L’Australia vuole tagliare l’allevamento del bestiame per abbassare i Co2

L'Australia vuole tagliare l'allevamento del bestiame per abbassare i Co2 1

Il vice primo ministro australiano Barnaby Joyce ha definito il taglio dell’allevamento del bestiame l’unico modo per ridurre le emissioni di metano nel paese. È stato riportato da The Guardian giovedì 28 ottobre. 

Il parlamento australiano teme che ciò possa minare il benessere delle regioni dipendenti dall’agricoltura.

Il vice primo ministro australiano Barnaby Joyce ha definito il taglio dell’allevamento del bestiame l’unico modo per ridurre le emissioni di metano nel paese. È stato riportato da The Guardian giovedì 28 ottobre.

Secondo Joyce , per ridurre del 30% le emissioni di gas serra entro il 2030, sarà necessario “prendere un fucile e sparare alle mucche”, il che potrebbe minare il benessere di molte regioni che dipendono dall’agricoltura.

Il segretario per l’energia e la riduzione delle emissioni Angus Taylor ha espresso un’opinione simile. A Glasgow, alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow, l’Australia rinuncerà formalmente al suo impegno di eliminare le emissioni di metano entro la fine del decennio, ha affermato. Il ministro ritiene che la lotta alle emissioni di gas serra distruggerà l’allevamento del bestiame e l’industria della carne e porterà anche a una riduzione della produzione di carbone e gas.

Allo stesso tempo, Climate Analytics considera falsa l’ipotesi che l’Australia smetterà di produrre carne bovina a causa delle promesse di emissioni di metano. L’azienda afferma che è così che le autorità vogliono “nascondere la mancanza di azione nel campo dei combustibili fossili”, e ricorda che l’industria agricola in Australia ha già ridotto le emissioni del 16% dal 2005.

In precedenza, l’ONU ha affermato che i paesi devono urgentemente raddoppiare gli sforzi per combattere il cambiamento climatico . Entro il 2030, le emissioni globali di gas serra aumenteranno di circa il 16% rispetto al 2010.

Gli scienziati hanno anche affermato che il mondo non è pronto per prevenire il riscaldamento globale . Gli autori dello studio ritengono che la lotta per ridurre le emissioni di gas serra stia andando nella direzione sbagliata.

fonte: Corrispondent.net

Exit mobile version