Gli Stati Uniti sono il più grande esportatore di rifiuti di plastica al mondo

L'America Latina chiede agli Stati Uniti di ridurre le esportazioni di rifiuti di plastica nella regione

rifiuti

rifiuti

Si continua a parlare di green, economia verde e clima. Ma queste cose sono in realtà solo opportunità per i paesi ricchi, mentre i rifiuti continuano ad essere mandati nelle discariche dei paesi meno abbienti.

di Jerri-Lynn Scofield

Gli Stati Uniti rimangono il più grande esportatore di rifiuti di plastica al mondo, anche se le esportazioni di rifiuti sono diminuite in modo significativo da quando la Cina ha deciso nel 2018 di non continuare a essere la discarica mondiale di rifiuti di plastica. Ma altri paesi – Vietnam, Thailandia – continuano a farlo.

In effetti, da soli gli Stati Uniti continuano a generare più esportazioni di rifiuti di plastica rispetto a tutti gli altri paesi dell’UE messi insieme.

Il Guardian venerdì  ha riferito che le organizzazioni ambientaliste dell’America Latina hanno chiesto agli Stati Uniti di frenare le esportazioni di rifiuti di plastica nella regione, dopo che un rapporto condotto da Last Beach Cleanup, un gruppo di difesa ambientale con sede in California, ha scoperto che il volume di esportazioni di rifiuti di plastica dagli Stati Uniti verso alcuni paesi dell’America Latina,  era raddoppiato durante i primi sette mesi del 2020 (vedi America Latina esorta gli Stati Uniti a ridurre le esportazioni di rifiuti di plastica nella regione ).

Il Guardian riporta che:

 Secondo una ricerca condotta da Last Beach Cleanup (un gruppo di difesa ambientale con sede in California), oltre il 75% delle importazioni nella regione arriva in Messico, che ha ricevuto oltre 32.650 tonnellate (29.620 tonnellate) di rifiuti di plastica dagli Stati Uniti tra gennaio e agosto 2020. El Salvador è stato il secondo, con 4.054 tonnellate, e l’Ecuador terzo, con 3.665 tonnellate,

Sebbene le importazioni di rifiuti pericolosi siano soggette a tariffe e restrizioni, raramente queste vengono applicate e i rifiuti di plastica destinati al riciclaggio. Infatti, i rifiuti  fino a gennaio di quest’anno non erano considerati pericolosi dal diritto internazionale . Quindi, secondo un ricercatore con la Global Alliance for Incenerator Alternatives (Gaia), i rifiuti pericolosi che entrano nei paesi importatori possono spesso finire in discarica,.

Un rapporto di Gaia pubblicato a luglio ha anche previsto un’ulteriore crescita nel settore dei rifiuti di plastica in America Latina, grazie agli investimenti di aziende negli Stati Uniti e in Cina in fabbriche e impianti di riciclaggio da costituire in tutta la regione per elaborare le esportazioni di plastica degli Stati Uniti.

Per il Guardian, lo scarico di plastica nei paesi in via di sviluppo è solo una manifestazione moderna di un atteggiamento colonialista:

Alcuni vedono la pratica come una forma di colonialismo ambientale. “Il commercio transfrontaliero di rifiuti di plastica è forse una delle espressioni più nefaste della commercializzazione di beni comuni e dell’occupazione coloniale dei territori del sud geopolitico per trasformarli in zone sacrificabili”, ha affermato Fernanda Solíz, direttore dell’area sanitaria presso il Università Simón Bolívar dell’Ecuador .

“L’America Latina e i Caraibi non sono i cortili degli Stati Uniti”, ha detto Soliz. “Siamo territori sovrani e esigiamo il rispetto dei diritti della natura e dei nostri popoli”.

Altri paesi sviluppati hanno cercato di arginare le esportazioni di rifiuti di plastica e, di fatto, hanno prodotto un accordo internazionale in tal senso. Purtroppo, gli Stati Uniti, il più grande trasgressore della plastica, hanno deciso di non firmare quell’accordo. Secondo il Guardian:

La maggior parte dei paesi del mondo ha concordato nel maggio 2019 di arginare il flusso di rifiuti di plastica dalle nazioni sviluppate del nord del mondo verso quelle più povere del sud del mondo. Conosciuto come l’emendamento sulla plastica alla Convenzione di Basilea, l’accordo vietava l’esportazione di rifiuti di plastica da entità private negli Stati Uniti a quelle dei paesi in via di sviluppo senza il permesso dei governi locali.

Ma in modo critico, gli Stati Uniti non hanno ratificato l’accordo e sono stati accusati di continuare a incanalare i propri rifiuti in paesi di tutto il mondo, inclusi Africa, sud-est asiatico e America Latina.

“I governi regionali falliscono sotto due aspetti: il primo sono le ispezioni alla dogana perché non sappiamo davvero cosa entra nel Paese sotto le spoglie del riciclaggio, e falliscono anche nei loro impegni con accordi internazionali come la convenzione di Basilea ”. ha detto Camila Aguilera, portavoce di Gaia. “E qui è importante vedere cosa c’è sotto i tipi di riciclaggio perché il riciclaggio è visto come una buona cosa.”

“I paesi del nord del mondo vedono il riciclaggio come qualcosa di cui essere orgogliosi, dimenticandosi di riprocessare i prodotti e riducendo gli sprechi”, ha affermato Aguilera. “È molto difficile per i governi trattare la plastica come un rifiuto tossico, ma lo è”.

(…) Nella migliore delle ipotesi, il riciclaggio è una mezza misura. Il mondo non ha bisogno di più membri che cantano nel coro del riciclaggio. Invece, è necessario ridurre la produzione di plastica. Questo è un punto fermo. La produzione di plastica in prima istanza comporta un costo ambientale. Molto meglio smettere di creare plastica piuttosto che preoccuparsi di come smaltire i rifiuti una volta creati.

Exit mobile version