Le forze ucraine hanno sfondato le posizioni russe su un ampio fronte e in profondità

09 settembre 2022 – Per avere una idea di quanto l’esercito ucraino sia andato in profondità, oltre le originarie linee russe, è utile vedere le prossime 2 mappe della regione di Izium nel nord-est dell’Ucraina ) la prima è del 4 settembre, la seconda del 9).

Le cartine provengono dal sito Moon of Alabama, di cui riporto anche il testo:

Il fiume che si vede al centro della mappa, è il fiume Oskol che scorre da nord a sud. Lungo di esso corrono binari e strade che collegano la regione di Izium in fondo alla mappa con Urazovo in Russia (più a nord, non sulla mappa).

Ecco la situazione nella stessa zona la mattina del 9 settembre.

Le forze ucraine hanno sfondato le posizioni russe su un ampio fronte e in notevole profondità.

Le mappe di cui sopra provengono dal sito filo-ucraino LiveUAmap. Sulla mappa della parte russa, come fornisce Dima nel suo ultimo video, gli ucraini sono mostrati ancora più a est e hanno raggiunto il fiume Oskol.

Questa è invece  l’ultima versione del noto canale Telegram Rybar  che conferma che la parte ucraina ha almeno in parte raggiunto il fiume. Hanno preso la città di Senkovo ​​sul lato occidentale di essa.

(è la versione tedesca poiché quella inglese non si carica correttamente). Izium, Lyman e molte altre importanti posizioni lungo il fronte di Izium corrono ora il pericolo imminente di perdere la loro principale rotta di rifornimento.

Come è potuto accadere?

Bene, non sono nell’alto comando russo e non ho idea del come e del perché.

Ma quello che sappiamo è che c’erano per lo più uomini arruolati della Repubblica popolare di Luhansk in prima linea quando è iniziata questa offensiva. Le truppe che hanno tenuto la città di Balakleya per due giorni erano le forze della Guardia Nazionale Russa. Quelle sono unità di polizia militarizzate, non vere forze armate. L’esercito russo ha dovuto inviare forze dell’esercito per evacuarle.

Apparentemente l’intero fronte russo in quella zona era molto sottile e aveva un supporto di artiglieria insufficiente. Gli ucraini si sono mossi molto velocemente saltando le città e bloccando semplicemente la  resistenza locale per andare avanti. Avevano un numero molto significativo di carri armati e trasporto corazzato, nonché supporto di artiglieria a lungo raggio da diversi sistemi HIMARS. Molte delle unità dovevano avere anche apparecchiature per la visione notturna in quanto non si fermavano nemmeno dopo il tramonto. Ci sono anche segnalazioni di forti elementi estranei, ma sono difficili da verificare.

Le forze dell’LPR e quant’altro si trovasse nell’area non avevano alcuna possibilità. Sono stati uccisi o catturati o spostati fuori.

La parte russa sembra aver avuto poche informazioni sull’entità dell’attacco. Le forze nell’area erano troppo poche e troppo leggere. Avrebbero dovuto esserci molte più forze per bloccare la mossa ucraina molto prima.

Poi ripeto di nuovo – non so quali piani abbia avuto o potrebbe avere l’esercito russo. Potremmo ancora vedere sorprese.

Rinforzi corazzati russi stanno ora arrivando da nord dalla regione settentrionale di Kharkov e da est attraverso Svatove. Ma avranno ancora bisogno di un po’ di tempo per raggiungere la prima linea e prepararsi alla battaglia.

È probabile che la migliore contromossa sia spostare il ​​gruppo da battaglia visto a Svatove giù a Izium e poi su nord-ovest e il gruppo da nord verso sud nel tentativo di afferrare e avvolgere le forze ucraine.

Andare così in profondità e così velocemente rende vulnerabili le truppe ucraine attaccanti. Avranno bisogno di un po’ di tempo per consolidare e far avanzare la loro artiglieria. I loro rifornimenti dovranno provenire da Andivka a sinistra della mappa e da Chuhuiv in alto a sinistra. Sono circa 75 chilometri o 45 miglia a senso unico.

Le forze missilistiche russe possono interdire quelle rotte distruggendo i ponti lungo il percorso. Dovrebbero farlo il prima possibile. La stessa Andivka è circondata da un fiume a sud, ovest e nord. Anche la manciata di ponti sul fiume dovrebbe essere abbandonata per isolare la città.

Le forze ucraine a sud di Izium e Lyman cercano di attraversare il fiume Siversky Donets per attaccare quelle città da un’altra direzione. È probabile che l’idea leghi le forze russe lì e non consenta loro di spostarsi a nord per contrastare lo sciopero dell’Ucraina superiore.

Potrebbe esserci qualche ingegnoso piano russo dietro questo per trascinare le forze ucraine per poi distruggerle sul posto. Ma non vedo alcuna prova per questo – ancora.

Le teste dovranno rotolare per questo disastro. Ma non posso ancora dire da che parte. (retrieved by Moon of Alabama).

L’analista Stefano ORSI, sempre molto preciso nelle sue analisi, ha riportato sul suo canale Telegram poco fa, Il canale ucraino Legitimnyj:
“Zelinsky ha fissato l’obiettivo di demoralizzare l’esercito russo e di occupare Izium e Kupyansk ad ogni costo. L’offensiva di Kharkov coinvolge più di 50.000 uomini, che viene distribuita nelle fasi dell’attacco.
Questa offensiva è stata preparata dai consiglieri militari della NATO inviati dall’Occidente in Ucraina.
Nella direzione di Kharkov le forze armate ucraine superano dieci volte quelle russe in termini di uomini, quindi le perdite di 5mila persone durante l’offensiva non hanno influito particolarmente sulla situazione operativa e sono state immediatamente reintegrate.” https://t.me/legitimniy/13390

-fine citazione-

Considerazioni

A mio parere, l’azione ucraina è significativa. Si può propendere per una parte o per l’altra (e mai per la guerra), ma la cosa peggiore è pensare alle popolazioni che si troveranno ora a essere trattate come ‘collaborazionisti’. Del resto già qualche filmato di civili bendati si è visto.

Non occorre avere una fervida immaginazione, basta guardare le leggi emanate da poco dal governo ucraino. Prevedono che venga punito ogni atto orientato alla semplice sopravvivenza, anche aver accettato viveri dai russi. Questo non mi piace, Questa guerra ha un aspetto che rispecchia comunque una guerra civile. I bombardamenti in pieno centro a Donetsk, assomigliano più a una punizione che a esigenze tattiche che comunque dovrebbero essere subordinate alle regole internazionali di guerra. Lo sforzo per rispettarle non lo abbiamo visto, spirito di rivalsa e vendetta sì, sì questo l’ho visto abbondantemente.

Ora vedremo se la Russia reagirà e capirà se continuare una guerra limitata o meno. Piuttosto che vedere una guerra prolungata, con tutto ciò che ne consegue e qualsiasi sia il vincitore sarebbe auspicabile una guerra breve ed il più possibile giusta. Ma forse quest’ultima cosa è già un lusso oggi.

VPNews

 

Exit mobile version