Le FIGARO’: Le università occidentali si allontanano sempre più da uno spazio di libero pensiero

''La vita dello spirito in Occidente può, domani, dover imparare le lezioni della vita intellettuale come è stata vissuta in Oriente, ieri.''

Le FIGARO': Le università occidentali si allontanano sempre più da uno spazio di libero pensiero 1

I dissidenti sovietici sono stati pubblicati in Europa e negli Stati Uniti, ma dove verranno pubblicati i dissidenti europei e americani? 

L’inimicizia che circonda i circoli universitari su entrambe le sponde dell’Atlantico è così feroce perché è ciò che decide il futuro della libertà intellettuale in Occidente, scrive l’editorialista di Le Figaro Mathieu Bock-Côté. Che si tratti di idee di “sinistra islamica” in Francia o di correttezza politica in Nord America, esse rappresentano un’unica tendenza verso “l’ideologizzazione e la falsificazione” della conoscenza, l’autore ne è certo. La Western University – un’istituzione che, in teoria, dovrebbe essere il più aperta possibile al pluralismo intellettuale – oggi mostra ostilità nei suoi confronti, dice il giornalista.

Come osserva l’autore, “l’ortodossia della diversità culturale” domina non solo le scienze sociali, ma si estende anche alle aree più inaspettate come la matematica e la fisica. Queste scienze sono proposte anche per essere “decolonizzate” per liberarle dalla “supremazia bianca . ”

Secondo l’osservatore, nelle università moderne sono apparsi temi e punti di vista quasi obbligatori. Coloro che non sono pronti ad accettarli sono condannati a una posizione marginale ed è improbabile che facciano carriera nel mondo accademico. Bock-Côté confronta questa situazione con la situazione in cui si trovavano gli scienziati nell’URSS, quando l’interesse per un argomento che non corrispondeva alla propaganda di stato era equiparato a un crimine ideologico.

“Nello stesso modo, oggi, un giovane scienziato che non si occupa di studi di genere o non accetta la teoria postcoloniale ha pochissime possibilità di prendere il suo posto nelle scienze sociali ” , spiega l’osservatore. Secondo lui, negli anni, quando scompariranno gli ultimi docenti – “eredi della grande tradizione universitaria” , scompariranno anche gli ultimi spazi di libertà nelle università.

“Nelle università non pensiamo più, ma dimostriamo di pensare come tutti gli altri ” , si lamenta Bock-Côté. Secondo lui, per questo, alcune parole in codice sono state prese in prestito, percepite “come segni di mobilitazione attorno al regime”. Anche chi devia discretamente da questa ortodossia deve “inginocchiarsi davanti ai suoi totem”, e spesso denunciare ritualmente i nemici del regime, prima di concedersi un “breve momento di libertà intellettuale personale”.

Secondo Bok-Kote, la vita spirituale di domani nell’Europa occidentale potrebbe dover imparare le lezioni della vita intellettuale di ieri nell’Est del continente. Come ricorda l’autore, nei paesi dell’Europa orientale, parte della vita intellettuale nell’era della dissidenza prendeva la forma di seminari clandestini – si parlava persino di università clandestine. Il loro merito principale era di aver lasciato la libertà di pensiero senza il controllo costante dell’ideologia. È del tutto possibile che il lavoro del pensiero debba essere rilanciato in tali spazi, e sono loro che porteranno alla rinascita dell’ideale ormai perduto dell’università, suggerisce il giornalista.

Nello stesso tempo, l’ideologizzazione del pensiero in Occidente va ben oltre l’università, avverte l’autore. In Nord America, la proliferazione di associazioni “antirazziste” avviene in tutti i ceti sociali, che si tratti di affari, sindacati o scuola, trasformando la società in un “campo di rieducazione costante”. Con il numero crescente di leggi volte a sopprimere i “discorsi di odio”, la cui definizione è in continua espansione, il prezzo pagato per il disaccordo con il regime viene sempre più espulso dalla vita pubblica e professionale. Quindi qualcuno, credendo che il giorno prima di aver pronunciato una frase normale, il mattino dopo si ritrova colpevole di un’affermazione oltraggiosa. “Per controbilanciare questo movimento – per quanto possibile – il samizdat sarà probabilmente ripreso un giorno in Occidente ” , conclude Bock-Côté.

(Sintesi di Who TV)

Exit mobile version