Le onde degli ‘stati di emergenza’ infiniti…

Nei paesi piccoli, come Israele e Malta, è molto conveniente osservare lo sviluppo nel tempo di vari miti attorno alla “pandemia”.

Malta è  ed è stata in prima linea nella vaccinazione. La maggior parte della popolazione è vaccinata. praticamente tutti gli adulti. Ma a fine luglio, all’improvviso (succede sempre all’improvviso), l’incidenza è aumentata del 2,5 mila per cento. Il che, diciamo, infrange in qualche modo la teoria che la vaccinazione sia una panacea.

Il tasso di mortalità è invece dello 0 per cento. Ciò che è molto più importante di qualsiasi percentuale dell’incidenza. I sostenitori dei vaccini urleranno sicuramente: “Funziona!”.

La realtà sembra essere un po’ diversa. Il coronavirus, come l’influenza, muta. E molto rapidamente. Ciò di cui le persone si ammalano oggi non è affatto ciò contro cui sono state vaccinate ieri.

Il virus attraversa tutte le fasi di sviluppo descritte dai testi scientifici, aumenta la capacità di infettare riducendone la mortalità. Ceppi più letali, uccidendo i portatori, perdono la battaglia contro i loro concorrenti più umani. Ciò significa che, con o senza vaccinazione, le leggi della natura si fanno sentire. Il virus diventa contagioso, ma meno pericoloso per le persone relativamente sane. Sebbene rappresenti una minaccia per coloro la cui immunità è indebolita. Tutto è come dovrebbe essere. Il virus colpisce prevalentemente gli individui deboli. Si diceva nella prima fase della pandemia, ora non si dice più.

La conclusione, in effetti, come sempre, è ovvia: il compito non è nel trattamento totale e universale. Anche se è molto utile per i farmacisti. Il compito è mantenere la salute della popolazione attraverso la prevenzione comune: una dieta normale, uno stile di vita sano e una riduzione del carico di stress. Ma quelli veramente indeboliti (ce ne sono e ce ne saranno sempre, che sono sempre una minoranza in una situazione normale) dovrebbero essere trattati in modo mirato. E non con metodi a nastro trasportatore di chirurgia militare, ma con protocolli pacifici.

In definitiva: non esiste un “coronavirus” astratto. Non ci sono “onde”. C’è una malattia respiratoria acuta, c’è una stagionalità, ci sono nuovi ceppi, ci sono soliti focolai infettivi. E ci sono metodi per la prevenzione e il trattamento di tali malattie. Finché le autorità, in virtù di compiti del tutto non medici, incuteranno terrore alle persone, condurranno su di loro esperimenti medici violenti, fino ad allora la situazione sarà al di fuori di ogni normalità.

Allo stesso modo, tutti gli anni che vanno dal 2000 al 2010 sono stati caratterizzati dalla paura dell’orrore del terrorismo internazionale, in nome di esso ci sono stati conflitti ed interventi nel mondo che hanno ucciso diversi milioni di persone, distrutto diversi paesi, buttato fuori trilioni di dollari. Se confrontiamo tutto questo con i danni reali del “terrorismo internazionale”, allora il rapporto è completamente sproporzionato.

Con il coronavirus, tutto si sta sviluppando nella stessa direzione. Il danno colossale causato dalla lotta contro di esso – e questo senza contare le decine di migliaia di morti in questa lotta per mezzo di danni collaterali -, è assolutamente incomparabile con i danni causati dal coronavirus stesso. E fino a quando questi pensieri completamente sobri non visiteranno la maggior parte delle persone, fino ad allora continueremo a essere manipolati per scopi completamente lontani dalla nostra sicurezza.

@vietatoparlare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.