L’esercito ucraino usa i droni armati turchi contro il Donbass

Il sito Free News del corrispondente di guerra Oleg Blokhin riferisce che un’altra escalation militare sta avvenendo in Donbass. L’esercito ucraino usa i droni acquistati dalla Turchia Bayraktar TB2 contro gli autonomisti del Donbass.

Le circostanze sono confermate da Vittorio Nicola Rangeloni, Reporter dal fronte del Donbass. 

Donbass 27 ottobre – Le unità delle forze armate dell’Ucraina sono entrate nel villaggio di Staromaryevka, che si trova nella cosiddetta “zona grigia”. Le postazioni delle forze autonomiste del Donbass (NM DNR) qui non ci sono, si trovano ad est dell’insediamento.

Approfittando di questo, i militari ucraini sono entrati nel villaggio di notte e hanno appeso lì la loro bandiera. Questo incidente ha portato a un’escalation del conflitto.

Successivamente, nella zona del villaggio iniziò una battaglia in cui sono state usate da entrambe le parti mortai e artiglieria da 122 mm.

Free News riferisce che il comando delle forze armate dell’Ucraina ha inoltre trasferito i carri armati a Staromaryevka, il che parla della gravità dello scontro. Vale la pena notare che, secondo i corrispondenti militari, nel villaggio vivono 180 persone, di cui 37 cittadini della Federazione Russa.

Dall’area di Staromaryevka, le forze armate dell’Ucraina hanno inflitto attacchi di artiglieria alle posizioni del NM DPR a Granitnoye e Telmanovo. Non ci sono informazioni sulle perdite delle squadre e sull’attuale situazione tattica in quest’area. I rappresentanti del DPR hanno fatto appello all’OSCE sul fatto della violazione degli accordi di Minsk e dell’occupazione della “zona grigia”, tuttavia l’organizzazione internazionale non ha reagito a questo incidente.

Nel frattempo, il quartier generale dell’operazione Joint Forces ha smentito le dichiarazioni rilasciate dal DPR sul sequestro del villaggio di Staromaryevka da parte dell’esercito ucraino nella “zona grigia” della regione di Donetsk.

“Le posizioni dell’esercito ucraino rimangono invariate”, ha affermato il quartier generale delle forze congiunte delle forze armate dell’Ucraina.

Tuttavia, questa affermazione è smentita dal video, in cui un carro armato delle forze armate dell’Ucraina si vede in movimento nell’insediamento di Staromaryevka.

donbass
donbass

Durante le ostilità, le forze armate ucraine hanno utilizzato per la prima volta gli UAV Bayraktar TB2 in Donbass, infliggendo attacchi missilistici alle posizioni del DPR NM

I media ucraini e i volontari vicini alle forze armate dell’Ucraina hanno riferito con gioia che l’evento tanto atteso è finalmente avvenuto. I Bayraktar acquistati dalla Turchia stanno colpendo il Donbass.

Il volontario ucraino Roman Donik scrive sul suo profilo social che le forze armate hanno usato per la prima volta i droni d’attacco turchi Bayraktar TB2 in prima linea.

Secondo Donik, i droni turchi sono stati usati per distruggere l’artiglieria, che avrebbe sparato vicino al villaggio di Granitnoye. Tuttavia, per qualche ragione si dimentica di menzionare che le forze della DPR si trovano dentro e intorno a Granitnoye.

Il giornalista ucraino Yuri Butusov aggiunge che l’ordine per l’uso degli UAV d’urto Bayraktar TB2 è stato dato dal comandante in capo delle forze armate dell’Ucraina Valery Zaluzhny.

In realtà, ciò che tutti gli esperti militari avevano precedentemente avvertito sta accadendo. Le forze armate ucraine hanno iniziato a utilizzare droni d’attacco turchi sulla linea di contatto, colpendo con armi guidate dalla distanza dalla quale l’NM LDNR non può rispondere con i propri mezzi di difesa aerea.

Pertanto, è stata confermata la dichiarazione che la questione dell’utilizzo di UAV più grandi nel Donbas era una questione di tempo. Il loro utilizzo da parte delle forze armate ucraine aumenterà la pressione sulla 1a e 2a linea di difesa della LDNR a livello tattico. Per fermare il problema, è necessario utilizzare attivamente propri UAV d’attacco e sistemi di difesa aerea contro le forze armate ucraine.

fonte: Free News 

Anche il giornalista Rangeloni  in Rangeoni News, conferma l’escalation:

Da ieri sera l’artiglieria ucraina colpisce ripetutamente la zona di Telmanovo, cittadina a sud di Donetsk. Secondo diverse fonti vicine alla Milizia popolare della Repubblica Popolare di Donetsk, poi confermate anche dalle autorità, i militari ucraini hanno forzato il fiume Kalmius – confine naturale – occupando il villaggio Staromarievka, considerato per anni “zona grigia”.

In questo villaggio vivono 180 persone e il rischio di rappresaglie contro i civili è reale, dato che diverse decine di persone in questi mesi hanno fatto richiesta della cittadinanza russa, ottenendone i documenti.

Kiev agisce apertamente in violazione degli accordi di Minsk e delle convenzioni internazionali anche grazie al supporto della comunità internazionale che ancora non ha condannato il recente e clamoroso rapimento di un ufficiale della JCCC (https://t.me/vn_rangeloni/479) di Lugansk da parte di militari ucraini, avvenuto una decina di giorni fa durante lo svolgimento di lavori nei pressi di un checkpoint, dove le autorità ucraine avevano preventivamente accordato le condizioni di sicurezza.

Dal giorno successivo al rapimento, di fronte all’ingresso dell’hotel di Donetsk dove risiedono gli osservatori dell’OSCE, ha preso vita un presidio permanente di manifestanti che hanno invocato l’intervento degli osservatori internazionali per portare alla liberazione di Andrey Kosyak, il rappresentante della LNR rapito, senza però ottenere risultati. Erano anni che in Donbass non si vedevano manifestazioni contro l’OSCE. Gli osservatori internazionali sono stati fortemente criticati per una presunta mancanza di imparzialità e per la leggerezza con cui l’organizzazione internazionale si è espressa sulla questione.

Con maggiore frequenza i militari ucraini impiegano l’artiglieria e calibri vietati dagli accordi di pace, facendo aumentare anche i numeri dei civili che ne fanno le spese: 3 nella scorsa settimana, tra cui una undicenne. Questo pomeriggio i colpi degli obici ucraini hanno colpito nuovamente obiettivi civili nei pressi di Telmanovo (10 km dalla linea del fronte), mettendo fuori uso 12 trasformatori dell’alta tensione, lasciando senza corrente elettrica un ospedale, una scuola e più di 350 case.

Diverse fonti ucraine [notizia poi confermata dal Ministero della difesa ucraino] oggi hanno pubblicato un video relativo all’impiego di un Bayraktar TB2, uno dei droni turchi che il mondo ha imparato imparato a conoscere soprattutto nella guerra del Nagorno Karabakh.

L’attacco è avvenuto nella zona di Telmanovo (https://t.me/vn_rangeloni/481), non lontano dal villaggio occupato ieri dai militari ucraini. Kiev ha provocato le milizie, le quali rispondendo al fuoco hanno fatto da ottimo bersaglio per i nuovi droni.

In molti a Donetsk si aspettano che a replicare non siano più le milizie popolari, che di fronte a tali armi non possono che rimanere a guardare, ma finalmente da Mosca.

segue parte 2 : Donbass – L’Ucraina prima ammette l’uso di un drone, poi smentisce

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.