Le ragioni del passaggio dal contante alla moneta digitale sono menzogne

E se in ogni nostra azione noi affermiamo qualcosa , vediamo qual'è il vero motore dell'iniziativa dei legislatori ...

Le ragioni del passaggio dal contante alla moneta digitale sono menzogne 1

Photo by John Cobb on Unsplash

Ora, nel flusso delle notizie, è chiaramente visibile un nuovo trend informativo “importante”, che fornisce informazioni secondo le quali il coronavirus sopravvivrebbe sulle superfici più a lungo di quanto si pensasse. Forse anche 28 giorni. Elencando una serie di esempi diversi, l’enfasi principale è posta sul fatto che la normale carta moneta è il vettore più pericoloso di questa infezione …

Quindi va eliminata.

Evidentemente è questo l’obiettivo su cui si sta mirando. Per questo ci saranno anche incentivi e premi. Tutto nell’insegna dell’efficienza e della digitalizzazione, un futuro radioso in cui la vita sarà libera dai virus e saremo protetti dai vaccini.

E’ new Deal deal progresso. Via tutto il vecchio e largo al nuovo. Avanti con la moneta digitale.

Sembra che la maggior parte della gente si dimostra anche felice di questo. Ho molte discussioni e cerco di tenere un basso profilo per non irritarla mettendo a nudo le questioni, quando mi accorgo che non esiste ragione non cerco l’inutile zuffa e mi fermo prima.

Comunque la lotta ai contanti viene proposta come un modo per risolvere questo “problema” dei contagi che ormai funge da pass par tout per ogni esigenza politica . Ormai ogni privazione di qualcosa è possibile giustificarla con la salute.

Nel caso delle banconote, dicono che migrando ai pagamenti tramite  POS (o altro come il telefonin) si realizzerà  la transizione dai pagamenti in contanti ai pagamenti digitali con un cambiamento completo di tutte le sfere della vita .

Sì certo, esiste anche l’altra spiegazione , quella dell’evasione. Ma l’evasione ha anche altre ragioni ed anche se illegale, le cause possono essere anche eliminate costruendo una migliore giustizia fiscale.

Naturalmente, questo è “prendersi cura” di te, della tua salute e sicurezza. Ma c’è un grande ‘MA’ in tutto questo: è evidente che ‘non ce la dicono tutta’…  

Ci accorgiamo che tutte le spiegazioni hanno un minimo comun denominatore: l’autorità statale non tiene conto della vita delle persone, delle relazioni. E non tiene conto che la moneta è proprietà del lavoro, che si crea con il lavoro.

La moneta non è proprietà dello stato.  Quindi lo stato non può comportarsi come se il denaro fosse di sua proprietà. Lo stato in realtà mette a disposizione solo le banconote tramite la Banca Centrale per facilitare la vita della gente, ma svolge solo un servizio.

Nel mondo ‘inverso’ invece la moneta viene creata con il debito e lo stato gestisce il debito delle persone che devono ripagarlo. Le relazioni tra le persone vengono decise , chiuse o aperte come rubinetti, a secondo della prospettiva che lo stato vuol realizzare per il ‘bene di tutti’ .

Conseguentemente, lo scopo principale delle autorità di tutto il mondo è il controllo totale su tutte le sfere della vita: le persone sono state praticamente già private del diritto di voto (o si è  fatto in modo che non abbia conseguenze), poi anche dei diritti, e ora controlleranno tutti i tuoi soldi.

Ciò significa che non solo sapranno tutto di te, ma sapranno anche quanto e cosa hai comprato, mangiato, dov’eri, dove hai fatto rifornimento, chi hai pagato e, soprattutto, se necessario, sarà facile bloccare i tuoi soldi per costringerti a mettere in atto comportamenti che magari non approvi.

Ciò che ora viene presentato come una benedizione non è altro che un percorso verso la schiavitù dell’umanità. Non esiste buona fede in questa gente.

@vietatoparlare

Exit mobile version