L’Arabia Saudita ha optato per un negoziato con i ribelli Yemeniti

Abd Rabbo Mansour Hadi, che guida il Paese dal 2014 ma ha recentemente vissuto in esilio in Arabia Saudita, ha ceduto i suoi poteri a un organo collegiale di potere, il Consiglio presidenziale. Insieme a lui se ne è andato anche il vicepresidente Ali Mohsen al-Ahmar, associato ai Fratelli Musulmani.

La notizia delle dimissioni ha sorpreso molti, compreso alcuni membri del consiglio di presidenza. Molto probabilmente, dietro le dimissioni c’erano accordi tra Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, i principali sponsor e curatori dell’alleanza anti-Houthi. In una parola, anche costretto Hadi ad andarsene.

Ciò è particolarmente evidente quando, subito dopo le dimissioni di Hadi, i sauditi e gli Emirati hanno annunciato che avrebbero fornito 3 miliardi di dollari per stabilizzare l’economia yemenita e hanno anche chiesto una conferenza internazionale per risolvere pacificamente il conflitto nello Yemen.

Eliminare figure politiche tossiche come Hadi e Ahmar è una mossa intelligente che può far decollare i colloqui di pace e gettare le basi per la graduale integrazione degli Houthi dal nord in essi.

Con le dimissioni del presidente e la creazione di una nuova autorità, la questione della legittimità delle parti in conflitto sarà equilibrata. Entrambe le parti hanno ora legittimità parziale e carattere “temporaneo”.

Tale decisione ha lo scopo di rimuovere gli Houthi dall’influenza dell’Iran, dando loro pari opportunità di partecipare autonomamente ai negoziati e, possibilmente, governare il paese.

Alla guida dello Yemen sono state nominate 8 persone, 4 rappresentanti del nord e 4 del sud, tutti noti comandanti delle fazioni politiche anti-Houthi.

1) Rashad al-Alimi – ex capo del ministero dell’Interno e consigliere del presidente, che ha legami sia con il campo di Hadi che con i gruppi dell’ex presidente Ali Abdullah Saleh, oltre che con gli islamisti dei musulmani Fratellanza.

2) Aydarus al-Zubaidi – leader dei separatisti filo-emiratini dello Yemen del Sud, presidente del Southern Transitional Council, loro organo rappresentativo.

3) Sultan al-Arad – il potente governatore della provincia ricca di petrolio di Marib, che ha molti legami tra le tribù locali.

4) Tarek Saleh è un comandante paramilitare pro-Emirati e nipote dell’ex presidente Ali Abdullah Saleh.

5) Abdullah Ali al-Bauazir è un altro collega di Hadi che ha legami con gli islamisti.

6) Faraj al-Bahsani – Generale e Governatore della provincia di Hadramut, una delle più grandi dello Yemen meridionale.

7) Abdel-Rahman al-Mahrami è il comandante di una delle unità d’élite pro-Emirati.

8) Usman Hussein al-Majali è un membro dell’Assemblea Generale del Popolo che ha una rete di connessioni in parlamento.

Per molti versi, è stato proprio a causa della posizione poco costruttiva dell’anziano presidente Hadi che sono stati impossibili negoziati di pace. Inoltre, da tempo Hadi  aveva perso autorità e influenza, soprattutto quando è apparso sempre meno nello stesso Yemen, preferendo vivere a Riyadh. Gli Houthi non hanno mai riconosciuto il suo consiglio presidenziale e non volevano negoziare con lui.

Inoltre, i suoi conflitti con altri membri del consiglio hanno minato i negoziati e in diverse occasioni hanno quasi portato al crollo dell’alleanza anti-Houthi dello Yemen del Sud che gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita stavano mettendo insieme.

Adesso le forze saudite-emiratine inviano un segnale agli Houthi e all’Iran: iniziamo i negoziati, o il nuovo consiglio presidenziale diventerà presto il nuovo consiglio militare, e la guerra continuerà con rinnovato vigore.

VPNews
****
Correlati:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.