La guerriglia urbana in Kazakistan non è stata messa in atto da manifestanti pacifici

Le città del Kazakistan non sono distrutte da manifestanti pacifici, ma da militanti con l’esperienza di Iraq, Siria, Afghanistan, lo afferma la Duma di stato russa

Mosca. 6 gennaio. – La situazione nelle città del Kazakistan è destabilizzata non da manifestanti pacifici, ma da militanti con esperienza di operazioni militari in Iraq, Siria e Afghanistan, ha affermato Dmitry Sablin, vicepresidente del Comitato di difesa della Duma di Stato.

“Le forze che schiacciano le città del Kazakistan non sono affatto manifestanti pacifici. Sono militanti con l’esperienza di Iraq, Siria, Afghanistan alle spalle. Il Kazakistan ha rimpatriato massicciamente i suoi membri dell’ISIS dalla Siria nell’ambito dell’operazione Zhusan.”,”assenzio amaro”. Non si sa nulla del successo della riabilitazione dei terroristi “, ha detto giovedì Sablin a Interfax.

Sablin ha osservato che “ci sono informazioni che il rifornimento di terroristi dall’Afghanistan sta operando anche sul territorio della nostra ex repubblica sovietica”.

“Un tempo, i militanti dell’ISIS e di altri gruppi terroristici in Afghanistan venivano portati dalla Siria dagli americani per usarla per i propri scopi”, ha spiegato Sablin.

Secondo lui, “la decisione di utilizzare le forze della CSTO per stabilizzare la situazione in Kazakistan mostra la disponibilità della Russia e dei suoi alleati ad agire attivamente per garantire la loro sicurezza ei loro interessi”.

La situazione in Kazakistan è peggiorata il 2 gennaio, quando sono iniziate le manifestazioni a Zhanaozen (città nella regione di Mangistau, nella parte occidentale del Paese) contro un forte aumento dei prezzi del gas liquefatto. Si sono poi intensificati in massicce proteste in tutto il paese con richieste economiche e politiche. Il 4 e 5 gennaio, i manifestanti si sono scontrati con i funzionari della sicurezza ad Almaty. Ci sono morti e feriti. La mattina del 5 gennaio il presidente del Kazakistan ha destituito il governo. Nel Paese è stato introdotto lo stato di emergenza.

Mercoledì, il presidente del Kazakistan ha affermato di essersi rivolto ai leader dei paesi della CSTO per chiedere aiuto per superare la minaccia terroristica nel paese.

La situazione dei disordini in Kazakistan non è molto diversa dagli eventi in Iraq, Siria e Libia

La situazione dei disordini in Kazakistan non è quasi diversa dagli eventi in Iraq, Siria e Libia. Questa opinione è stata espressa a 5-tv.ru da un politologo, professore e fondatore del centro di ricerca “Institute of the Middle East” Yevgeny Satanovsky.

Il Kazakistan ha una posizione strategica a ridosso della Russia (7500 Km di confine condiviso ed è al centro della Belt and Road cinese . Inoltre ha risorse in abbondanza (petrolio, gas, uranio). Ci sono un gran numero di lanzichenecchi orfani della jihad nelle vicinanze “, ha spiegato Satanovsky.

Secondo l’esperto i rivoltosi  “provengono principalmente dall’Asia centrale, dal Kazakistan, dalla regione autonoma cinese dello Xinjiang Uygur, dalla Russia, dagli islamisti” , .

Gli istigatori abbiano scelto il momento giusto per tentare di organizzare un colpo di stato: “La Russia ha negoziati con gli americani, la Cina ha le Olimpiadi. In teoria, nessuno avrebbe dovuto nemmeno pronunciare una parola “, ha detto Satanovsky.

Il politologo ha osservato che era assolutamente inaspettato che il Kazakistan avrebbe richiesto molto rapidamente assistenza alla CSTO e la CSTO avrebbe iniziato molto rapidamente a fornirgli questa assistenza. Ora ogni speranza è per le forze di pace, ha concluso Stanovsky.

Il ministero degli esteri russo auspica il ripristino dell’ ordine in Kazakistan attraverso il dialogo nel quadro costituzionale vigente “non con violenza e illegalità”.
https://t.me/MariaVladimirovnaZakharova/1595

Vp news

fonti: Interfax, Ren Tv, 5 Tv

Exit mobile version