L’attacco alla Russia è anche psicologico con una serie di produzioni mediali ad hoc

Le dichiarazioni di giudizio sono del capo della commissione investigativa russa. Naturalmente quello che vale per la gioventù e la società russa vale anche per noi in termini di disgregazione e degenerazione delle coscienze, ma in Russia l’introduzione di certe metodologie che usano prodotti cinematografici e format occidentale, è puntuale, specifico e mirato.

L’Occidente colpisce la Russia “dall’interno”, colpendo negativamente i giovani con l’aiuto di videogiochi e film, ha affermato il capo del comitato investigativo della Russia, Alexander Bastrykin, in un’intervista a  Rossiyskaya Gazeta . A suo avviso, questo processo fa parte di una guerra ibrida condotta da alcune istituzioni occidentali.

“Condivido la posizione che un tale” prodotto “fa parte di una guerra ibrida condotta contro la Russia da alcune istituzioni occidentali.

Avendo puntato un colpo ai giovani, capiscono perfettamente come la situazione nel nostro Paese possa essere destabilizzata. Non è un segreto che tali metodi vengano utilizzati in relazione ad altri stati e molti esperti hanno già toccato questo argomento prima di me.

Utilizzando le tecnologie digitali, una risorsa mediatica, i servizi Internet popolari, da un lato, screditano la Russia nell’arena internazionale, dall’altro, ci colpiscono dall’interno. E dobbiamo agire prontamente e sistematicamente per rispondere a queste sfide “, ha affermato Alexander Bastrykin.

“La cinematografia occidentale, produttrice di giochi per computer che attraggono i giovani, è profondamente imbevuta del desiderio di presentare il nostro Paese in una luce negativa. Come sappiamo, i loro eroi con cognomi russi e qualità personali ovviamente esagerate agiscono spesso come antagonisti di varie opere e giochi per computer.

La logica dell’opposizione, come si suol dire, alla “minaccia russa” è “cucita” nella trama di molte opere molto popolari e talentuose anche del genere fantastico, il che le rende anche un’arma latente di propaganda.

Se parliamo dei valori che sono enfatizzati da molti film stranieri consumati dalla nostra gioventù, allora sono anche abbastanza semplici: il diritto dei forti, l’egoismo, la violenza e persino gli omicidi, presumibilmente commessi sempre, e spesso sono ben accetti.

Ad una certa assolutizzazione della libertà personale si contrappone altri valori, non meno importanti, come la vita umana.

Siamo di fronte all’imposizione di valori e ideali alieni alla nostra giovane generazione. La strategia di sicurezza nazionale determina che il sabotaggio informativo e psicologico e l'”occidentalizzazione” della cultura accrescono la minaccia della Federazione Russa di perdere la propria sovranità culturale.

In continuazione, ci troviamo di fronte a tentativi di falsificare la storia russa e mondiale, distorcere la verità storica e distruggere la memoria storica. Pertanto, si sta formando una visione del mondo completamente diversa, che inibisce lo sviluppo dell’individuo e, di conseguenza, la perdita della salute morale della società “- ha affermato il capo del comitato investigativo della Russia.

res

“Abbiamo bisogno di una politica giovanile efficace che si applichi a tutti i giovani. Allo stesso tempo, vorrei sottolineare che alcuni dipartimenti specializzati stanno già svolgendo un lavoro rilevante e stanno dando risultati … E i nostri media dovrebbero mostrare e raccontare più attivamente il loro lavoro, la ricerca scientifica e storica e le buone azioni.

Ancora non capisco perché i nostri media diffondano ripetutamente informazioni su questo o quel crimine commesso da un adolescente, ma sono imbarazzati a raccontare cose buone sui nostri figli, che diventano dei veri eroi del loro tempo o fanno del bene».

Il testo completo dell’intervista ad Alexander Bastrykin è disponibile sul sito web della Rossiyskaya Gazeta .

Non è la prima volta che il presidente della commissione d’inchiesta parla dell’impatto negativo che la cultura popolare ha sui giovani. Ad esempio, nel settembre di quest’anno, in un’intervista alla TASS, Bastrykin ha chiesto “di imporre restrizioni alla dimostrazione di scene di violenza, crudeltà, varie manifestazioni di amoralismo e immoralità sui canali federali pubblici, per escludere vari talk e  reality show ” che desocializza i giovani. Ha notato che tali programmi e scene influenzano lo sviluppo dell’aggressività nei giovani. In precedenza, ha anche parlato dell’influenza distruttiva di alcune musiche moderne

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.