L’attentato a Robert Fico e le liste di morte di Kiev…

Date:

Dalla pubblicazione ‘Antispiegel’ un articolo lungo ma da tenere a mente circa le nuove pratiche autoritarie che diventano normalità in Europa:

È noto che il primo ministro slovacco Fico è stato ucciso per motivi politici da un attivista filoucraino. Tuttavia, questo non è un motivo per cui i media occidentali riferiscano sulle numerose liste di morte ucraine che chiedono l’omicidio di coloro che criticano Kiev e sostengono la pace.

Ho spesso parlato delle varie liste di morte ucraine, che vengono gestite con l’aperto aiuto dei governi e dei servizi segreti occidentali. In queste liste vengono pubblicati i dati personali dei critici della politica di Kiev in modo che i sostenitori radicali dell’Ucraina possano sferrare attacchi contro di loro. Anch’io sono su tutte queste liste.

Dato che anche il primo ministro slovacco Fico figurava da tempo in queste liste, è sorprendente che i media occidentali, apparentemente critici, non abbiano sottolineato in relazione all’attentato contro di lui che un attivista filo-ucraino ha sparato a un uomo che si trovava all’aperto Liste di morte ucraine.

Tuttavia, questo non è poi così sorprendente se si sa che i media occidentali lavorano a stretto contatto con coloro che stanno dietro queste liste di morte. Ho trovato un articolo molto lungo ma estremamente informativo sull’argomento dell’organizzazione EIR, che ho tradotto. Ho preso i collegamenti dall’originale e in alcuni punti aggiungo le mie informazioni tra parentesi e corsivo.

Inizio della traduzione:

“Combattere la disinformazione” attraverso l’assassinio: lezione dall’attentato a Fico

Chiunque abbia premuto il grilletto, l’attentato del 15 maggio al primo ministro slovacco Robert Fico non è un affare interno slovacco. Le domande strategiche a cui è necessario rispondere con urgenza sono: chi ha preparato l’attacco? Chi ha dato l’ordine di eseguirlo? Che bello?

Qualsiasi esame di queste questioni cruciali deve tenere conto del fatto che il Centro ucraino per la lotta alla disinformazione (CCD) ha avuto Robert Fico nella sua lista dei nemici da mettere a tacere almeno dall’aprile 2022. Fico, allora esponente dell’opposizione, fu pubblicamente etichettato come ” terrorista dell’informazione ” dal famigerato CCD il 9 aprile dello stesso anno e accusato di aver ripetuto la propaganda russa “almeno negli ultimi otto anni”. Quando nel luglio 2022 il CCD pubblicò per la prima volta pubblicamente una lista centralizzata dei cosiddetti “propagandisti del Cremlino”, il nome di Fico era sulla lista.

L’esame della connessione CCD apre le porte a un apparato più ampio all’interno del quale si trovano le risposte a queste urgenti domande strategiche. Il CCD è la principale unità di “guerra dell’informazione” del governo ucraino, che opera presso il Consiglio di sicurezza e difesa nazionale del presidente Vladimir Zelenskyj e ha il compito di trasmettere i nomi degli obiettivi all’apparato di sicurezza ucraino e ai “partner internazionali” dell’Ucraina. È composto da fanatici neonazisti, orgogliosi difensori dell’eroe nazionale ucraino e alleato di Hitler Stepan Bandera (1909-1959). Tuttavia, il CCD non è solo una questione “ucraina”. Fin dalla sua istituzione nel marzo 2021, il CCD è stato finanziato e guidato dai governi degli Stati Uniti e del Regno Unito, dalla NATO e dall’UE.

Dopo che il CCD ha pubblicato nel luglio 2022 il suo primo elenco di “nemici”, in cui quasi la metà dei nomi erano capi dello Schiller Institute o avevano partecipato a una o all’altra delle sue conferenze, con la fondatrice dello Schiller Institute, Helga Zepp- LaRouche aveva ragione, poiché l’EIR aveva precedentemente compilato un dossier intitolato “Lista info-terroristica di Kiev: la NATO globale ordina un attacco ai sostenitori della pace” che dettagliava il controllo internazionale sul CCD e il suo intento era documentato. Il dossier, pubblicato il 2 settembre 2022, chiedeva “un’azione internazionale rapida e decisiva”, anche da parte del Congresso degli Stati Uniti, per tagliare tutti i finanziamenti e il sostegno internazionali al CCD al fine di disabilitarlo e l’apparato dietro di esso, per proteggere il vite delle persone prese di mira e ripristinare la libertà di pensiero e di parola, compresa la promozione della pace, in Occidente.

Ciò non è accaduto e il primo ministro slovacco Fico deve lottare per la sua vita in ospedale. Non solo il Centro ucraino per la lotta alla disinformazione è stato protetto da Washington e Londra, ma, come spiegheremo più dettagliatamente di seguito, i partiti della NATO che lavorano con il CCD stanno ora insistendo affinché il modello ucraino di molteplici centri pubblici e privati ​​venga utilizzato “Anti Le agenzie di “disinformazione” devono essere urgentemente replicate nel resto d’Europa – e poi negli Stati Uniti. Queste agenzie agirebbero quindi in modo coordinato per identificare gli oppositori della spinta anglo-americana volta a distruggere la Russia (e poi la Cina) e per mettere a tacere quegli oppositori in un modo o nell’altro.

Altri leader europei sono nel mirino di questa operazione. Poco prima che Fico venisse preso di mira pubblicamente dal CCD per la prima volta, anche il primo ministro ungherese Viktor Orbán era stato accusato dello stesso “crimine” di aver sostenuto la pace. Il CCD ha riferito il 7 aprile 2022 che i suoi “esperti” si sono incontrati per “analizzare” il rifiuto di Orbán di unirsi alla campagna bellica contro la Russia. Il giorno prima di questo rapporto, il 6 aprile, Orbán è stato etichettato come “complice di criminali di guerra russi” e aggiunto al database pubblico gestito in Ucraina dai neonazisti dichiarati Myrotvorets (“Operatori di pace”) per identificare i “volontari di Myrotvorets”. per avvisare le “forze dell’ordine e le agenzie di intelligence” quando gli attacchi sono necessari. Da allora, il CCD ha descritto Orbán come “l’arma principale del sistema di disinformazione filo-Cremlino per ‘scioccare’ l’UE” e lo ha anche ripetutamente calunniato.

Ma Orbán è solo il più visibile tra le persone e i governi presi di mira. I ricercatori sottolineano che “combattere la disinformazione” è anche la missione ufficialmente dichiarata della maggior parte delle ONG finanziate dal Dipartimento di Stato americano e da altre agenzie governative statunitensi per promuovere rivoluzioni colorate e cambi di regime in Slovacchia, Ungheria, Georgia, Serbia, Bulgaria, Slovenia, Moldova e molti altri paesi. Questa è anche la missione dichiarata dell’intero complesso di squadre ucraine di “contro-disinformazione” di stanza attorno al CCD e finanziate anche dai governi statunitense e britannico.

Chiariamo le cose in chiaro: l’apparato di destabilizzazione guidato dalle ONG e le squadre di “contro-disinformazione” sono un’unica operazione finanziata da Stati Uniti, Regno Unito e UE. Ognuno crea le condizioni perché qualcun altro possa agire. Questo punto è stato reso sorprendentemente chiaro quando il commissario europeo per l’allargamento Olivér Várhelyi ha ammesso sfacciatamente il 23 maggio di aver “ricordato” al primo ministro georgiano iracheno Kobachidze in una telefonata che “il recente tragico evento in Slovacchia” ne era un esempio in Georgia il Primo Ministro dovrebbe insistere sull’attuazione della sua nuova legge, che impone alle ONG che ricevono finanziamenti significativi da governi stranieri di registrarsi come agenti stranieri.

Il commissario europeo è stato costretto a parlare pubblicamente dopo che il primo ministro Kobakhidze ha dichiarato alla stampa “come misura preventiva” di aver ricevuto una “terribile minaccia” da “un commissario europeo”. “Il parallelo con il tentato assassinio di Robert Fico ci ricorda che abbiamo a che fare con una forza estremamente pericolosa sotto forma del Global War Party, che farà di tutto per portare il caos in Georgia”, ha osservato Kobakhidze .

L’EIR insiste: questa operazione di guerra “anti-disinformazione” all’interno dell’Ucraina e dell’apparato del partito di guerra anglo-americano, UE-NATO che l’ha creata deve finire prima che qualcuno delle centinaia di leader politici, militari e civili europei e americani, che sono sul Le liste NATO-Ucraina ricevono il “trattamento Fico”.

Per portare avanti questi sforzi, l’EIR fornisce la seguente tabella di marcia come guida per gli investigatori internazionali, aggiornando il suo precedente dossier innovativo sul cosiddetto apparato globale di “anti-disinformazione” della NATO in Ucraina. Si aggiungono due nuovi elementi: come l’apparato ucraino per la “lotta alla disinformazione” sarà replicato in ogni Paese europeo; e un profilo approfondito di un altro attore chiave nell’apparato ucraino della lista nera dell’Occidente, l’agenzia di intelligence “privata” chiamata Molfar-OSINT. ( Nota del traduttore: recentemente ho riferito dettagliatamente di Molfar e della sua lista di morte )

L’impostazione strategica

Non è un segreto per nessuno che Fico, insieme a Orbán, sia visto come un ostacolo agli sforzi di militarizzare tutta l’Europa per una guerra volta a distruggere la Russia. Durante la campagna elettorale per le elezioni del 30 settembre 2023, Fico ha dichiarato al London Telegraph : “È meglio negoziare la pace e fermare le operazioni militari per dieci anni piuttosto che permettere agli ucraini e ai russi di combattere tra loro per altri dieci anni senza che i risultati uccidano”. Su questa base, il suo partito ha vinto le elezioni e nel suo discorso inaugurale come primo ministro, il 25 ottobre, Fico ha annunciato che in futuro la Slovacchia invierà solo aiuti civili e umanitari all’Ucraina; Gli aiuti militari alla Slovacchia finirebbero.

In qualità di primo ministro, ha esortato gli altri a esaminare dove porterebbe questa politica. Nel gennaio 2024, prima di incontrare il suo omologo ucraino Denis Shmygal, disse alla stazione radio slovacca RTVS che avrebbe detto a Shmygal che la Slovacchia avrebbe posto il veto e bloccato l’applicazione della NATO all’Ucraina “perché questa è esattamente la base della terza guerra mondiale e nient’altro”. “

È stato Fico il primo a denunciare la scandalosa proposta del presidente francese Emmanuel Macron di inviare truppe della NATO in Ucraina. Fico, visibilmente sconvolto, ha rivelato alla stampa, prima di partire per il vertice speciale europeo sull’Ucraina convocato da Macron a Parigi il 26 febbraio, che un “documento segreto” diffuso prima di quell’incontro mostrava che “un certo numero di Stati membri della NATO e dell’UE “considerano l’invio di truppe in Ucraina su base bilaterale”. Questa è un’idea “che fa venire i brividi lungo la schiena”, ha esclamato. Uscì da quel vertice denunciando “l’atmosfera puramente belligerante” che aveva dominato le discussioni in cui “non era stata detta una sola parola su un piano di pace”.

La copertura del quasi assassinio di Fico da parte dei principali organi della stampa anglo-americana è stata praticamente identica alle calunnie del CCD contro di lui. Il messaggio trasmesso dai media britannici, sia “conservatori” che “liberali”, è che Fico ha ottenuto ciò che meritava “polarizzando” il paese opponendosi alla guerra della NATO. Nessuno ha perso l’occasione di menzionare subito il nome di Orbán.

“Come il primo ministro slovacco Robert Fico ha trasformato il suo paese in uno degli unici alleati della Russia”, titolava il 15 maggio The Telegraph, ancor prima che Fico fosse fuori pericolo. “Il primo ministro slovacco, ucciso mercoledì, è passato dai valori filo-occidentali alla crescente simpatia per la Russia dopo la sua vittoria elettorale nel settembre dello scorso anno. (…) Dopo l’invasione dell’Ucraina, è diventato molto vicino a Viktor Orbán, il leader ungherese sempre più favorevole a Putin”, ha affermato. Il Guardian scriveva lo stesso giorno: “Il politico veterano ucciso mercoledì è un fan di Viktor Orbán e ha preso posizioni sempre più estreme per restare al potere” Il Guardian ha intitolato provocatoriamente il suo articolo: “Prendendo in prestito da Trump”. “: L’ascesa di Robert Fico, il leader populista slovacco.”

I giornali anglo-americani generalmente cercavano di ritrarre Fico e Orbán come voci “isolate” in un’Europa altrimenti unita. “Con le elezioni del Parlamento europeo a poche settimane di distanza, (…) l’America spera che i nuovi governi di Polonia e Repubblica Ceca riportino Slovacchia e Ungheria nell’ovile per il vertice del 75° anniversario della NATO “per creare una sorta di unità politica a Washington a luglio”, ha riferito il Times di Londra. Tuttavia, lo stesso Times è più cauto, sottolineando l’“ostruzionismo” osservato in diversi paesi quando si tratta di fare una dichiarazione globale UE-NATO. Georgia, Bulgaria, Serbia e Moldavia sono citate come centri di preoccupazione, insieme a Slovacchia e Ungheria. Il Times ha proclamato che con l’uccisione di Fico “la battaglia è iniziata”.

Molti esperti di sicurezza e intelligence sono sempre più preoccupati di dove porterà tutto ciò. Mentre la politica dei doppi standard diventa così evidente al mondo intero, la legittimità dell’intero sistema occidentale viene messa in discussione. E la storia ha dimostrato che un sistema che ha perso la sua legittimità giunge rapidamente alla fine.

Cos’è il CCD? Verso chi è responsabile?

Il dossier EIR del 2022 “Lista ‘info-terrorista’ di Kiev: la NATO ordina uno sciopero globale contro i sostenitori della pace” documenta che il CCD:

  • è una creazione interamente controllata dai governi degli Stati Uniti e del Regno Unito, dalla NATO e dalla burocrazia dell’UE, finanziata e attentamente consigliata in ogni fase dal Dipartimento di Stato americano, dall’intelligence britannica e dalla NATO;
  • ha il compito di compilare elenchi di figure internazionali responsabili di attacchi che devono essere messi a tacere in un modo o nell’altro. Gli obiettivi sono coloro che spingono per porre fine al conflitto Ucraina-Russia attraverso i canali diplomatici invece di inviare più armi a Kiev, che si chiedono se l’Ucraina riuscirà a infliggere una sconfitta strategica alla Russia, o che esprimono addirittura preoccupazione che il tentativo di farlo probabilmente potrebbe portare alla guerra nucleare globale e alla fine della specie umana;
  • chiede che il “terrorismo dell’informazione” sia classificato come un “crimine internazionale contro l’umanità”. Il terrorismo dell’informazione è definito come qualsiasi deviazione dalla tesi secondo cui la Russia deve essere distrutta. Coloro che figurano nelle loro liste potranno poi essere processati, condannati e puniti come “terroristi dell’informazione” e “criminali di guerra”, con tutte le sanzioni connesse; E
  • trasmettere le liste create ai famigerati servizi segreti ucraini SBU, a Myrotvorets e agli alleati e partner dell’Ucraina affinché contro queste persone possano essere adottate contromisure, ovvero attacchi fisici e omicidi.

Fondata nel 2014 dagli attivisti del colpo di stato neonazista Euromaidan del 2014, Myrotvorets è nota per identificare i “nemici” in patria e all’estero e poi vantarsi quando uno di quei “nemici” viene “liquidato”, anche attraverso autobombe e attacchi in strada. . È la più conosciuta delle numerose liste dei risultati ucraini, perché a differenza del CCD e dell’intero complesso di liste dei risultati sovrapposte gestite dal partito della guerra anglo-americano in Ucraina, istituzioni internazionali come la Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite (2017) e l’Ufficio tedesco degli affari esteri (2018) ha chiesto indagini sulle loro operazioni mortali, e il dipartimento di documentazione e ricerca dell’Ufficio francese per la protezione dei rifugiati e degli apolidi (OFPRA) ha pubblicato .

Il dossier EIR 2022 fornisce la necessaria panoramica del ruolo dei governi britannico e statunitense nella creazione, formazione e direzione dell’intero apparato di “sicurezza informatica” in Ucraina. Le misure di controinformazione e le liste di attacchi sono supervisionate da questo apparato. Mentre il quartier generale delle comunicazioni del governo britannico (GCHQ) e i servizi segreti sono conosciuti come il “cervello” di tali operazioni di censura (ad esempio l’Integrity Initiative, la 77a Brigata dell’esercito britannico, tra gli altri), sono, come al solito, gli americani chi sono i “cervelli” forniti. I principali volti pubblici dell’apparato di disinformazione della NATO in Ucraina rimangono l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID), sotto il Dipartimento di Stato americano, e la Civilian Research and Development Foundation-Global (CRDF-Global), un’organizzazione anglo-americana” Quango” con sede negli USA, che si occupa di sicurezza e logistica internazionale. Anche Molfar-OSINT, che descriviamo di seguito, è sostenuto da entrambe le organizzazioni. (Vedi la sintesi su CRDF-Global sul suo ruolo centrale nello sviluppo della strategia nazionale di sicurezza informatica dell’Ucraina).

Centralizza le liste dei risultati, preparati per una guerra estesa

L’8 febbraio 2024, il Centro ucraino per la lotta alla disinformazione (CCD) ha annunciato che il suo nuovo capo, il tenente Andrey Kovalenko, aveva firmato un accordo di cooperazione con Artem Starosiek, amministratore delegato di Molfar-OSINT, il servizio di intelligence open source gestito da descritto dai suoi seguaci nel quotidiano londinese The Independent come “il più grande servizio di intelligence privato dell’Ucraina”. Le due organizzazioni hanno deciso di unire le forze perché riconoscono l’importanza che le autorità statali collaborino con la società civile “per rafforzare la lotta contro la disinformazione”, riferisce il CCD. Lo stesso giorno, Molfar aggiunse 28 nomi alla sua lista pubblica di “propagandisti russi”, incluso il senatore americano Rand Paul. (Vedi Appendice.)

Il 9 febbraio VoxCheck, il progetto di “fact-checking” di VoxUkraine, un’unità della rete USAID per le operazioni di “contro-disinformazione” , ha pubblicato un articolo con un diagramma di flusso allegato che rivendicava una “rete di professionisti della disinformazione filo-russi”, composto da 26 “esperti” occidentali le cui attività rappresentano un “pericolo”. Ciascuno degli esperti nominati in questa cosiddetta “rete” è stato menzionato individualmente in una serie di 26 video prodotti in ucraino nell’ottobre e nel novembre 2023 da un progetto congiunto tra VoxCheck e il CCD. L’articolo, pubblicato in inglese il 9 febbraio, sostiene che il team CCD/VoxCheck ha scoperto le presunte “connessioni” tra questi individui per “tenere a freno” le loro voci in Occidente e in Ucraina.

Gli elenchi delle personalità prese di mira da VoxCheck, Molfar-OSINT e CCD si sovrappongono in modo significativo. Molte delle persone presenti in queste tre liste sono anche sulla lista dei morti di Myrotvorets . La fondatrice dello Schiller Institute, Helga Zepp-LaRouche, è in primo piano in tutte queste liste, così come molti altri leader dello Schiller Institute.

Si noti che la centralizzazione delle varie forze ucraine contro gli oppositori stranieri della politica di guerra è avvenuta contemporaneamente alla crescente militarizzazione della società e dei governi europei in preparazione alla guerra con la Russia, che la NATO considerava inevitabile. Questo è lo stesso periodo in cui il francese Emmanuel Macron ha fatto “rabbrividire lungo la schiena” il primo ministro slovacco Fico con la sua proposta che i paesi della NATO inviassero truppe in Ucraina “bilateralmente”.

Nello stesso periodo, il 7 e 8 febbraio 2024 si è tenuto in Ucraina il primo Kyiv International Cyber ​​​​Resilience Forum 2024, al quale ha preso parte “l’intera banda”. Secondo il Ministero degli Esteri ucraino, il forum è stato avviato congiuntamente dal Centro nazionale di coordinamento della sicurezza informatica dell’Ucraina (che fa anche capo al Consiglio di sicurezza e difesa nazionale) e dall’onnipresente CRDF-Global. È stato co-organizzato dal Ministero degli Esteri ucraino, dai Servizi segreti ucraini (SBU) e dai Ministeri della Difesa e della Trasformazione Digitale ed è “supportato”, cioè finanziato, dal Dipartimento di Stato americano.

Relatori internazionali di alto livello includevano:

  • il direttore del Centro di Eccellenza Cooperative Cyber ​​Defense della NATO (CCDCOE), Mart Noorma;
  • Il direttore della sicurezza informatica e delle infrastrutture degli Stati Uniti (CISA) Jen Easterly e il suo assistente, il “cyber ambasciatore” del Dipartimento di Stato Nathaniel Fick;
  • il Direttore del Servizio europeo di azione esterna per la politica di sicurezza e di difesa, Joanneke Balfoort; E
  • il direttore esecutivo dell’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza informatica (ENISA), Juhan Lepassaar.

L’agenda del forum prevedeva il consolidamento degli sforzi internazionali di guerra informatica espandendo il progetto pilota di sicurezza informatica della NATO in Ucraina al resto d’Europa e poi ad altri paesi. L’invito annunciava che tra i temi principali ci sarebbero stati “l’esperienza unica dell’Ucraina nella prima guerra informatica al mondo” e “la lotta alla disinformazione utilizzando gli strumenti OSINT”. Starosiek von Molfar è stato uno dei relatori in un panel su quest’ultimo argomento. Un funzionario del CCD ha parlato su un altro podio.

Noorma della NATO, nell’introduzione a un rapporto preparato per il forum (“Un decennio nelle trincee della guerra informatica”), ha affermato che il mondo si trova “in un momento cruciale della storia” e che “l’esperienza unica dell’Ucraina con il conflitto informatico fornisce informazioni inestimabili”. per le strategie di difesa globale (…) Questo forum, un centro di cooperazione, è stato significativamente plasmato dai contributi del CCDCOE [NATO].”

Non è stato discusso quasi nessun piano nascosto per gli attacchi. Illia Vitiuk, capo del dipartimento di sicurezza informatica della SBU, ha parlato in modo aggressivo di come “le informazioni raccolte attraverso metodi informatici aiutano la SBU a svolgere operazioni speciali uniche” come “l’eliminazione dei criminali di guerra”. Sergei Demedyuk, vice segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale, ha sottolineato che un “nuovo ordine internazionale di confronto e resistenza informatica” richiede “gruppi di risposta congiunti” internazionali per imporre la “protezione informatica” in tutto il mondo.

Caso di studio: Germania

L’implementazione del CCD in Germania all’inizio di aprile è un esempio di operazioni in corso. L’8 aprile 2024, il CCD ha pubblicato un nuovo ” rapporto analitico ” su una “campagna di disinformazione russa su larga scala” presumibilmente in corso in Germania. Come riportato all’epoca dall’EIR , il rapporto del CCD affermava di aver “scoperto che lo Schiller Institute, guidato da Helga Zepp-LaRouche, è una piattaforma per promuovere narrazioni coerenti con la propaganda russa”, sottolineando che le sue “Narrazioni” supportano la “così -chiamato campo della pace”. Con giustificazioni altrettanto inconsistenti il ​​CCD ha affermato che anche la ZDF, il Berliner Zeitung e l’Anti-Spiegel nonché i giornalisti e blogger Thomas Röper, Kim Dotcom, Alina Lipp e Armin Körper avrebbero lavorato per scopi russi.

Il giorno successivo (!), il 9 e 10 aprile, il CCD, con il sostegno della missione consultiva dell’UE in Ucraina, ha inviato un team nella Repubblica Federale di Germania per presentare il suo rapporto ai rappresentanti del governo “per l’alfabetizzazione mediatica e la lotta alla disinformazione» sono responsabili. “Si sono incontrati con i rappresentanti del Ministero degli Interni tedesco e dell’Agenzia federale per l’educazione civica, dove sono state discusse le questioni di un ulteriore lavoro congiunto per “combattere la disinformazione” sull’Ucraina nello spazio informativo tedesco. “Sono stati discussi gli standard internazionali per il monitoraggio e l’analisi delle informazioni e il supporto legale nella lotta alla disinformazione e all’influenza dannosa delle informazioni.”

Si è deciso di tenere consultazioni a livello operativo “che contribuiranno a migliorare la velocità di risposta alle minacce attuali e a sviluppare meccanismi comuni per contrastare le influenze ostili delle informazioni” . “ha riferito.

La NATO promuove le liste dei risultati dell’Ucraina come modello per l’Europa

Tali operazioni CCD sono esattamente il tipo di azione promossa dalla NATO. Nel gennaio 2024, il Centro europeo di eccellenza per la lotta alle minacce ibride (Hybrid COE in breve) ha pubblicato un rapporto speciale intitolato “Come l’Ucraina combatte la disinformazione russa: alveare contro mammut”. Il rapporto è stato redatto in collaborazione con Jakub Kalenský, vicedirettore dell’Hybrid Influence Interest Group [sic] del COE ibrido, e Roman Osadtschuk del Digital Forensic Research Lab (DFRLab) dell’Atlantic Council degli Stati Uniti, ed è destinato a diffondere la “disinformazione europea e statunitense” contro-esperti” ispirano le persone a studiare ed emulare l’approccio dell’Ucraina.

Il COE ibrido non è l’organizzazione “autonoma” che afferma di essere. Ha sede a Riga, in Lettonia, ed è uno dei 29 ” centri di eccellenza accreditati dalla NATO ” che “mantengono rapporti funzionali con i comandi strategici della NATO… [e] assistono anche nell’attuazione del concetto di combattimento della NATO attraverso azioni che supportano l’agenda di sviluppo della lotta alla guerra”.

In altre parole, il COE ibrido è un braccio della macchina da guerra della NATO.

Il rapporto di gennaio include “dieci lezioni che l’Occidente potrebbe imparare dall’esperienza unica ucraina”. Sono stati intervistati due dozzine di “guerrieri dell’informazione” ucraini nel governo o nella società civile (la maggior parte dei nomi sono menzionati nel rapporto). Sono state condotte “diverse interviste” con il CCD e l’intelligence ucraina, tra cui con il noto neonazista, ex consigliere del Ministero degli Interni e vice ministro Anton Gerashchenko, noto per i suoi legami con la lista dei morti di Myrotvorets.

La prima e più importante lezione da imparare dall’Ucraina, secondo Beehive, è che tutti e ogni comunicazione deve essere monitorata, da quante più fonti possibili, e che si deve rispondere a qualsiasi “disinformazione” scoperta. Il rapporto sostiene la “sorveglianza globale (…) anche in tempo di pace” e avverte che gli esperti occidentali non hanno capito cosa sta facendo l’Ucraina, “che è necessario agire anziché esitare”.

La lezione 6 è fondamentale. Il titolo è senza mezzi termini: “Le misure punitive sono necessarie”.

“Combattere la disinformazione” non significa solo “nominare e svergognare” coloro che sostengono politiche diverse. L’Ucraina dimostra che “gli sforzi per punire e scoraggiare le loro attività” sono probabilmente “il lavoro più importante” nella lotta alla disinformazione. “Ogni singolo intervistato”, sia governativo che civile, ha sostenuto con forza la decisione dei successivi governi ucraini dopo il colpo di stato del 2014 di vietare sempre più canali televisivi, siti web, canali di social media e servizi di messaggistica, “compresi quelli che non sono direttamente collegati all’appartenenza russa”. allo Stato, ma continuano a diffondere gli stessi messaggi”. Il CCD compila un “elenco di influencer internazionali che amplificano la propaganda russa”.

La lezione numero 10 è che “l’Occidente dovrebbe fare ciò che l’Ucraina ha fatto negli ultimi anni”. L’Occidente deve agire in modo aggressivo contro i canali di disinformazione e propaganda russi e contro “gli agenti consapevoli o inconsapevoli che li aiutano a diffonderli nei loro paesi”.

I “guerrieri dell’informazione” ucraini vogliono creare un “Ramstein dell’informazione” sul modello del Gruppo di Contatto per la Difesa dell’Ucraina, noto come Gruppo Ramstein, per sostenere l’Ucraina “nello spazio dell’informazione”. (Questa idea sarebbe già stata discussa con Bruxelles). Affermano che sono necessarie indagini sugli “agenti d’influenza russi”; È necessario “smascherare tutti coloro che utilizzano o tentano di utilizzare la disinformazione come arma”. Un’altra misura proposta è la creazione di un “tribunale penale speciale” per “i principali propagandisti russi”.

Il rapporto riassume il messaggio per l’Europa e gli Stati Uniti: è tempo di seguire l’esempio dell’Ucraina e impegnare “risorse significative” per un periodo di tempo prolungato per chiudere tutti i canali di “influenza dannosa” e prepararsi affinché ciò continui così a lungo. dopo una possibile guerra con la Russia. Prima è meglio è.

Allegato

I. COS’È MOLFAR OSINT? UN PROFILO RIASSUNTIVO

Molfar-OSINT è un’agenzia anglo-americana di “open source intelligence” (OSINT) che mantiene liste di risultati pubblici e privati ​​contro figure di spicco in Occidente che chiedono o si oppongono alla promozione di una soluzione pacifica al conflitto tra Ucraina e Russia di questo conflitto attraverso NATO. Opera dall’Ucraina ma ha sede a Londra. Ciò che distingue Molfar-OSINT ancor più dalle altre squadre d’assalto menzionate sopra è che è profondamente radicato nell’establishment occidentale.

L’elenco dei “partner” esteri comprende:

  • Il Royal United Services Institute (RUSI), il principale think tank sulla difesa della monarchia britannica;
  • USAID e CRDF-Global, con USAID che ospita seminari con Molfar e CRDF-Global che pagano Molfar per formare i dipendenti pubblici ucraini e la SBU dei servizi segreti ucraini nei metodi OSINT; E
  • L’European Endowment for Democracy (EED), un’organizzazione che prende il nome dal famigerato National Endowment for Democracy americano e finanziata dalla Commissione Europea e dagli Stati membri dell’UE. È stata fondata nel 2013 su iniziativa dello scandalosamente anglofilo ministro degli Esteri polacco Radoslaw Sikorski.

Il sito web di Molfar elenca la crème de la crème dei media dell’establishment occidentale come suoi clienti e destinatari dei suoi rapporti di intelligence: The Times of London, Reuters, The Economist, Financial Times, The Guardian, The Wall Street Journal, The New York Times, PBS , CNN, Foreign Policy, Newsweek, Forbes, Deutsche Welle, il canadese Globe and Mail e il quotidiano economico israeliano Globes, solo per citarne alcuni.

Il primo media a pubblicare le indagini di guerra di Molfar come fonte affidabile e credibile sulla guerra tra Ucraina e Russia è stato il Times di Londra, ha detto Starosiek, CEO di Molfar, all’emittente ucraina Detector Media . Secondo Molfar, l’“indagine operativa” a cui fa riferimento il Times nel suo articolo del 22 marzo 2022 è stata in realtà commissionata da thetimes.co.uk , “una delle pubblicazioni più rispettate al mondo”. (Il Times aveva contattato Molfar per confutare un articolo del giornalista investigativo americano Max Blumenthal che aveva esposto un elemento critico della propaganda di guerra ucraina.)

La rivista europea The Fix riferisce che Molfar ha “una base di circa 1.000 giornalisti da tutto il mondo che hanno pubblicato lavori sull’Ucraina sulla base delle informazioni fornite dall’agenzia. La maggior parte dei giornalisti utilizza i rapporti dell’agenzia come fonte per il proprio materiale. Ma c’è anche una ricerca congiunta con le organizzazioni dei media”. Un esempio: in un articolo del 16 gennaio 2024 che cita un rapporto dell’OSINT di Molfar, Newsweek ha affermato che “Molfar, che analizza da vicino la guerra in Ucraina, fornisce regolarmente rapporti approfonditi sulla guerra” – e anche foto satellitari.

II. INDIVIDUI E STRUTTURE MILITARI PRESI DI MIRA

Il sito web di Molfar rivela che la sua squadra, come il CCD, fa parte dell’apparato banderista e neonazista hardcore in Ucraina. Ciò è particolarmente evidente in due post in cui la Brigata Azov, apertamente neonazista, viene difesa come “patrioti altamente motivati” sin dalla sua fondazione come battaglione Azov nel 2014 e la sua successiva incorporazione nel Ministero degli Interni ucraino nello stesso anno. Un post dell’agosto 2022 afferma sfacciatamente: “Perché gli Azov sono eroi, non terroristi” ; e in un articolo simile , chiunque sottolinei l’orgogliosa autoidentificazione di Azov come neonazista viene etichettato come un “propagandista russo”. (Vedi Progetto Imperiale Britannico dell’EIR in Ucraina: Colpo di Stato Violento , Assiomi Fascisti per ulteriori informazioni).

Molfar non nasconde che i suoi investigatori hanno utilizzato la lista dei morti di Myrotvorets come punto di partenza per alcune delle loro indagini (ad esempio questa storia del “traditore” di Kherson ).

Dal febbraio 2022, le indagini militari di Molfar sulla guerra sono diventate il fulcro del loro lavoro. Secondo le informazioni di Molfar, egli avrebbe ricevuto l’incarico dalle autorità statali e militari ucraine, nonché dai media occidentali e dai servizi segreti di svolgere indagini. Il profilo di Foreign Policy del 2 marzo 2023 sul “ruolo pionieristico” di Molfar nel fornire obiettivi militari riporta che Molfar “afferma di fornire all’intelligence ucraina una media di 15 rapporti di intelligence utilizzabili al mese”. In questo articolo, come in altri articoli dei media occidentali, Molfar viene descritto come eccellente nello sviluppo di obiettivi precisi per l’esercito ucraino da attaccare all’interno della Russia e dei suoi nuovi territori.

Allo stesso tempo, Molfar sta stilando liste di risultati contro i presunti “nemici dell’Ucraina”. Raccoglie informazioni personali sui suoi obiettivi e sulle loro famiglie, dove vivono, con chi si associano, ecc., Solo alcune delle quali vengono rese pubbliche.

Finora ha pubblicato undici elenchi di questo tipo. Si va dagli elenchi del personale delle autorità russe (FSB, GRU, ecc.), agli elenchi dei piloti russi in volo dalla base aerea russa Engels-2 vicino a Saratov, dove sono di stanza i bombardieri strategici russi, fino all’elenco delle persone coinvolte nella produzione dei droni russi “Shakhed” e “Lancet”” e ad aziende di tutto il mondo che si dice siano “probabili” a fungere da intermediari in accordi che violano le sanzioni contro la Russia.

Un’altra lista dei nemici dell’Ucraina di Molfar è quella dei religiosi di alto rango della Chiesa ortodossa ucraina. Sebbene lei chieda che questa chiesa venga bandita, la foto di un sacerdote picchiato di questa chiesa pubblicata sul suo account X suggerisce che dovrebbero essere usati anche altri metodi. Noi “diamo alle persone la speranza di vendetta”, ha detto Starosiek, CEO di Molfar, a Detector Media . Gli ucraini vedono che i criminali “pagheranno tutto nel prossimo futuro”, si vantava.

III. “PROPAGANDISTI STRANIERI”

Uno degli undici elenchi comprende presunti “propagandisti stranieri del regime terroristico della Federazione Russa” . Il “Registro dei propagandisti esteri russi” pubblico di Molfar elenca 153 importanti politici, giornalisti, uomini d’affari e analisti, tra cui i presidenti Luiz Inácio Lula da Silva (Brasile) e Cyril Ramaphosa (Sudafrica), il primo ministro ungherese Victor Orbán, il senatore statunitense Rand Paul e U. Thomas Massie, la cittadina tedesca e fondatrice dello Schiller Institute Helga Zepp-LaRouche, l’ex primo ministro slovacco Jan Carnogursky, i giornalisti americani Tucker Carlson, Jimmy Dore e Max Blumenthal, l’ex ispettore delle armi delle Nazioni Unite Scott Ritter e il 27- Ray McGovern, analista della CIA di un anno e molti altri. Solo nel 2024, tra le persone menzionate, 73 sono state ricoverate in lotti diversi. (Vedi elenco completo .)

“Il nostro compito”, ha detto Molfar, “è quello di utilizzare le prove e attirare l’attenzione delle autorità sulle attività di queste persone”. L’elenco è in inglese ed è destinato “a essere inviato alle autorità competenti” dell’UE Stati Uniti, Canada o altri paesi occidentali da cui proviene la maggior parte dei “propagandisti stranieri russi”. Molfar lamenta che “la comunità internazionale non ha risposto adeguatamente alle loro attività [dei presunti propagandisti]”, che, scrive Molfar, richiedono la loro “rimozione dalle cariche pubbliche, l’imposizione di sanzioni e indagini sul coinvolgimento personale in crimini”.

Molfar inoltra le calunnie sui suoi obiettivi anche alla sua vasta rete mediatica. Il quotidiano britannico Morning Star ha rivelato in un articolo del 28 luglio 2022 che il suo giornalista aveva ricevuto un comunicato stampa inviato come “e-mail di massa” contenente presunte informazioni di base sul presunto finanziamento da parte del Cremlino di Max Blumenthal.

Il post su Telegram di Molfar del 9 febbraio 2024 in risposta all’intervista di Tucker Carlson con il presidente russo Vladimir Putin ha mostrato che l’organizzazione aveva un obiettivo ancora più sinistro: pubblicare collegamenti a immagini e informazioni personali sui figli di Tucker Carlson.

Si stanno sviluppando nuovi obiettivi. Il 23 febbraio 2024 Molfar ha pubblicato una bordata contro Rafal Mekler, leader del blocco dei camionisti polacchi, allora diretto contro l’importazione di grano ucraino e contro il partito Konfederacja, al quale appartiene. “Rafal Mekler e numerosi membri del partito Konfederacja sono già stati inseriti nella lista Myrotvorets”, si legge nel post. Meklar e il partito Konfederacja sono descritti come “predicatori dell’odio” perché osano ricordare al mondo il massacro commesso contro i polacchi in Volinia dagli autoproclamati “nazionalisti” ucraini che prestarono servizio nelle Waffen-SS di Hitler.

Molfar non si è limitato a questo. Sul sito non solo sono stati pubblicati i nomi della moglie e dei figli di Meklar, nonché il suo CV e l’indirizzo, ma Molfar ha anche inviato questo profilo ai media polacchi, accusandolo di essere un agente russo. Meklar si è difeso e ha dichiarato alla televisione polacca MN: “L’attività politica che svolgiamo io o altri politici è di mio esclusivo dominio. Usare la famiglia come leva è un movimento terroristico (…) Fornire tutti i dettagli sui miei figli, comprese quali scuole frequentano e quali premi hanno ricevuto e da chi, è pura barbarie”.

Fine della traduzione

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

More like this
Related

Putin propone la pace con l’Ucraina secondo un progetto minimale: l’occidente rifiuta

Il presidente della Russia Vladimir Putin ha proposto all'occidente...

III guerra mondiale: doppia morale e carenza di uomini di buona volontà

Vittorio Rangeloni, noto reporter di guerra dal fronte del...

Gas russo e Unione Europea: irragionevolezza e conseguenze economiche

Mania di grandezza. Non ci sono altre parole per...
Exit mobile version