Le moschee femminili di Damasco

MOSCHEE FEMMINILI DI DAMASCO

enerdì 10 gennaio 2020 11:41 + nella casella di preventivo

Damasco , una delle città più magnifiche del mondo musulmano, è famosa per le sue moschee. Ce ne sono centinaia – antiche e nuovissime. Tra queste ci sono famosi capolavori architettonici che si dilettano con l’armonia di linee e colori, la ricchezza e la raffinatezza della decorazione. Quasi ogni moschea in questa città, che un tempo era la capitale di un enorme califfato, ha una sua storia, i santuari del mondo islamico sono nascosti sotto le loro cupole. Pellegrini e turisti provenienti da ogni parte vengono qui per ammirare una bellezza senza precedenti, per adorare i santuari.

Qui ci occuperemo di due moschee, le cosiddette moschee delle donne, che furono costruite e intitolate alle donne.

Quindi, la prima moschea tra le due non è tra i siti turistici, si trova fuori dalle mura della città vecchia, alla periferia di Damasco.

Moschea Saida Zeynab a Damasco – il mausoleo della nipote del profeta Maometto

Esternamente, non attira l’attenzione: è un edificio tozzo circondato da aivan. E solo l’azzurro penetrante della moschea e l’oro della cupola stupiscono che sorprendono, facendoci ricordare il turchese persiano e le piastrelle. E in effetti, la moschea è stata costruita a spese dell’Iran, oggi. Ma questa è una moschea speciale, di cui non ce ne sono così tanti nel mondo dell’Islam. È femmina ed è dedicata a una delle donne musulmane più venerate: la nipote del profeta Muhammad Zeynab .

Colpiscono anche alti minareti blu in stile iraniano insoliti per la Siria. Cancelli d’ingresso si aprono in un cortile piastrellato lucido, al centro del quale è una moschea. L’intero edificio è coperto da un intricato mosaico di piastrelle blu con un ornamento floreale stilizzato, forme geometriche e iscrizioni arabe. Le porte del tempio sono fatte d’oro, anche la cupola è coperta d’oro – dicono che ci sono volute 5 tonnellate di questo prezioso metallo. Il minareto si trova di fronte a piastrelle piastrellate consegnate dall’Iran con i versetti del Corano.

Il quartiere (chiamato anche città separata), dove si trova, porta anche il nome di Said Zeynab. È abitato da rifugiati dall’Iraq, principalmente sciiti.

In questa squisita moschea damascata ricoperta di piastrelle blu, secondo la leggenda, i resti di Zainab, nipote del profeta Maometto, riposano

Ora vi acconto brevemente la storia di Zeynab e vi mostrerò  le foto della moschea.

In questa squisita moschea damascata ricoperta di piastrelle blu, secondo la leggenda, riposano i resti di Zainab, la nipote del profeta Maometto.

La nipote del venerabile profeta dell’Islam Zainab al-Kubra è nata a Medina. Ha avuto il suo terzo figlio con i suoi genitori: la pura Fatima al-Zahra e il sovrano del fedele Ali ibn Abi Talib. Quando è arrivato il momento di dare un nome al bambino, sua madre ha dato una scelta al coniuge Ali Ibn Abi Talib, ma dato che viaggiava in questi giorni, ha dato il diritto di scegliere un nome per il padre di sua moglie, che le ha dato il nome Zaynab (tradotto dall’arabo “Zanab” significa “decorazione del padre”).

Zainab aveva cinque anni quando suo nonno, il messaggero di Allah, lasciò questo mondo mortale. Tuttavia, questo breve periodo trascorse quasi tutto il tempo a casa sua. In tenera età, Zainab aveva spesso incubi profetici di cui parlava al Profeta. Quindi un giorno andò da Maometto e disse: “O Messaggero di Allah! Ieri ho fatto un sogno, come se soffiasse un forte vento e il mondo fosse precipitato nell’oscurità. A causa della forza di questo vento, mi sporgevo da un lato all’altro, fino a raggiungere un certo albero.

Afferrando il suo ramo, volevo nascondermi dal vento. Ma il vento tirò fuori un ramo e io caddi a terra. Poi ho afferrato un altro ramo, e di nuovo il vento l’ha tirato fuori, poi il terzo … Alla fine ho afferrato 2 rami di una femmina, ma il vento li ha tirati fuori di nuovo. In quel momento mi sono svegliato. ” Il Profeta, dopo aver ascoltato Zainab, ha spiegato il suo sogno: “Il primo ramo è tuo nonno, che presto lascerà questo mondo. Il secondo e il terzo ramo sono i tuoi genitori, che se ne andranno anche loro. E quei rami accoppiati di una cagna sono i tuoi fratelli Hassan e Hussein, la cui morte diventerà un grande dolore e una sofferenza per l’Umma. ”

Poco dopo queste parole, il Messaggero di Allah lasciò questo mondo. E dopo di lui, sua figlia Fatima al-Zahra morì. Zainab andò a vivere con suo padre, i fratelli Hassan e Saddam Hussein. Un giorno, il figlio del fratello di suo padre, “Abd Allah ibn Ja’far, si sposò con lei. Nel 18 ° anno, secondo l’hijra lunare, si sposarono.

Zainab ha dato alla luce 5 bambini: Muhammad, Ja’far, ‘Auna’, Ali e la figlia Umm Kulsum. Muhammad e ‘Aun lottano eroicamente per la fede insieme allo zio Imam Hussein a Karbala e cadono martiri.

Quando Zaynab aveva 35 anni, ‘Ali ibn Abi Talib, suo padre, lasciò questo mondo.

Zainab accompagnava sempre e ovunque suo fratello Imam Hussein. Zainab ha assistito al terribile massacro di suo fratello Imam Hussein, dei suoi figli e dei suoi figli Zainab, che hanno combattuto con lui, e di settantatré dei suoi sostenitori, che erano circondati da un esercito di quattromila ipocriti e nemici dell’Islam in un luogo chiamato Karbala. Sono morti tutti un martirio sul campo di battaglia, le loro teste sono state tagliate e le loro mogli e i loro cari sono stati fatti prigionieri.

Vedendo come coloro che si definivano musulmani trattavano l’amato nipote del Profeta, Zainab non riuscì a trattenere le lacrime. Ha intrapreso una nuova missione: annunciare questo crimine ovunque e ovunque, nonostante il suo status di prigioniero. Allo stesso tempo, ha mostrato tanta paura ed eroismo che molti uomini avrebbero invidiato.

Quindi i prigionieri furono condotti a Kufu, e tra questi c’erano: Zainab stessa, sua sorella Umm Kulsum, altre donne della tribù Banu Hashim, Imam Zayn al-‘Abidin, i tre figli più piccoli dell’Imam Husayn e sua figlia. Furono messi su cammelli senza selle, come schiavi, i loro hijab furono strappati via dalle donne e sulle punte di lancia delle loro lance i carcerieri trasportavano le teste mozzate dei loro mariti e parenti.

Quando Zaynab fu introdotta nelle catene del palazzo di suo padre, dove il nuovo sovrano Ibn Ziyad sedeva sul trono, e la testa di suo fratello era su un vassoio d’oro, lei lanciò con coraggio parole arrabbiate in faccia: “Oh, Yazid, tutto ciò che fai serve la conferma che ti opponi ad Allah e neghi il suo Profeta. “Non considerare come deceduti coloro che sono stati uccisi [in battaglia] in nome di Allah. No, sono vivi e ricevono un’eredità dal loro Signore, rallegrandosi che Allah li abbia concessi [in Paradiso] per la sua misericordia, rallegrandosi che non ci siano ragioni di paura e tristezza per coloro che non si sono ancora uniti a loro ”

Tutti i presenti – sia i prigionieri che gli stretti collaboratori di Yazid – l’ascoltarono con confusione, mescolati con stupore. Dopo il suo discorso, il lutto è stato dichiarato in Sham.

Yazid era così furioso con il discorso di Zainab (a) che voleva ordinarle di essere ucciso, ma intervenne “Abdallah ibn” Umar ibn Aas, dicendo che le sue parole non dovevano essere prestate attenzione, perché la donna aveva il cuore spezzato ed esausta per le difficoltà del cammino.

Grazie agli audaci discorsi di Zainab alla corte di Ibn Ziyad e Yazid, molti musulmani hanno appreso la verità sulla tragedia di Karbala. Nella sua casa di Damasco, le serate si tenevano in memoria dell’Imam Hussein. Quindi Yazid la mandò a Medina.

Zaynab al-Kubra ha lasciato questo mondo 15 rajab 62 anni di hijra. Gli storici non erano d’accordo sul luogo di morte e sepoltura di Zainab. Alcuni credono che sia morta a Medina, altri sostengono che sia sepolta in Siria, mentre altri studiosi indicano l’Egitto. Ma il luogo più famoso in cui, presumibilmente, si trova la sua tomba è il mausoleo di Damasco, che oggi attira musulmani da tutto il mondo.

Il capo di Saddam Hussein Ibn Ali, suo fratello, nipote del profeta Maometto, martirizzato nel 680, è sepolto nella moschea omayyade. Il giorno della sua morte, Ashura, è il più triste tra gli sciiti, i credenti lo segnano con pianto e auto-flagellazione.Per i seguaci del ramo sciita dell’Islam, nella moschea viene assegnata una stanza dove pregano presso la tomba di Saddam Hussein.

Pertanto, Zainab occupa un posto importante nella storia religiosa sciita e la sua moschea a Damasco è un importante centro di pellegrinaggio – qui è sempre affollata.

Non solo le donne sciite vengono nella Moschea Zeynab, ma anche tutte le donne che vogliono chiedere l’intercessione prima di Allah, per chiedere la felicità, un marito, un bambino, la salute dei loro cari e liberarsi della malattia. Naturalmente, di fronte ad Allah non c’è alcuna differenza tra loro – aderenti allo sciismo o al sunnismo, perché hanno una sola preoccupazione: casa, famiglia, figli, in breve – vita.

l mausoleo è diventato il centro dello sciismo in Siria negli anni ’80 del XX secolo e la moschea stessa è stata costruita nel 1990. Il complesso è stato finanziato dall’Iran dal 1979. Ora gli sciiti vengono qui da vari paesi: India, Pakistan, Kuwait, Bahrain, Turchia, Iran, Iraq. L’ondata principale di pellegrini si verifica di solito nei mesi estivi.

Essendo un punto di riferimento, la moschea divenne un bersaglio per gli attacchi dei militanti dell’ISIS. Nel febbraio 2015, a seguito degli attacchi di due attentatori suicidi, 4 persone sono morte e 13 sono rimaste ferite. Un grave attacco si è verificato il 31 gennaio 2016 su Kuu al-Sudan Street nel quartiere di Saeed Zeynab. Tuonarono 3 esplosioni. Un dispositivo esplosivo incorporato in un’auto è stato alimentato a distanza. Allo stesso tempo, un attentatore suicida esplose nelle vicinanze in un bus navetta. Pochi minuti dopo, quando le persone iniziarono a radunarsi sul luogo dell’esplosione per fornire assistenza alle vittime, un altro terrorista si fece esplodere. La seconda esplosione ha ucciso molti bambini che sono saliti su un minibus e sono usciti da scuola. Dozzine di auto e negozi bruciati. Le case vicine furono gravemente danneggiate. Più di 60 persone sono state uccise e oltre 100 sono rimaste ferite. Non è passato un mese dal 21 febbraio 2016. ISIS . Una serie di esplosioni tuonò a 400 metri dalla moschea. Almeno tre attentati suicidi sono stati fatti da attentatori suicidi e, in un altro caso, è esplosa un’auto piena di esplosivi. Uccise circa 30 persone, dozzine furono ferite.

4 anni di vita e 14 secoli di lacrime. Moschea   Sayyid Rukayi

Non lontano dall’enorme mercato damascato di Al-Hamidiyah, disteso su buona parte della città vecchia, nelle immediate vicinanze della famosa pomposa moschea omayyade si trovano il mausoleo e la moschea omonima Sayyida Rukayi

Fuori, la moschea è anonimo, ma dentro … vedrai di persona, incredibilmente bella e composta da 3 parti: (mostrerò le foto della moschea durante la storia)

La moschea prende il nome da Rukaya (alias Sukaina) Bin Hussein Bin Ali – la figlia più giovane di Saddam, nipote del profeta Maometto.
Secondo la leggenda, nel 680, quando suo padre Hussein bin Ali partì dalla Mecca per Kufa (Iraq moderno), la ragazza aveva 4 anni. Vicino alla città di Karbala (sulla strada per Kufu), la carovana di Saddam Hussein, la sua famiglia e i suoi sostenitori – solo 72 persone – furono tese un’imboscata. Le truppe del califfo Yazid I della dinastia Omeyad attesero il diretto discendente del profeta, che rivendicò il potere e che non giurò fedeltà al nuovo califfo.

Ingresso alla moschea

Karbala fu l’ultima destinazione del nipote del profeta. Hussein fu ucciso e decapitato, i soldati che attaccavano la carovana non risparmiarono nemmeno suo figlio di sei mesi. Le ragazze e le donne furono ridotte in schiavitù. Da questo momento inizia la storia del XIV secolo della persecuzione degli sciiti, sostenitori del quarto califfo Ali (genero del profeta) e di suo figlio Saddam Hussein. La lotta politica per il potere ha generato una tensione infinita tra le due direzioni dell’Islam, sciita e sunnita. Il giorno della battaglia tra le forze disuguali dei rivali si chiamava Ashura e divenne il giorno più lutto del calendario sciita.

passaggio centrale. Il soffitto e le pareti dell’edificio sono intarsiati con specchi e mica.

Per quanto riguarda la nostra eroina, la bambina di quattro anni Rukaya-Sukaina, amata figlia di Saddam Hussein, sulla quale ha affermato che “la separazione dalla figlia toglie il gusto della vita”, secondo la leggenda, fu portata a Damasco – la capitale degli omayyadi – nel palazzo del califfo Yazid. Fu lei che identificò il cadavere decapitato di suo padre, si prese cura dell’acqua per gli altri bambini e confortò i suoi parenti. La strada per Damasco era insopportabilmente difficile, e nella capitale, come gli altri sopravvissuti al massacro di Karbala, la stava aspettando una prigione. Lì, l’amata figlia di Saddam Hussein ha concluso il viaggio della sua vita. Molte narrazioni emotive sono scritte sulla sua breve vita, e credendo che gli sciiti visitino la sua tomba nel giorno di Ashura, così come in altri giorni memorabili.

Sala di preghiera a destra della navata centrale

Il mausoleo di Sayda Rukaya risale al Medioevo, quindi la tomba della ragazza fu spostata dall’ex palazzo del califfo Yazid, e la stessa moschea fu costruita nel 1985 ed è un eccellente esempio della moderna architettura iraniana. La facciata modesta non corrisponde alla ricca decorazione interna. . Il soffitto e le pareti dell’edificio sono intarsiati con specchi e mica.

All’interno regna l’eterna freddezza e sullo sfondo di questa infinita bellezza di riflessi di azzurro azzurro (caratteristici delle moschee dell’Iran e dell’Asia centrale), persino i pellegrini chador neri non sembravano così sinistri. Al mausoleo, le donne piangono amaramente. Piangono il martire di quattro anni come se fosse la loro stessa figlia.

La storia della sofferenza e della persecuzione attraversa il nucleo della storia degli sciiti. Da qui il comandamento di segretezza, cautela, “Takiya”, da qui l’attesa passionale del Messia “Mahdi”. Ai tempi di Ashura, gli sciiti si picchiavano a morte in memoria della sofferenza di Saddam Hussein, nel sud del Libano e in Iraq sono teatrali, pieni di drammi e angoscia emotiva della performance “Taazia” in memoria degli eventi di 14 secoli fa.

Nel 2013-2014, un gruppo paramilitare sciita Liva Sayyida Rukaya è apparso in Siria. I suoi membri miravano a proteggere la tomba della figlia di Saddam da coloro che consideravano discendenti diretti del califfo Yazid e dei suoi stretti collaboratori (secondo la tradizione sciita, è consuetudine maledire Yazid e la sua progenie per il massacro che ha commesso).

Sala del lutto con una tomba a sinistra della navata centrale

Dentro un sacco di soldi, caramelle e bambole

Questo gruppo era direttamente collegato con le milizie irachene e iraniane, come Kataib Sayyid al-Shuhada, ma stava guadagnando sotto i suoi stendardi principalmente sciiti locali dalla periferia di Damasco.

             

https://shorouq.livejournal.com/174935.html

https://islamosfera.ru/en/mechet-saidy-zejnab

https://forum.awd.ru/viewtopic.php?f=1017&t=67002

https://lifeglobe.net/photos/dostoprim-damask/said

https://www.ayda.ru/stories/22189/?v=0

https://al-khorasani.livejournal.com/79078.html

https://ru.wikipedia.org/wiki

http://www.biancoloto.com/syria/damascus/38.jpg

 

 

Content retrieved from: https://www.liveinternet.ru/users/babeta-liza/post465128574/.