L’agenzia antidoping russa scrive al comitato mondiale anti-doping illustrando le sue controdeduzioni ma c’è un nemico interno…

La Russia è stata punita ulteriormente per le questioni antidoping. La vicenda è controversa. Lo scandalo antidoping si scatenò prima delle olimpiadi e pochi mesi prima delle elezioni presidenziali russe. A scatenare lo scandalo fu inizialmente Gregory Rodchenkov . Su di lui la Russia ha spiccato un mandato di cattura internazionale. Le autorità russe dicono di avere prove sufficienti per accusare Gregory Rodchenkov della distruzione dei test antidoping degli atleti e di aver manipolato i campioni. La Russia dice di avere prove che in cambio della consegna dei test degli atleti russi positivi al doping , sarebbe stato a lui offerto cittadinanza USA e asilo. Numerosi atleti e allenatori russi hanno già testimoniato contro di lui.

Quando avvenne la estromissione della Russia alle Olimpiade in Sud Corea, la Russia adottò tutte le misure necessarie per conformarsi sia al CIO che alla WADA rispondendo a tutte le domande e offrendo piena trasparenza nella ricerca di documenti e test antidoping. Ma mentre la Russia rispettò i termini posti, Grigory Rodchenkov, il principale fautore delle accuse, rifiutò tutti gli incontri incontri con rappresentanti russi all’estero. Alle Olimpiadi nessun inno, nessuna bandiera e assolutamente nulla in relazione ai simboli della Russia. Alle Olimpiadi furono esclusi anche i puliti che erano favoriti  nel raccogliere medaglie. E successivamente all’esame degli ulteriori test – i cui risultati furono diffusi dopo le olimpiadi –  praticamente quasi tutti gli atleti risultarono puliti ( nel settembre 2017 – l’agenzia mondiale antidoping Wada – come risultato dell’indagine – aveva sollevato dalle accuse ben 95 atleti russi su 96. Ciò vuol dire che le le prove presentate erano risultate per massima parte inconsistenti).

Ciononostante questi furono i  criteri adottati: la Russia non solo non parteciperà alle Olimpiade di Tokio ma ad ogni competizione sportiva internazionale.

Ma c’è di più. Quando la RUSADA (agenzia antidoping russa) ha preparato una memoria contro-deduttiva per discolpare lo sport russo dalle accuse di doping diffuso, il suo stesso direttore Yuri Ganus  ha lanciato nuove accuse che mettono in crisi definitiva la possibilità di una positiva soluzione della vicenda. La mia opinione è che se davvero ci siano stati casi di doping, la vicenda è stata adeguatamente strumentalizzata dai paesi ostili alla Russia ed in testa gli Stati Uniti. La questione appare come una questione sportiva ma con forti connotazioni politiche. E’ indubbio che questa vicenda sia usata in maniera strumentale e capziosa.
L’articolo che segue è della giornalista Karine Bechet, presidente dell’associazione ”Comitas Gentium France -Russie”.

@vietatoparlare

Yuri Ganus o il percorso del tradimento interno

Karine Bechet

La saga delle sanzioni olimpiche contro la Russia continua ad essere in pieno svolgimento. Mentre RUSADA (agenzia antidoping russa) ha inviato ufficialmente la sua lettera alla World Anti-Doping Agency (la WADA, l’agenzia antidoping mondiale) per contestare le sanzioni contro gli atleti russi, il suo direttore generale, Yuri Ganus, accompagna, senza precedenti, questa lettera dichiarando di non condividere la posizione del Consiglio esecutivo dell’Agenzia antidoping russa. Non è il suo primo tentativo di silurare questa agenzia. Sorprendente? No, non proprio. Yuri Ganus sembra avere contatti “eccellenti” con WADA e assolutamente nessuna connessione o attaccamento allo sport. Come con Rodchenkov, gli Stati Uniti sanno ringraziare i suoi servitori.

Più che sorprendentemente, mentre la posizione sul piano legale della WADA è particolarmente fragile e RUSADA, logicamente, sfida ufficialmente le misure adottate, il suo direttore generale Yuri Ganus accompagna questo richiesta con una propria lettera [che va in senso opposto], in cui dice alla WADA di non condividere l’opinione del Consiglio esecutivo della RUSADA. In altre parole, prima che il Tribunale Arbitrale Sportivo pronunci una parola definitiva, Ganus fornisce un’arma di influenza al WADA, che può essere allegata al fascicolo delle motivazioni della  Corte Arbitrale dello Sport (CAS). L’iniziativa di Yuri Ganus colpirà la possibilità di una buona memoria difensiva della Russia. E lo sa perfettamente.
Va detto che questo affascinante gentiluomo non è al suo primo tentativo. Ancor prima che la WADA prendesse la sua decisione contro la Russia, in ottobre aveva riferito ai media che il database degli esami antidoping degli atleti russi era stato modificato [secondo Ganus i “test antidoping da parte di atleti russi sono stati cambiati per nascondere possibili violazioni”]. La dichiarazione è stata fatta al New York Times mentre Ganus era negli Stati Uniti per partecipare a una conferenza antidoping. Ha così volontariamente contribuito all’attacco condotto contro lo sport russo.
Dobbiamo anche ricordare che, un anno fa, è stato lui a forzare il gioco trasmettendo un video al presidente russo per intervenire personalmente in modo che il database RUSADA, che era nelle mani del  comitato investigativo (dal momento che in Russia è in corso un’indagine contro [il direttore del laboratorio nazionale russo di antidoping ] Rodchenkov , venisse trasmesso al WADA, in modo che tutte le condizioni per il reintegro della Russia nello sport mondiale fossero finalmente soddisfatte. Ciò ha consentito alla WADA di attaccare la Russia, utilizzando il cosiddetto database fornito da Rodchenkov, la cui autenticità non è mai stata verificata. Senza l’intervento di Ganus, la WADA non sarebbe stata in grado di dichiarare l’irregolarità di questi database e condannare la Russia.
Perché così tanto odio? Perché tanto per chiamare le cose per nome, questo individuo odia lo sport russo. Odia la Russia? Sta a lui rispondere. In ogni caso, odia quelli che costituiscono gli organi statali e non smette mai di criticare e quasi di insultarli in ciascuna delle sue interviste.
Yuri Ganus è nato nel 1964 nella repubblica sovietica dell’Ucraina, ha studiato ingegneria a Leningrado, poi all’International Banking Institute, poi ha studiato legge e poi si è formato in management. In breve, è un manager Il massimo in ciò che la società contemporanea può produrre per riempire questo esercito di individui incompetenti e non convinti. Esseri grigi per perseguire carriere. In Russia, hanno anche le loro competizioni, quelle di “leader” o ” direttore aziendale “, a cui ha partecipato anche il nostro caro amico Yuri.
Come ha fatto questo individuo a finire ai vertici del RUSADA quando non ha alcun legame con lo sport – e non ne sa nulla? Le sue spiegazioni sono piuttosto oziose: ha letto da qualche parte (senza ricordare dove) un annuncio sull’apertura di un concorso per gestire l’agenzia antidoping russa, è apparso con altri 700 concorrenti ed è stato arrestato dopo interviste con esperti WADA e Consiglio esecutivo.
Comunque, passava per caso, vide un po ‘di luce, spinse la porta, gli offrimmo una sedia, si sedette, presero il tè e sposarono la ragazza della casa.
In ogni caso, che crediamo o meno nelle storie di Natale (questa è la stagione), capiamo molto meglio perché Yuri Ganus continua a dichiarare che la Russia non ha possibilità prima del CAS (e lui fa tutto perchè questo avvenga), perché minaccia persino di aumentare le sanzioni contro la Russia (in termini concreti, sono già al massimo, le autorità olimpiche non possono impedire l’esistenza della Russia come paese), e soprattutto perché ha inviato , contro ogni regola, questa lettera a WADA: ribadisce la sua fedeltà al suo padrone e chiede di non essere messo nella stessa borsa di questi russi.
Che la Russia produca molti di questo tipo di individuo, non ne ha il monopolio. Ma che conferisca loro posizioni dominanti, che poi usano con una reale capacità di disturbo, quando il paese è in difficoltà e rivendica la propria sovranità, è una logica piuttosto speciosa. Anche dal punto di vista sacro della gestione.
[su_panel shadow=”0px 5px 3px #eeeeee”]nota= Grigorij Michajlovič Rodčenkov è un dirigente pubblico e chimico russo. È stato direttore del laboratorio nazionale russo di antidoping, sospeso dall’ Agenzia mondiale antidoping nel novembre 2015 per aver facilitato il programma di doping sponsorizzato dallo stato della Russia. [/su_panel]