L’ascesa del commercio non in dollari: i BRICS e altre economie sfidano l’egemonia degli Stati Uniti

Per decenni, il dollaro degli Stati Uniti è stata la valuta dominante nel mondo per il commercio e gli investimenti. Tuttavia, negli ultimi anni, i paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) e altre economie emergenti hanno sfidato il dominio finanziario degli Stati Uniti aumentando il loro uso di valute diverse dal dollaro. Questa tendenza sta rimodellando l’economia globale e ha implicazioni significative per gli Stati Uniti e il resto del mondo.

Bye Bye, Dollaro: BRICS e altri affrontano gli Stati Uniti

I paesi BRICS e altre economie emergenti si stanno sempre più allontanando dal dollaro USA e utilizzano le proprie valute per il commercio e gli investimenti. Questo cambiamento è guidato da diversi fattori, tra cui il desiderio di ridurre la loro dipendenza dagli Stati Uniti e mitigare i rischi associati alla volatilità del dollaro. Inoltre, anche l’uso da parte degli Stati Uniti di sanzioni economiche contro i paesi che non rispettano le sue politiche ha contribuito a questa tendenza.

La Cina sta guidando la carica verso il commercio diverso dal dollaro, con lo yuan che sta diventando sempre più popolare nelle transazioni internazionali. Nel 2018, lo yuan ha superato l’euro diventando la seconda valuta più utilizzata nella finanza commerciale, dopo il dollaro USA. La Russia ha anche spinto per transazioni diverse dal dollaro, con la banca centrale del paese che ha ridotto le sue disponibilità di titoli del Tesoro USA e ha aumentato le sue riserve auree. Questa tendenza dovrebbe continuare mentre più paesi cercano di ridurre la loro esposizione al dollaro USA.

Nuovi soggetti entrano nel blocco: le transazioni commerciali in valute nazionali si impennano

Mentre il commercio non in dollari continua a crescere, nuovi attori stanno entrando nel mercato. Ad esempio, l’Unione Europea ha esplorato la possibilità di utilizzare l’euro per le transazioni internazionali, mentre il Giappone e l’India hanno cercato di utilizzare maggiormente le proprie valute negli scambi. Inoltre, alcuni paesi stanno esplorando l’uso delle criptovalute come alternativa alle valute tradizionali.

L’aumento del commercio con valute alternative al dollaro ha implicazioni significative per l’economia globale. Per prima cosa, potrebbe portare a una maggiore stabilità finanziaria e ridurre i rischi associati al dominio del dollaro. Inoltre, potrebbe portare a uno spostamento del potere economico globale, con le economie emergenti che acquisiscono maggiore influenza. Tuttavia, potrebbe anche portare a una maggiore volatilità e incertezza a breve termine, man mano che i paesi si adeguano al nuovo panorama finanziario.

Nel complesso, l’ascesa del commercio non in dollari è uno sviluppo affascinante nel mondo della finanza. Sebbene possa rappresentare una sfida per gli Stati Uniti e altri paesi che dipendono fortemente dal dollaro, offre anche opportunità per una maggiore diversità e stabilità economica. Man mano che sempre più paesi adottano valute diverse dal dollaro, sarà interessante vedere come questa tendenza continuerà a rimodellare l’economia globale negli anni a venire.

Gli errori statunitensi

Gli analisti di Moody’s Investors Service hanno affermato che prevedono l’emergere di un sistema monetario multipolare nei prossimi decenni, ma il dollaro USA guiderà il sistema dato che i suoi concorrenti non saranno in grado di replicare la sua portata, sicurezza e convertibilità. Tuttavia, Moody’s ha anche avvertito che gli Stati Uniti potrebbero essere minacciati dall’indebolimento delle istituzioni e dal protezionismo, il che potrebbe compromettere l’influenza globale del dollaro. La società di rating Fitch  è anche preoccupata per la continua minaccia di default sul proprio debito degli Stati Uniti, che potrebbe trasformarsi in una truffa politica. Le frequenti lotte politiche sul tetto del debito stanno compromettendo la credibilità della gestione fiscale e del debito degli Stati Uniti, e gli analisti di Fitch sono preoccupati che i legislatori non comprendano l’importanza di proteggere il rating “AAA” del paese.

Euforia e strapotere da ‘macchina da stampa’

Uno dei maggiori rischi per gli Stati Uniti è la perdita dei “privilegi straordinari” derivanti dal fatto che il dollaro è una valuta di riserva internazionale, come ha affermato il ministro delle finanze francese degli anni ’60 Valéry Giscard d’Estaing, il quale ha notato che grazie a questa posizione gli Stati Uniti hanno potuto mantenere uno stile di vita troppo elevato rispetto alle proprie possibilità.

Nel mese di aprile di quest’anno, il presidente francese Emmanuel Macron ha sottolineato l’importanza per l’Europa di ridurre la sua dipendenza dall’extraterritorialità del dollaro statunitense, soprattutto alla luce delle crescenti tensioni tra Cina e Stati Uniti, che potrebbero impedire di finanziare l’autonomia strategica dell’Europa. Anche il fondatore di Tesla, Elon Musk, ha sottolineato la reale e rapida de-dolarizzazione, collegandola all’uso della valuta come arma. L’economista Stephen Jen di Eurizon SLJ Asset Management ha evidenziato come le azioni eccezionali, tra cui le sanzioni a Mosca imposte dagli Stati Uniti e dai loro alleati, abbiano reso sempre più paesi restii a utilizzare il dollaro come valuta di riserva, portando a un crollo significativo del suo valore di mercato nel 2022.

In definitiva le sanzioni imposte dall’Occidente per congelare i beni della Banca centrale russa per un valore di 300 miliardi di dollari hanno diminuito la disponibilità dei paesi ad acquistare titoli del Tesoro americano e sono servite da acceleratore del processo. Queste misure punitive hanno aumentato i rischi che i beni di qualsiasi paese possano essere congelati, esattamente come è successo per la Russia.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.