Le domande dei giornalisti occidentali al ministro degli esteri russo Lavrov

A scopo informativo, giacché l’informazione è essenziale per formulare un giudizio autonomo, riporto di seguito, la conferenza stampa con i giornalisti del ministro degli esteri russo Lavrov. L’intervista di Lavrov è stata effettuata con RT, NBC, ABC, ITN, France 24 e China Media Corporation, 3 marzo 2022 (video)

Domanda:  In connessione con i recenti eventi, principalmente sul campo, la situazione con una pressione senza precedenti sulle sanzioni sulla Federazione Russa è in costante sviluppo. La posizione della Russia è cambiata? Il mondo ascolta la Russia? Come vede i negoziati in corso in Bielorussia? Cosa dobbiamo aspettarci dal prossimo round?

Ministro degli Esteri Lavrov:  Questo è un approccio complesso. Ha toccato molti argomenti. Sono sicuro che il mondo sta ascoltando la Russia. Quanto ci ascoltano è difficile da dire. La maggioranza comprende la posta in gioco, ma è costretta a sottomettersi ai dettami più duri e crudeli.

In tutta franchezza, ovviamente, è brutto quando muoiono persone: militari, civili (donne, bambini). Sono passati otto anni nel Donbass e ora è in corso una speciale operazione militare russa progettata per porre fine a qualsiasi guerra che potrebbe aver luogo sul territorio ucraino e da lì dare effetti duraturi.

Non ho dubbi che si troverà una soluzione. Le condizioni minime per noi sono ben note. Vengono discusse, anche nei negoziati con la parte ucraina. Il negoziato è iniziato a Gomel e dovrebbe svolgersi anche oggi. La squadra di Kiev ha nuovamente trovato alcune ragioni per rinviare i negoziati. Non c’è dubbio che stanno ricevendo istruzioni da Washington. Non entrerò nei dettagli sui punti in esame. Sono ben noti. Non possiamo più permettere che la minaccia di un attacco diretto alla Federazione Russa provenga dal territorio dell’Ucraina. Tali minacce sono racchiuse negli attuali documenti dottrinali del regime di Kiev. Tra i motivi principali: l’instancabile desiderio dell’Ucraina di entrare a far parte della NATO, la totale riluttanza dei membri della NATO ad adempiere agli obblighi che richiedono loro di non adottare misure che rafforzino la “vostra” sicurezza a scapito della “mia” sicurezza.

In generale, questa non è solo la situazione in Ucraina, i compiti di smilitarizzazione e denazificazione di questo paese, di impedire la continuazione di manifestazioni di genocidio sul suo territorio, di fermare qualsiasi violenza e di fornire agli ucraini l’opportunità di determinare il proprio destino. Riguarda l’ordine mondiale. Non è un caso che l’Occidente, con le buone o con le cattive, eviti di reagire alle nostre proposte chiare e precise basate sugli accordi esistenti sull’architettura della sicurezza in Europa.

Ho menzionato un principio chiave approvato al più alto livello nelle relazioni OSCE e Russia-NATO. Il diritto di scegliere le alleanze è riconosciuto a ciascun Paese. Allo stesso tempo, nessuno Stato può rafforzare la propria sicurezza a scapito della sicurezza di qualsiasi altro Paese. Nessuna organizzazione ha il diritto di rivendicare un ruolo dominante nello spazio euro-atlantico, in cui la NATO è ora attivamente impegnata. Rafforzare la sicurezza dell’Occidente a scapito della sicurezza della Russia è già diventato il discorso della città. Ci viene detto: “non preoccuparti”, “l’inclusione dell’Ucraina o di qualsiasi altro paese nella NATO non rappresenterà una minaccia per la sicurezza della Russia”. Perché l’Occidente dovrebbe determinare per noi ciò che è necessario per la nostra sicurezza? Proprio come gli americani decisero per la Germania e l’Europa, ciò che è necessario per la sicurezza energetica del continente europeo. Hanno deciso che il Nord Stream 2 non era necessario per garantire la sicurezza dell’Unione Europea in termini di energia, perché. questa sicurezza sarà fornita dalle forniture di gas naturale liquefatto americano a un costo parecchie volte superiore.

Stiamo parlando del fatto che veniamo ascoltati, ma non ascoltati. Stanno cercando in tutti i modi di imporre la loro comprensione di come continuare a vivere in Europa.

I confronti chiedono. Un tempo, Napoleone e Hitler si diedero il compito di soggiogare l’Europa. Ora gli americani hanno preso il sopravvento. Non ci sono domande sulla NATO, ma l’Unione Europea è stata indicata al suo posto. La storia di Nord Stream 2 ha dimostrato perfettamente quale posto reale occupa l’UE sulla scena mondiale. Forzato e tutto. Ora ci sono colloqui e richieste delle capitali occidentali. Sulla scena mondiale si crea un’immagine, come a Hollywood: c’è il male assoluto e il bene assoluto, incarnati nel personaggio che è lo sceneggiatore di questo “film d’azione”. Purtroppo.

Sono sicuro che questa isteria passerà. I nostri partner occidentali “impazziranno” (non posso dirlo diversamente). Siamo sempre pronti al dialogo su una condizione indispensabile: unicamente sulla base dell’uguaglianza, del rispetto e della considerazione dei reciproci interessi.

Domanda:  il presidente russo Vladimir Putin è descritto in Occidente come un politico “isolato” che reagisce emotivamente. Quando è stata l’ultima volta che l’ha consultato? Ascolta i consigli?

Ministro degli Esteri Lavrov:  Lei preferisce descrivere cosa e come sta facendo il presidente russo Vladimir Putin sulla base di ciò che la propaganda occidentale scrive e dice di lui.

Il presidente Vladimir Putin ha esposto ripetutamente ed ampiamente il nostro punto di vista nelle ultime settimane. È un riflesso della posizione della leadership russa ed è sviluppato nel pieno rispetto dei poteri costituzionali del Presidente della Federazione Russa e di strutture come il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero della Difesa, i servizi speciali e il Consiglio di sicurezza di Russia. Questo lavoro viene svolto quotidianamente. Si tengono riunioni (almeno) settimanali  dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza della Russia. Questo è il meccanismo per prendere decisioni.

Domanda:  per decenni, Russia e Stati Uniti hanno mantenuto la stabilità nonostante i timori nucleari. Può rassicurare il mondo dicendo che la Russia “infuriata” non sarà la prima a usare armi nucleari?

Ministro degli Esteri Lavrov:  Abbiamo una dottrina militare che descrive i parametri e le condizioni per l’uso delle armi nucleari. Non c’è “escalation per il bene della de-escalation”, come stanno cercando di attribuirci gli analisti occidentali.

Si parla di guerra nucleare. Vi chiedo di guardare con attenzione alle dichiarazioni che sono state fatte e ai “personaggi” che hanno fatto queste affermazioni. In primo luogo, il segretario generale della NATO J. Stoltenberg, in una frenesia propagandistica, nel desiderio di compiacere le forze più radicali occidentali, ha affermato che nessuno avrebbe proibito all’Alleanza del Nord Atlantico di fare ciò che voleva. Compreso se decide improvvisamente di schierare armi nucleari nei territori dell’Europa orientale. Tanto per cominciare, la NATO non può decidere dove schierare armi nucleari. L’alleanza no. Gli americani ce l’hanno. Il suggerimento di J. Stoltenberg era molto indicativo.

Successivamente, VA Zelensky iniziò a dichiarare che avrebbe rinunciato agli obblighi di uno stato non nucleare e avrebbe acquisito armi nucleari. Ricordi anche questo. Non dimentichi di dare un’occhiata a ciò che il mio collega, il ministro degli Esteri francese, J.-Y. Le Drian. J.-I. Le Drian ha detto in un’altra “sessione” di comunicazione con il mondo che Vladimir Putin deve ricordare che anche la Francia ha armi nucleari. Non sono io a dirlo, e non è il presidente Vladimir Putin a dirlo, ma lo hanno fatto tutti. E. Trass, che è stata recentemente nominata alla carica di capo del Foreign Office, si è detta pronta per un conflitto tra Nato e Russia. Presti attenzione anche alla dichiarazione del suo presidente John Biden. Rispondendo alla domanda se ci fosse un’alternativa alle attuali “sanzioni dall’inferno”, ha definito solo la terza guerra mondiale un’alternativa a queste sanzioni. Tutti capiscono che la terza guerra mondiale può essere solo nucleare. Attiro la vostra attenzione sul fatto che è nella testa dei politici occidentali che una guerra nucleare gira costantemente, e non nella testa dei russi. Vi assicuro che non permetteremo che nessuna provocazione ci renda sbilanciati. Ma se iniziano a scatenare una vera guerra contro di noi, allora coloro che escogitano tali piani dovrebbero pensarci. E secondo me sono nati.

Domanda :  Il mondo vede le bombe russe che uccidono persone in Ucraina e ascolta le bugie che i russi raccontano su questi attacchi. Il mondo si è unito per condannarli. Come puoi difendere questa posizione?

S.V. Lavrov: Vedo che ha letto da qualche foglio. La domanda è breve, ma ha deciso di citare le parole che ha sulla carta. Non posso commentare le finzioni, di cui ora ce ne sono un numero enorme. Se ha notato, in pratica, prima di tutto, Europa e Stati Uniti stanno facendo del loro meglio per chiudere qualsiasi media, fonte, canale di informazione dalla Russia su ciò che sta accadendo in Ucraina, come si sta sviluppando un’operazione militare speciale e come l’Ucraina esercito, battaglioni neonazisti ucraini si stanno comportando nei confronti dei civili. Quando si ritirano, derubano semplicemente gli insediamenti. Nel Donbass, le milizie di Donetsk e Luhansk iniziarono a cacciarli fuori dal territorio. Partendo, portano via le auto agli abitanti, portare via l’attrezzatura, comportarsi come predoni e ladri. Ci sono molte informazioni sul tipo di provocazioni che si stanno preparando, anche a Mariupol e in altri territori dove gli ucraini stanno ora cercando di usare i cittadini come scudi umani. Parla con indiani, arabi, africani che stanno cercando di lasciare l’Ucraina, ma non sono ammessi. Proprio ieri il primo ministro indiano N. Modi ha parlato con il presidente russo Vladimir Putin. È preoccupato per il fatto che uno studente cittadino indiano sia morto in Ucraina a Kharkov. Non ci sono truppe russe a Kharkov. Ma vediamo una situazione in cui gli stranieri che vogliono partire, anche attraverso il territorio russo, non possono partire alla stazione ferroviaria di Kharkiv. Siamo pronti ad accogliere questi studenti. Il tempo non mi permette di elencare i fatti adesso. Vi invito al sito del nostro Ministero, dove nel modo più dettagliato descrive cosa sta facendo ora il regime neonazista di Kiev. Lo so, ami la parola “assassino”. I veri assassini stanno combattendo dalla parte del regime di Kiev.

Domanda:  pensa che il presidente Vladimir Zelensky, il primo presidente ebreo dell’Ucraina, la cui famiglia è stata uccisa durante l’Olocausto, sia un nazista?

Ministro degli Esteri Lavrov:  Penso che sia manipolato da nazionalisti e neonazisti. Altrimenti, è difficile per me spiegare come il presidente V.A. Zelensky possa “presiedere”  una società in cui fioriscono neonazisti e neonazisti. Marciano apertamente, organizzano fiaccolate. Allo stesso tempo, per queste fiaccolate, assegna la sua guardia dalla compagnia di guardie d’onore. Conducono esercizitazioni, imparano metodi di guerra in città, sabotaggi, provocazioni. Tutto questo sta accadendo sotto il presidente Vladimir Zelensky. Afferma che suo nonno ha combattuto. Guardi le leggi che firma. Come può il presidente, che è un “uomo di mondo” (come dovrebbe essere qualsiasi ebreo), firmare la legge sui popoli indigeni dell’Ucraina? Tra i popoli indigeni non c’è un popolo russo. Come può un presidente che non sia un segno razzista e sostenere leggi che vietano la lingua russa non solo nelle scuole (che di per sé è brutto), non solo nel campo dell’istruzione, ma anche nella vita di tutti i giorni. C’è il divieto di chiedere medicinali in russo se vieni in farmacia. In Russia, a proposito, in Crimea (a cui alcune persone in Occidente tengono così tanto) ci sono tre lingue di stato, che non sono mai avvenute sotto il dominio ucraino: russo, tartaro di Crimea e ucraino. Qualsiasi cittadino russo che vive in Crimea ha il pieno diritto di rivolgersi a qualsiasi ufficio statale o locale nella propria lingua e sono obbligati a rispondergli nella lingua in cui si rivolge. Posso elencare a lungo. Lo so, che ti piace scolpire immagini così vivide abbastanza velocemente e non hai tempo per affrontare i fatti, per leggerli. Vai almeno una volta, trascorri almeno mezz’ora sul sito Web del nostro Ministero, sul sito Web del Ministero della Difesa della Federazione Russa. Capisco che non ti sarà permesso di alzare la voce. Ieri, il presidente della Francia Emmanuel Macron ha affermato che è una bugia accusare Vladimir Zelensky e l’Ucraina del fiorire del nazismo lì. Gli è già stato risposto. Ma la risposta migliore è stata data dal suo connazionale, un giornalista francese che ha visitato il Donbass, descrivendo come ha assistito al bombardamento della scuola, come ha assistito all’omicidio di due donne che lavoravano in questa scuola e come ha svergognato tutte le figure occidentali che rifiutano per vederlo. A lei, ovviamente non gli è stato permesso di pubblicarlo, ma questo commento è disponibile sui social network. Vi invito a conoscere i fatti ea non fingere che lo stesso “film d’azione” hollywoodiano si stia sviluppando secondo lo scenario scritto dai vostri colleghi, dove c’è il male assoluto e il bene assoluto.

Domanda:  Non molto tempo fa abbiamo intervistato alcuni funzionari europei. Hanno affermato che la NATO non voleva davvero espandere l’Organizzazione a est. La Russia non dovrebbe avere problemi con questo. Ora tali affermazioni non suonano. Perché sono comparsi questi cambiamenti e perché i media russi come Sputnik e RT sono stati bloccati nell’UE? Vediamo disinformazione in vari social network e media. Quale sarà la tua risposta a tutto questo?

Ministro degli Esteri Lavrov:  Quale sarà la sua risposta a tutto questo? Questo è un fatto noto che non può essere nascosto. La leadership sovietica, e poi la leadership della Russia, ricevettero assicurazioni che la NATO non si sarebbe spostata a est, che nessuna parte dell’infrastruttura militare della NATO sarebbe apparsa a est del fiume Oder. Sai cosa è successo dopo. Il presidente Vladimir Putin ne ha parlato molte volte. Cinque ondate successive di espansione della NATO. Inoltre, ogni volta che la retorica di questa alleanza e la sua pianificazione militare, le esercitazioni militari diventavano sempre più dirette contro la Federazione Russa.

Ne abbiamo parlato molte volte, abbiamo attirato l’attenzione su di esso. Ma non hanno trovato una risposta che confermerebbe che la NATO è pronta a dialogare su basi di parità, sulla base del rispetto degli interessi e delle preoccupazioni reciproche. Non invano ho citato le dichiarazioni che sono state fatte al più alto livello in OSCE, a Istanbul nel 1999, ad Astana nel 2010, e le dichiarazioni che sono state fatte al vertice di Pratica di Mare nel 2002 tra i leader di Russia e Nato. Afferma esplicitamente che nessuno rafforzerà la propria sicurezza a scapito della sicurezza degli altri e che nessuna organizzazione nell’area euro-atlantica nello spazio dell’OSCE ha il diritto di rivendicare il predominio in questo stesso spazio. Sia quello, sia un’altra NATO si rifiutano categoricamente di portare a termine.

Ha posto un’ottima domanda: perché sta succedendo questo e perché hanno bisogno di mantenere una tale posizione? Non vedo altra spiegazione che un desiderio testardo di mantenere la propria superiorità in qualsiasi area e mostrare a tutti che è la NATO a dettare l’ordine in Europa. Ora J. Stoltenberg ha affermato che la NATO ha una responsabilità globale per la sicurezza globale. Pertanto, sul fatto che l’alleanza è difensiva, tutto questo è parlare, come si dice, “a favore dei poveri”. Se l’alleanza fosse sulla difensiva, allora, ovviamente, dovrebbe difendersi. A proposito, nessuno lo ha attaccato. Ma l’alleanza stessa ha deciso: ora ci difendiamo lungo il condizionale muro di Berlino. Il muro di Berlino è scomparso: dovremmo difenderci da qualche altra parte. Poi hanno cominciato ad espandersi verso est. Ogni volta, indipendentemente, unilateralmente, svolgevano una “linea di difesa”. Si è già avvicinata alla Federazione Russa. Questo è stato spiegato molte volte. Il presidente V.V. Putin nei suoi discorsi pubblici, numerosi, molte ore di conversazioni con i leader occidentali hanno spiegato tutto questo in modo estremamente comprensibile. Quando ci parlano a livello bilaterale, durante i negoziati sembrano mostrare comprensione, ma appena si incontrano, succede loro qualcosa. Apparentemente, quello che sta succedendo è che gli Stati Uniti stanno già “guidando” lì e “emanano” ordini, ordini. È triste. Siamo ancora aperti al dialogo. Comincerà comunque.

Tutti sanno perfettamente come sia avvenuto un colpo di stato in Ucraina, che non è stato provocato da nulla. Si è svolto il giorno dopo la firma di un accordo tra il presidente e l’opposizione per lo svolgimento di elezioni anticipate, in cui l’opposizione avrebbe vinto definitivamente. Il presidente russo Vladimir Putin chiede ai suoi colleghi: perché hanno inscenato un colpo di stato? Se non fosse stato per lui, quell’accordo sarebbe rispettato. Non sarebbe mai venuto in mente a nessuno in Crimea di sollevare una rivolta contro i golpisti. La Crimea rimarrebbe ucraina. Tutto è stato raccontato e spiegato. Ma nella situazione attuale, non possiamo mantenere una minaccia, perché l’Ucraina è stata a lungo trasformata in “anti-Russia”, un trampolino di lancio per minare tutto ciò che è russo. Faceva parte di un più ampio gioco geopolitico. Ricorda, Z. Brzezinski ha detto: “La Russia e l’Ucraina sono una superpotenza”. Secondo me, ha affermato che l’Ucraina dovrebbe essere utilizzata in ogni modo possibile per minare gli interessi, l’influenza e la cultura russa. In particolare, vorrei sottolineare che ho chiesto l’uso dell’Ucraina per il crollo dell’Ortodossia, cosa che ora si sta facendo attivamente. Il presidente PA Poroshenko ha iniziato questa linea e il presidente V.A. Zelensky la continua attivamente. Pertanto, non ci manca la buona volontà, ma non possiamo e non permetteremo di violare costantemente i nostri interessi nel modo più flagrante, creando minacce fisiche alla sicurezza della Russia. che è necessario utilizzare l’Ucraina in ogni modo possibile per minare gli interessi, l’influenza, la cultura russa. In particolare, vorrei sottolineare che ho chiesto l’uso dell’Ucraina per il crollo dell’Ortodossia, cosa che ora si sta facendo attivamente. Il presidente PA Poroshenko ha iniziato questa linea e il presidente V.A. Zelensky la continua attivamente. Pertanto, non ci manca la buona volontà, ma non possiamo e non permetteremo di violare costantemente i nostri interessi nel modo più flagrante, creando minacce fisiche alla sicurezza della Russia. che è necessario utilizzare l’Ucraina in ogni modo possibile per minare gli interessi, l’influenza, la cultura russa.

Domanda (tradotta dall’inglese):  come valuta la situazione attuale dopo i colloqui con l’Ucraina?

Ministro degli Esteri Lavrov:  ora non posso valutare la situazione dopo i colloqui. Le trattative non sono ancora iniziate. Penso che il capo della delegazione, che sta negoziando con la parte ucraina, farà una dichiarazione al termine. Allora lo sapremo tutti.

Domanda (tradotta dall’inglese):  Nell’arena diplomatica la Russia è isolata e solo quattro paesi hanno votato contro la risoluzione, secondo la quale la Russia dovrebbe interrompere immediatamente l’operazione militare. La NATO, forse per la prima volta dal crollo dell’Unione Sovietica, è unita come sempre. In senso diplomatico, questo si rivela un fiasco, questa è la sconfitta della Russia, no?

Sergey Lavrov:  Sai, spetta a lei giudicare. Non posso giudicare le mie azioni, le azioni del mio paese. Siamo convinti che stiamo facendo la cosa giusta.

Voglio dire ancora: è brutto, molto brutto che le persone muoiano.

Non penso al fiasco diplomatico, ma al “talento” diplomatico dell’Occidente. Le persone sono morte a migliaia. Circa 14mila morirono durante gli 8 anni di guerra nel Donbass. Nessuno del tuo canale o di altri media occidentali ha nemmeno pensato di andare nel Donbass e vedere come vivono le persone che il regime ucraino ha dichiarato terroristi, anche se non hanno attaccato nessuno. Furono attaccati e dichiarati terroristi. Queste persone sono quotidianamente sottoposte a bombardamenti, civili vengono uccisi lì, scuole e asili vengono distrutti, vengono commessi atti terroristici.

Se sceglie quello che l’Occidente ha detto come criterio per le tue azioni professionali, allora deve essere così. Se per te 8 anni di silenzio non solo dei media occidentali, ma anche dei politici occidentali, 8 anni di “siluraggio” degli accordi di Minsk, quando il regime ucraino non solo non li rispettava, ma continuava anche a usare la forza contro i civili, e questi 8 anni di completo disprezzo e silenzio, se lo consideri un trionfo diplomatico, questo è un tuo diritto. Rappresenti i media liberi, a quanto ho capito. La Russia si è alzata per difendere i suoi interessi e la NATO, infine, ha detto, è più unita che mai. La NATO cercava un modo per restituire il senso della sua esistenza? Scomparve dopo il crollo dell’Unione Sovietica e del Patto di Varsavia. Poi è arrivato l’Afghanistan. La NATO ha ora trionfalmente lasciato l’Afghanistan. Ancora una volta, non c’era motivo di unire e “tenere sotto controllo” tutti gli alleati. Di che tipo di autonomia strategica sta parlando il presidente francese Emmanuel Macron? Nessuno permetterà mai a nessun altro di avere autonomia strategica. Gli Stati Uniti lo hanno già dimostrato chiaramente. Questo è, forse, un trionfo diplomatico per gli Stati Uniti. Ma poi non dirò chi cadrà nel fiasco diplomatico in Europa.

Quanto all’aritmetica da lei menzionata, conosciamo bene i metodi con cui i nostri colleghi occidentali ottengono tali risultati. Puro ricatto, torsioni di braccia. Dicono direttamente a tutti i paesi senza eccezioni: ci sarà una votazione, dovete votare come diciamo noi. Ricordano le cifre all’estero che hanno conti in Occidente, i bambini studiano nelle università dei paesi occidentali. Giusto. Senza esitazione. Lo so perché molti miei amici mi spiegano di essere sotto pressione: “Mi dispiace, non possiamo votare diversamente, questa è una questione di vita, la mia vita personale, la famiglia, il suo benessere. ” Sì, tali metodi ottengono il “trionfo diplomatico. Le mie congratulazioni. Ma la verità troverà ancora la sua strada.

Ancora una volta vi invito a visitare il sito web del ministero degli Esteri russo, che  contiene fatti documentari e assolutamente irresistibili di ciò che hanno fatto i militari ucraini, i neonazisti nel Donbass e in altre parti dell’Ucraina. Pertanto, non sentiamo tale solitudine politica.

Domanda (tradotta dall’inglese):  ci sono piani per riportare Viktor Yanukovich al potere in Ucraina, non è l’obiettivo finale della Russia?

Ministro degli Esteri Lavrov:  Lei sta ponendo di nuovo una domanda, che mostra che è venuto per un’intervista e non ha nemmeno letto ciò che ha detto il presidente russo Vladimir Putin, e l’ho detto più di una volta. Spetta allo stesso popolo ucraino, o meglio a tutti i popoli che vivono nella multinazionale ucraina, decidere come continuare a vivere in Ucraina e chi scegliere per guidare questo Paese.

Domanda:  vorrei porre una domanda sulla studentessa di quarta elementare Polina Zakhodinskaya. È stata uccisa a colpi di arma da fuoco dai russi a Kiev. So che hai una figlia. Mi guardinegli occhi e mi dica come fa a dormire la notte sapendo che le bombe e i proiettili russi stanno uccidendo i bambini?

Ministro degli Esteri Lavrov:  non posso dire nulla oltre a quello che ho già detto. Ogni vita umana non ha prezzo. Eventuali ostilità sono associate, purtroppo, a vittime, e non solo tra i militari, ma anche tra la popolazione civile, i cittadini. Il nostro personale militare che partecipa all’operazione speciale ha un ordine rigoroso: utilizzare solo armi ad alta precisione per sopprimere l’infrastruttura militare. Anche le baracche dove sono di stanza i militari ucraini non subiscono attacchi o colpi.

Posso solo esprimere le mie condoglianze a tutti coloro che sono parenti e amici delle vittime.

Domanda:  sta parlando di armi ad alta precisione, ma centinaia di civili sono stati uccisi. La Corte penale internazionale sta ora indagando. Stai preparando la tua strategia di difesa personale contro i crimini di guerra?

Ministro degli Esteri Lavrov:  Ha il desiderio di porre domande così acute, avrà sicuramente un’udienza. Così accenderà il suo pubblico  emotivamente. A quanto ho capito, questo è il suo lavoro. Questo non è tanto un mass media quanto uno strumento per “ficcare” nella testa delle persone ciò di cui i leader occidentali hanno bisogno. Ci tengo a ribadire: non giustifico alcuna azione che porti alla morte di civili.

Non abbiamo inventato noi l’espressione “danno collaterale” . È stato inventato dai nostri colleghi occidentali durante le loro avventure in Iraq, prima che in altri paesi e nella stessa America Latina, in Libia. Hai mai affrontato la situazione con la stessa tensione emotiva che si è sviluppata in Iraq e in Libia? Quando c’erano centinaia di migliaia di morti tra i civili. Non ricordo. Pertanto, vedo che la tua domanda è così retorica.

Domanda:  Sì, certo, questo è il mio lavoro, signor Lavrov, ma lei ha iniziato questa guerra e il sangue di Polina è sulle sue mani. Non è così?

Ministro degli Esteri Lavrov:  non farei questi “giochi”. Non è in un talk show in questo momento. Se vuole conoscere la mia posizione, l’ho delineata nel modo più dettagliato, anche sul tema degli aspetti umanitari dell’operazione in corso.

Capisco che coprirà tutto ciò di cui ha bisogno, ma voglio che ricordi (probabilmente, qualsiasi giornalista che esegue un ordine ha una coscienza), come le i si è comportato in tutti questi 8 anni, quando tali ragazze, donne, anziani uccisi da le migliaia nel Donbass. Li ha uccisi il regime ucraino. Visiti il sito del nostro Ministero. Non voglio sprecare il suo tempo con storie lunghe. E se è così preoccupato (giustamente) per le conseguenze umanitarie di eventuali ostilità, allora Dio stesso le ha ordinato di guardare quelle pagine che ancora preferisce non toccare nelle sue attività professionali.

Domanda:  la Russia ha perso ufficialmente 500 soldati in appena una settimana di ostilità e, secondo altre stime, molto di più. Da questo punto di vista, questo è diventato uno dei più “costosi” della storia recente della Russia. Costava molto di più di quanto “costò” la guerra in Afghanistan o in Cecenia. La posizione ufficiale era che i russi sarebbero stati accolti a braccia aperte e gli ucraini avrebbero deposto immediatamente le armi. Qualcosa è andato storto?

Ministro degli Esteri Lavrov:  Questa è una visione soggettiva. Ci sono perdite. Sono sempre in queste situazioni. Già risposto a questo.

Quanto alle cose che non vanno secondo i piani. Non credo che lei abbia familiarità con i piani che sono di natura segreta e che stanno alla base delle azioni del nostro gruppo, che sta effettuando un’operazione militare speciale per ordine del presidente russo Vladimir Putin. Questa è una domanda astratta.

Voglio solo sottolineare che questa situazione non può essere considerata isolata da tutto il resto, isolata da quei trent’anni pieni di vari eventi nei rapporti tra Russia e Occidente e nei rapporti dell’Occidente con il resto del mondo , in particolare con gli Stati Uniti.

Il presidente russo Vladimir Putin ha ripetutamente affermato che la minaccia è arrivata direttamente al nostro confine. Non credo che rivelerò il segreto. Abbiamo prove che il Pentagono è molto preoccupato per il destino delle strutture chimiche e biologiche in Ucraina, perché lì ha costruito due laboratori militari e biologici e lì ha sviluppato agenti patogeni (a Kiev e Odessa). Ora sono preoccupati di perdere completamente il controllo di questi laboratori. Allo stesso tempo, gli americani rifiutano categoricamente di istituire un meccanismo di verifica ai sensi della Convenzione sulla proibizione delle armi biologiche e stanno costruendo installazioni militari biologiche lungo il perimetro della Federazione Russa. Le basi militari furono costruite in Ucraina, in particolare dagli inglesi, e tante altre cose sono successe. La US Central Intelligence Agency era costantemente e in gran numero in questi posti.

L’esercito ucraino preparato e addestrato chiaramente non deve combattere con la Polonia. Quando qualcosa del genere è accaduto in Iraq, gli Stati Uniti hanno poi annunciato che si trattava di una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Qualcuno ha posto la domanda: perché mai, a 10mila km di distanza, gli Stati Uniti hanno deciso di ristabilire l’ordine? No, non gli è venuto in mente. Perché è un grande potere arrogante. Quando la Russia dice che eccola qui, una minaccia per noi, ci spiegano che non c’è nessuna minaccia, “siete al sicuro”. Loro stessi determineranno le condizioni necessarie per la nostra sicurezza, quando “questo” sarà proprio vicino ai confini russi. Non percorriamo oltre 10mila km per riportare l’ordine secondo alcune “nostre regole”. È una decisione forzata perché semplicemente non siamo stati ascoltati e ci abbiamo mentito negli ultimi 30 anni. Un giorno dovremo probabilmente negoziare, ma sulla base di ciò che tutti si sono impegnati a fare: non rafforzare la nostra sicurezza a spese degli altri e non pretendere che qualcuno possa dominare. Solo dialogo paritario. E i nostri colleghi occidentali non sono pronti per questo e ora stanno giocando assolutamente bene attraverso un grossolano abuso di tutti i metodi diplomatici, costringendo i paesi di piccole e medie dimensioni ad agire secondo gli ordini. Questo è successo molte volte nella storia del mondo. Questo è successo molte volte nella storia russa. Non darei giudizi prematuri. quello che tutti si sono impegnati a fare: non rafforzare la propria sicurezza a spese degli altri e non fingere che nessuno possa dominare.

È in corso un’operazione che ha obiettivi chiari, vengono indicati: la smilitarizzazione dell’Ucraina in termini di prevenire la presenza di armi che minacciano la Russia in qualsiasi momento, la denazificazione dell’Ucraina, perché nessuno ha annullato la sentenza del Tribunale di Norimberga, e, di Naturalmente, fornendo garanzie all’Ucraina senza aderire alla NATO. Il presidente russo Vladimir Putin ha sottolineato che l’espansione della NATO è inaccettabile, ma siamo pronti a discutere apertamente i modi per garantire garanzie di sicurezza all’Ucraina, a tutta l’Europa e alla Federazione Russa.

Domanda:  Lei ha detto che la Russia vuole che l’Ucraina capitoli. E’ pronto a trattare con il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky? Cosa bisogna fare esattamente, cosa bisogna fare per fermare i combattimenti? Volete occupare l’intero territorio dell’Ucraina e prenderne il controllo? Questo significa la completa distruzione dell’esercito ucraino?

Ministro degli Esteri Lavrov:  Lasci che glieli  ricordi ancora. Provo a spiegare, ma ancora una volta mi fanno domande, come se non sentissero le mie risposte. Siamo pronti per le trattative. Quando il presidente Vladimir Zelensky ha chiesto negoziati, il presidente Vladimir Putin ha immediatamente accettato e ha inviato una delegazione. Quindi il presidente V.A. Zelensky ha cambiato idea. Probabilmente gli americani gli hanno detto di non correre. Poi hanno detto che sarebbero venuti. Poi sono arrivati ​​non il giorno in cui hanno concordato, ma il giorno dopo. Li stavamo aspettando lì. Le trattative hanno avuto luogo. La nostra posizione negoziale è con i colleghi ucraini. Ci hanno promesso di portare la loro posizione negoziale in questa tornata di negoziati .Siamo pronti a parlare, ma continueremo la nostra operazione perché non possiamo permetterci di mantenere in Ucraina le infrastrutture che minacciano la sicurezza della Federazione Russa.

La smilitarizzazione, nel senso della distruzione delle infrastrutture e delle armi che ci minacciano, sarà portata fino alla fine. Anche se firmiamo un accordo di pace, dovrà sicuramente includere tale clausola.

Domanda :  Il presidente della Francia Emmanuel Macron e il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin sono spesso in contatto tra loro. Pensi che la Francia abbia un ruolo speciale da svolgere nella risoluzione di questo conflitto?

S.V. Lavrov: La Francia ha una tradizione abbastanza lunga di mediazione in vari conflitti. Ricordiamo il presidente francese Nicolas Sarkozy quando ha contribuito a risolvere la situazione iniziata con l’ordine criminale di MN Saakashvili di bombardare le forze di pace e l’Ossezia meridionale. Sappiamo che il presidente francese Empress Macron e il suo predecessore hanno partecipato attivamente alla creazione del Normandy Format, all’interno del quale sono stati raggiunti gli accordi di Minsk. Un’altra cosa è che gli accordi sono stati una tappa importante in questi sforzi, ma quella è stata la fine. Dopo che sono stati firmati, dopo che questi accordi sono stati approvati dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, né la Francia né la Germania hanno fatto nulla per costringere l’Ucraina a rispettarli. Viceversa, hanno cominciato a dire che l’Ucraina non dovrebbe rispettarli, e che la Federazione Russa dovrebbe rispettarli, che non dovrebbe esserci un dialogo diretto tra Kiev e Donetsk, Kiev e Luhansk, perché questo è tutto “oggetti di scena”, ma in realtà ” colpevole” è la Federazione Russa. Abbiamo cercato di ragionare con i nostri partner francesi e tedeschi, abbiamo mostrato loro i testi degli accordi di Minsk, i testi delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU, che affermano esplicitamente che tutte le questioni chiave dell’accordo devono essere concordate con Donetsk e Lugansk. Non ha aiutato. perché è tutto un “oggetto di scena”, ma in realtà il “colpevole” è la Federazione Russa.

Ho già detto che il presidente francese Empress Macron sta prendendo l’iniziativa. Ha parlato di persona più di una volta, l’ultima ha visitato e parla spesso al telefono con il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin.  Saremo felici solo se la Francia questa volta aiuterà a raggiungere un accordo basato sui principi approvati in seno all’OSCE e nel quadro delle relazioni internazionali. Ma quando ieri il presidente della Francia Emmanuel Macron ha detto (ho già fatto riferimento a questa dichiarazione) che le accuse sull’ascesa del neonazismo in Ucraina sono una bugia. A sentire queste cose dalle labbra di un alleato… Non vedono quanto sia simile ciò che sta accadendo in Ucraina e in relazione agli ebrei, e in relazione ai russi – dichiarazioni aggressive, fiaccolate e molti crimini fisici, anche nel Donbass. Il cancelliere tedesco O. Scholz, anche lui partner della Francia nel formato Normandia (ora il primo, a quanto ho capito), ha affermato che era ridicolo dire che ci sono segni di genocidio in Ucraina. E la bocca del rappresentante della Germania non è molto piacevole da ascoltare. Se i nostri colleghi tedeschi non riconoscono tali segnali… O. Scholz ha recentemente affermato qualcosa di molto serio sulla situazione in Europa: non vedevano niente del genere da 75 anni. Ciò significa che i nostri colleghi tedeschi hanno dimenticato o non hanno notato la situazione quando è stata bombardata la Jugoslavia, forse l’hanno dormita troppo. Il cancelliere tedesco O. Scholz, anche lui partner della Francia nel formato Normandia (ora il primo, a quanto ho capito), ha affermato che era ridicolo dire che ci sono segni di genocidio in Ucraina. E la bocca del rappresentante della Germania non è molto piacevole da ascoltare. Se i nostri colleghi tedeschi non riconoscono tali segnali.

Vedi, non importa da dove prendiamo la nostra discussione, ci imbattiamo costantemente in doppi standard. Questa bontà assoluta, che ora i nostri colleghi americani stanno cercando di creare con il tuo aiuto, implica che tu possa fare tutto: pronunciare sentenze in quelle situazioni in cui lo ritieni necessario e mettere a tacere quelle che ti sono scomode, perché l’Occidente è direttamente coinvolto in essi, in primis gli Stati Uniti. Capisco che hai solidarietà e alleanza, ma questo non rende il mondo e gli affari internazionali più facili. Questa è fondamentalmente una dittatura che ora stai cercando di instaurare nella Federazione Russa: nessuna democrazia, nessuna fratellanza, nessuna uguaglianza.

Dirò ancora una volta che accogliamo con favore gli sforzi di mediazione del presidente francese Macron. Il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin gli ha spiegato più volte come vediamo l’esito della situazione attuale.

Domanda (tradotta dall’inglese):  L’Unione europea invia armi in Ucraina. Lo considera un atto di guerra? Vede il rischio di uno scivolamento nella guerra nucleare?

S.V. Lavrov: Non iniziamo a parlare di guerra nucleare. Anche il tuo ministro degli Affari esteri J-I inizia queste conversazioni. Le Drian, che ha invitato il presidente della Federazione Russa V.V. Putin a ricordare che anche la Francia ha armi nucleari, e il presidente dell’Ucraina V.A. Zelensky ne ha parlato, e il segretario generale della NATO J. Stoltenberg ha affermato che, se necessario, dispiegheranno armi nucleari armi ancora più vicine alla Federazione Russa. Il capo del ministero degli Esteri, E. Trass, si è detta pronta per una guerra tra Nato e Russia. Queste sono le stesse conversazioni che stai cercando di usare per accusare anche noi di questo. Anche se sottolineerò ancora una volta, in queste discussioni non solleviamo il tema della guerra nucleare, il tema della terza guerra mondiale. Probabilmente ha bisogno per mantenere il pubblico in Occidente in costante tensione, per continuare la russofobia al punto che ogni russo è ora soggetto ad aggressione, gli studenti vengono espulsi, gli artisti non possono esibirsi, gli atleti vengono bloccati. Ciò include la concorrenza sleale e senza scrupoli, in modo che sia più facile nello sport, in qualche parte dell’arte e in altri settori dell’attività umana. È disordinato. Pertanto, spero davvero che ora i nostri partner principali impazziscano. Saremo pronti a parlare, ma, come ho detto, esclusivamente in modo pragmatico e professionale, sulla base dell’uguaglianza. Se si aspettano che ora, dopo quello che sta succedendo, il mondo sarà diverso e la Russia “si siederà sotto la panchina” e si sottometterà a dettare, – si tratta di calcoli con mezzi non idonei. Dobbiamo ricordare la nostra storia.

Domanda:  Uno dei miei colleghi ha menzionato i risultati della votazione sulla risoluzione dell’Assemblea Generale. Ovviamente conosci questi risultati. Conosce anche il modo in cui ha votato il Consiglio di sicurezza. In connessione con un tale atteggiamento nei confronti della posizione della Russia in questo momento, le priorità della politica estera russa, i vettori di sviluppo cambieranno in qualche modo, forse gireremo in qualche altra direzione? Finora l’Occidente non ha fornito garanzie di sicurezza. Vi abbiamo sentito molte volte quanto sia importante. Pensi che la campagna che Mosca ha ora lanciato in Ucraina porterà al fatto che alla Russia verranno fornite alcune garanzie di sicurezza dall’Occidente?

Ministro degli Esteri Lavrov:  Eventuali conflitti finiscono negli accordi, quindi non dipende da noi. La nostra posizione è nota. Non ci sentiamo da trent’anni. Le nostre preoccupazioni sono ben note all’Occidente. Ignorarli con arroganza all’infinito non ha funzionato e non funzionerà. Solo le persone ingenue ci contavano.

Per quanto riguarda se ci gireremo in qualsiasi direzione. Siamo pronti a lavorare in tutti i settori in cui c’è disponibilità reciproca a condurre affari sulla base di un equilibrio di interessi. Vi assicuro che quei paesi che hanno vietato alle loro aziende di operare nella Federazione Russa lo hanno fatto sotto enormi pressioni. Ora dicono che devono soffrire, se non altro per “insegnare” una lezione alla Russia. Anche il vicedirettore del National Economic Council statunitense ha affermato che gli Stati Uniti non vogliono permettere che i prezzi del petrolio salgano troppo rapidamente, perché sarà vantaggioso per la Russia. Capisci? Non perché la benzina sarà costosa alle stazioni di servizio, e l’elettore americano pagherà un prezzo più alto e quindi sperimenterà un atteggiamento negativo nei confronti delle autorità, ma perché sarà vantaggioso per la Russia. I loro cervelli sono affilati solo per una cosa: punire la Russia nel massimo dei modi. Naturalmente, ciò si ripercuote sull’economia e sulla sfera sociale. Vi assicuro che risolveremo tutti questi problemi che l’Occidente ci crea per il desiderio (sottolineo ancora una volta, per non garantire la nostra sicurezza, non si tratta affatto della sicurezza dell’Occidente) di usare l’Ucraina come uno strumento e un pretesto per impedire alla Russia di occupare una politica indipendente. Non sono rimasti molti paesi sulla Terra che possono permettersi un tale lusso. Se vuoi, le sanzioni sono una specie di tassa sull’indipendenza.

Tornando alla tua seconda domanda sulle garanzie di sicurezza, mi è piaciuto rileggere ciò che il professore dell’Università di Chicago J. Mearsheimer ha scritto nel settembre 2014 dopo gli eventi in Crimea e nell’Ucraina orientale: “L’Occidente sta guidando l’Ucraina attraverso false speranze. E alla fine, crollerà. E sono favorevole a conferire all’Ucraina uno status neutrale ea rilanciare la sua economia. Tiralo fuori da sotto i due fuochi, dove si trovano Russia e NATO. Questa è l’opzione migliore per gli ucraini. Invece, stiamo incitando l’Ucraina a fare il prepotente con i russi. Facciamo in modo che un giorno entrerà a far parte dell’Occidente e sconfiggeremo Putin. E tutto sarà come ci occorre. E il tempo è dalla nostra parte. Bene, gli ucraini, ovviamente, giocano a questo gioco. E non vogliono più scendere a compromessi con i russi. Al contrario, vogliono prendere una posizione dura. Bene, se lo fanno, tutto finirà male per loro. Ora siamo impegnati a provocare l’inizio di un tale risultato. Ma mi sembra che avrebbe molto più senso creare un’Ucraina neutrale. È nell’interesse degli Stati Uniti porre fine a questa crisi il più rapidamente possibile. Questo è anche nell’interesse della Russia. E soprattutto è nell’interesse dell’Ucraina”. Sette anni e mezzo fa. L’articolo è stato pubblicato su Foreign Affairs. Una pubblicazione molto autorevole e rispettata. Viene ascoltato alla Casa Bianca e al Dipartimento di Stato, ma, a quanto pare, questa volta non sono stati ascoltati. Sono convinto che la Casa Bianca e la leadership americana siano consapevoli dell’esistenza di tali sentimenti. Ma vengono semplicemente ignorati. L’obiettivo era diverso – non per garantire la sicurezza dell’Ucraina sulla base di un equilibrio di interessi di Ucraina, Stati Uniti, Russia, ma per demonizzare, “terminare” la Federazione Russa. Originariamente era collocato. Ora, purtroppo, non ci sono più dubbi.

Grazie a tutti i colleghi. Capisco le tue emozioni, ma il giornalismo implica un confronto dei fatti. Vi invito ancora –  visitate  il sito web del nostro Ministero .

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.