Le contraddizioni del partito della guerra che ha perso il medioriente

Come il Partito della Guerra ha perso il Medio Oriente

Di PATRICK J. BUCHANAN

“Assad deve andare, dice Obama.”

Così leggevi nell’editoriale di The Washington Post il 18 agosto 2011.

L’articolo citava direttamente le parole del presidente Barack Obama: “Il futuro della Siria deve essere determinato dalla sua gente, ma il presidente Bashar al-Assad è di ostacolo. … [T] è giunto il momento che il presidente Assad si faccia da parte “.

Il francese Nicolas Sarkozy e il britannico David Cameron hanno firmato l’ultimatum di Obama: Assad se ne deve andare!

Sette anni e 500.000 siriani morti dopo, sono Obama, Sarkozy e Cameron che se ne sono andati. Assad governa ancora a Damasco e i 2.000 americani in Siria stanno tornando a casa. Presto, dice il presidente Donald Trump.

Ma non possiamo “andarcene ora”, insiste il senatore Lindsey Graham, o “i curdi verranno massacrati”.

Domanda: chi ci ha gettato in una guerra civile siriana, e così è riuscito il nostro intervento che dovevamo tornare a casa dopo sette anni i nostri nemici sarebbero stati vittoriosi ei nostri alleati sarebbero stati “massacrati”?

Diciassette anni fa, gli Stati Uniti invasero l’Afghanistan per cacciare i talebani che avevano concesso rifugio a al-Qaeda e Osama bin Laden.

Il diplomatico statunitense Zalmay Khalilzad negozia oggi i colloqui di pace con gli stessi talebani. Eppure, secondo l’ex direttore della CIA Mike Morell, scrivendo oggi sul Washington Post , i “resti di al-Qaeda lavorano a stretto contatto” con i talebani di oggi.

Sembrerebbe che 17 anni di combattimenti in Afghanistan ci abbiano lasciato queste alternative: stare lì e combattere una guerra per sempre per tenere i talebani fuori da Kabul, o ritirarsi e lasciare che i talebani invadano il posto.

Chi ci ha messo in questa debacle?

Dopo che Trump è volato in Iraq per Natale, ma non è riuscito a incontrare il suo presidente, il Parlamento iracheno, ha definito questo [questo sgarbo, come ] un insulto nazionale e “disprezzo degli Stati Uniti per la sovranità delle altre nazioni” e , ha iniziato a discutere se espellere i 5.000 soldati americani ancora nel proprio paese.

George W. Bush lanciò l’operazione Iraq Freedom per privare Saddam Hussein delle armi di distruzione di massa che non possedeva e per convertire l’Iraq in una democrazia e un bastione occidentale nel mondo arabo e islamico.

Quindici anni dopo, gli iracheni stanno discutendo la nostra espulsione.

Moqtada al-Sadr, il chierico con sangue americano sulle sue mani dai combattimenti di dieci anni fa, sta guidando il tentativo di farci cacciare. Promuove questo  intendimento insieme alla maggioranza dei membri in parlamento.

Considera lo Yemen. Per tre anni, gli Stati Uniti hanno sostenuto con aerei, munizioni guidate con precisione, rifornimento di carburante e informazioni mirate, una guerra saudita contro i ribelli Houthi che è degenerata in uno dei peggiori disastri umanitari del XXI secolo.

Tardivamente, il Congresso si sta muovendo per tagliare il sostegno degli Stati Uniti per questa guerra. Il principe ereditario Mohammed bin Salman, il suo architetto, è stato condannato dal Congresso per complicità nell’assassinio del giornalista Jamal Khashoggi al consolato di Istanbul. E gli Stati Uniti stanno cercando una tregua nei combattimenti.

Chi ci ha messo in questa guerra? E quanti anni di questo omicidio, in cui siamo stati collaboratori, abbiamo fatto per rendere gli americani più sicuri?

Considera la Libia. Nel 2011, gli Stati Uniti hanno attaccato le forze del dittatore Moammar Gheddafi e hanno contribuito a realizzare la sua estromissione, che ha portato al suo omicidio.

Quando ha ricevuto la notizia della morte di Gheddafi, il Segretario di Stato Hillary Clinton ha scherzato: “Siamo venuti, abbiamo visto, è morto”.

Il conflitto libico ha prodotto decine di migliaia di morti. L’uscita dell’industria petrolifera cruciale per l’economia libica è crollata a una frazione di quello che era. Nel 2016, Obama ha detto che non prepararsi per una Libia post Gheddafi è stato probabilmente il “peggior errore” della sua presidenza.

Qual’è il prezzo di tutti questi interventi per gli Stati Uniti? Circa 7000 morti, 40.000 feriti e trilioni di dollari.

E per il mondo arabo e musulmano, il costo è stato ancor maggiore: centinaia di migliaia di morti in Afghanistan, Iraq, Siria, Yemen e Libia, civili e soldati, pogrom contro cristiani, massacri e milioni sradicati e cacciati dai loro le case.

In che modo tutto questo invadere, bombardare e uccidere ha reso il Medio Oriente un posto migliore o gli americani più sicuri? Un sondaggio condotto tra i giovani del Medio Oriente e del Nord Africa nel maggio 2018 ha rilevato che molti di loro consideravano la Russia un partner stretto rispetto agli Stati Uniti d’America.

I frutti dell’intervento americano?

Ci viene detto che l’ISIS non è morto ma vivo nel cuore di decine di migliaia di musulmani, che se lasciamo la Siria e l’Afghanistan i nostri nemici subentreranno e i nostri amici saranno massacrati, e se smettiamo di aiutare sauditi ed emirati ad uccidere gli houthi nello Yemen, l’Iran segnerà una vittoria.

Nella sua decisione di lasciare la Siria e ritirare metà delle 14.000 truppe in Afghanistan, Trump ha infuriato le nostre élite di politica estera, sebbene milioni di americani non possano uscire da lì abbastanza presto.

Nell’editoriale di lunedì che celebra le principali personalità della politica estera dell’ultimo mezzo secolo, il New York Times ha scritto: “Mentre questi leader passano dalla scena, sarà lasciato alle alle nuove generazioni di trovare una via a partire dal relitto [danno] che Mr. Trump ha già creato. ”

Correzione: rendi ” relitto l’eredità ereditata dal signor Trump”.

Patrick J. Buchanan è l’autore di White House Wars di Nixon: The Battles That Made e Broke a President e Divided America Forever . Per saperne di più su Patrick Buchanan e leggere le caratteristiche di altri scrittori e fumettisti di Creators, visitare il sito Web dei creatori all’indirizzo www.creators.com.

fonte: • American Conservative – 1 gennaio 2019 link https://www.theamericanconservative.com/buchanan/how-the-war-party-lost-the-middle-east/)

Exit mobile version