L’attacco russo in corso ha come priorità il Donbass e si concentra sulle regioni del Mar Nero

Dall’ottimo indiapunchline una intelligente analisi sul conflitto in atto in Ucraina, non di parte e senza i filtri della propaganda che ripete le veline governative. L’autore è M. K. Bhadrakumar. È un articolo fondamentale che tratta di evidenze che ormai, sia politici e media voglio precludere dal pubblico dibattito e persino in sede decisionale parlamentare (vedi il rozzo espediente dello stato di emergenza). Ma sentire le altrui ragioni e non solo le colpe, eviterebbero gli isterici atti (in corso) che porteranno come esito solo l’incancrenimento del conflitto:

Perché l’operazione russa si concentra sul Donbass, nelle regioni del Mar Nero

Dresda
Gli esiti del bombardamento della città tedesca di Dresda dopo l’orribile bombardamento aereo britannico-americano nella fase conclusiva della seconda guerra mondiale

Un giornalista indiano veterano e corrispondente di guerra di livello mondiale, ha recentemente scritto con un tocco di umorismo che quando Lyse Doucet della BBC è atterrato a Kiev una settimana fa, gli è stato ricordato il grido ululante delle scimmie nel Parco Corbett che allertavano la giungla che una tigre era in agguato per la preda. “Appena ho visto Doucet ho capito che sarebbe iniziata l'”azione” (in Ucraina)”, ha scritto.

Tuttavia, questa volta la BBC ha sbagliato. L’MI6 probabilmente anticipò un devastante attacco russo a Kiev, qualcosa di simile all’orribile bombardamento anglo-americano del Dresda il 13-15 febbraio 1945, quando bombardieri pesanti con 1300 aerei sganciarono più di 3.900 tonnellate di bombe ad alto potenziale esplosivo sulla città e ha ucciso circa 22.700 a 25.000 persone.

In effetti, è passata un’intera settimana e i bombardieri russi non si vedono da nessuna parte. Ma questo non significa che Kiev non sia un obiettivo primario. La Russia sembra contare su un’eventuale “implosione” nella città come momento culminante della guerra, innescando l’eclissi del regime appoggiato dall’Occidente insediato a Kiev nel febbraio 2014 in seguito al colpo di stato sponsorizzato dalla CIA.

Armare i civili ucraini è stata un’acrobazia di propaganda orribilmente cinica da parte del regime, che agiva su consiglio dei mentori occidentali. Ma il contraccolpo è iniziato. Bande armate stanno vagando per le strade di Kiev aggiungendosi al caos. Se continua, ad un certo punto non può essere esclusa una conquista di un esercito.

Le forze russe preferirebbero di gran lunga evitare di combattere l’esercito ucraino come “nemico” – con l’eccezione, ovviamente, delle formazioni neonaziste (come a Kharkiv e Mariupol, o altrove nella regione sud-orientale del Donbass).

Evidentemente, i russi non vogliono distruggere l’Ucraina. L’obiettivo è rilanciare la sovranità dell’Ucraina sotto una guida ucraina e aiutarla a costituire un forte cuscinetto duraturo contro eventuali future invasioni occidentali.

Il riarmo della Germania deve suonare un campanello d’allarme quando i budget militari francesi, tedeschi e britannici superano già tre volte quelli della Russia. Il profondo coinvolgimento di Francia e Germania nell’Ucraina post-2014 non è di dominio pubblico. Tenevano la testa sotto il parapetto ma stavano scavando per il lungo raggio. Questo spiega la portata della loro ira verso Mosca.

Se non si comprende questa complessa matrice, la dinamica dell’attuale campagna russa non può essere colta. Dalle indicazioni disponibili, l’operazione russa sembra avere tre obiettivi:

  • sottoporre Kiev e altre grandi città alla guerra d’assedio (attrito);
  • tagliare la via di fuga alle forze ucraine schierate a est per ritirarsi a Kiev;
  • consolidarsi nel Donbass e in una fascia costiera contigua lungo la costa settentrionale del Mar Nero.

La mappa qui sotto mostra lo stato di avanzamento di lunedì 28 febbraio. L’operazione russa è in corso nella regione del Donbass, nel sud-est dell’Ucraina e lungo la costa settentrionale del Mar Nero, ma questo sfugge all’attenzione. I media propagandistici occidentali si stanno concentrando su storie sensazionali, sebbene l’equilibrio regionale nel sud e nel sud-est dell’Ucraina sia estremamente consequenziale.

È interessante notare che Mosca ha riconosciuto le due regioni separatiste nell’Ucraina orientale Lugansk e Donetsk come stati indipendenti secondo le loro rivendicazioni sui confini. Il presidente Putin ha affermato nelle sue osservazioni sulla questione che Mosca ha riconosciuto i “documenti fondamentali” di tutte queste due regioni.

Cosa implica? Chiaramente, il riconoscimento da parte della Russia dei confini rivendicati dalle due repubbliche separatiste secondo le rispettive costituzioni significa confini contenenti tutte le aree che avevano controllato il giorno della loro “fondazione” nel 2014 da dove sono state poi sistematicamente respinte dall’Ucraina forze (neo-naziste) attraverso la violenza organizzata contro la popolazione russa negli ultimi 8 anni. È logico che le operazioni russe mirino a ripristinare i territori perduti a Lugansk e Donetsk.

Nel frattempo, Mosca ha anche un conto da regolare con la milizia neonazista dispiegata nel Donbass e nella regione del Mar Nero che ha commesso terribili atrocità contro le sfortunate comunità russe, che è una questione emotiva all’interno della Russia. Putin lo chiama “genocidio”. Un dossier sulle atrocità è stato inviato negli Stati Uniti.

La campagna di “denazificazione” mira a reprimere spietatamente i gruppi neonazisti. L’intelligence russa ha preparato una “lista dei risultati” dei famigerati capibanda da assicurare alla giustizia.

A partire da martedì, la colonna russa che avanza nel sud ha raggiunto l’oblast di Kherson, che ha anche un importante porto sul Mar Nero e sul fiume Dnepr ed è sede di un’importante industria cantieristica. Più a est, è stato messo in sicurezza anche il porto strategicamente importante di Mariupol, il centro siderurgico sulla costa del Mar Nero.

Allo stesso modo, le truppe russe hanno distrutto una diga di cemento costruita nella regione ucraina di Kherson nel 2014 per tagliare l’acqua alla Crimea come rappresaglia per la sua annessione alla Russia. Questo risolve il problema della grave carenza d’acqua in Crimea, che è una questione politica importante.

Kherson si trova a circa 145 km a est della grande città portuale di Odessa (fondata da Caterina la Grande) con una concentrazione di popolazione russa nonostante l'”ucrainizzazione” nella demografia degli ultimi anni. Resta da vedere se le operazioni russe si sposteranno ora verso Odessa e più avanti lungo la costa del Mar Nero fino alla regione separatista della Transnistria (Moldavia), dove i russi costituiscono circa un terzo della popolazione.

map 2
Costa da Rostov-on-Don (Russia) a Odessa (Ucraina) e Moldavia

Stretta come un sottile tratto di terra al confine tra Moldova e Ucraina, la Transnistria rimane di fatto la base operativa avanzata per gli interessi della Russia nella regione più ampia.

Mosca considera la base militare statunitense nella vicina Romania una minaccia significativa; pertanto, probabilmente considera la presenza militare in Transnistria più importante che mai. Una rotta via terra da Rostov-on-Don (Russia) fino alla Transnistria (Moldavia) lungo la costa del Mar Nero può essere una risorsa strategica.

In tutto quanto sopra, un sottotesto non può essere trascurato, vale a dire che il Donbass è sia la scommessa sulla ruggine che il granaio dell’Ucraina. È una regione fortemente industrializzata che ha un grande futuro nello sviluppo economico con la serie di porti del Mar Nero che forniscono un facile accesso al mercato mondiale.

Map 41

La mappa sopra dello sviluppo economico regionale dell’Ucraina mostra la forte base industriale del Donbass. Di sicuro, l’obiettivo russo sarà quello di costruire rapidamente Lugansk e Donbass come regioni economicamente sostenibili che non rappresenteranno un drenaggio finanziario per Mosca.

Evidentemente, nella pianificazione dell’operazione russa si è riflettuto molto, a cominciare dalla storica decisione di riconoscere Lugansk e Donetsk come stati indipendenti. La furia con cui reagiscono Berlino e Parigi è evidente.

Con il “quadro generale” in mente di ricostruire l’Ucraina alla sua gloria passata come il più prospero stato ex sovietico, Putin ha premurosamente scelto uno dei suoi fidati aiutanti, Vladimir Medinsky, per guidare la delegazione per i colloqui con i funzionari ucraini. Medinsky è nato in Ucraina.

Oltre ad essere un abile scienziato politico e storico e una figura di spicco nel partito al governo Russia Unita, porta un nome famoso. Suo padre, Rostislav Medinsky, mentre prestava servizio come colonnello nell’esercito sovietico, divenne un eroe nazionale, avendo preso parte alla gestione del disastro presso la centrale nucleare di Chernobyl nel 1986.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.