontaliero, il traffico di droga.

In breve, possiamo dire che hanno stabilito un certo quadro di cooperazione, questa è scomparsa nel 2011, quando è iniziato il conflitto. La Giordania si è poi schierata con le forze antigovernative e ha persino sostenuto i militanti nel sud del paese.

Con molta probabilità gli argomenti principali trattati sono stati i seguenti:

– La situazione nel sud della Siria, in particolare nella provincia di Daraa adiacente alla Giordania, che Damasco ha cercato di reintegrare dal 2018 con un accordo con i militanti. Un mese fa, in mezzo a un’altra escalation , le autorità siriane sono riuscite a evitare ostilità su larga scala, in gran parte grazie alla mediazione russa;

– Garantire la sicurezza del transito di elettricità in Libano, come è stato recentemente concordato tra Stati Uniti e Russia ;

– Presenza iraniana nel sud della Siria. Qui la Giordania funge anche da inviato degli Stati Uniti, preoccupati per questo fattore anche su spinta di Israele;

– Ripristino del commercio transfrontaliero, questo è stato limitato a causa delle restrizioni di quarantena e dei problemi con il contrabbando, e nel luglio di quest’anno la Giordania ha sospeso l’operazione del checkpoint di Jaber-Nassim a causa dell’aggravamento nel sud della Siria;

– I rifugiati, di cui 650mila in Giordania, alcuni vivono nella zona di confine.

Il ‘time’ della visita è abbastanza comprensibile. Due settimane fa, le forze governative siriane, mediate dalla Federazione Russa, hanno raggiunto un accordo definitivo con i militanti nel sud della Siria. Questi ultimi acconsentirono a deporre le armi, consegnarle alle autorità e ricevere un’amnistia. I dissidenti sono stati caricati su autobus verdi e inviati in territori incontrollati a nord delle province di Idlib e Aleppo.

L’esercito siriano sta riprendendo il controllo delle città che erano in mano ai militanti riconciliati. Ciò riporta completamente il governo nel sud della Siria e offre l’opportunità di ripristinare legami a pieno titolo con la Giordania e la cooperazione al confine.

La Giordania è uno dei primi paesi con cui Damasco ha improvvisamente “rotto il ghiaccio” e ha avviato una graduale normalizzazione. Nel 2018, Amman ha smesso di sostenere i militanti del Fronte meridionale e ha sostenuto le autorità siriane nella loro campagna militare per la Siria meridionale.

Nello stesso anno Amman e Damasco iniziarono le trattative per il ripristino dei rapporti commerciali ed economici, quindi avvennero i primi contatti tra i capi di Stato, quindi si riaprì il confine , e per la prima volta negli anni della guerra a Damasco è arrivata una delegazione parlamentare dalla Giordania.

Quindi, l’attuale incontro sull’industria della difesa è una continuazione del dialogo intrapreso e testimonia un graduale miglioramento delle relazioni.

@vietatoparlare

Exit mobile version