L’agenda per lo sviluppo sostenibile è fatta per creare nuovi ambiti di guadagno a discapito della maggior parte delle persone

Nel 2015, le Nazioni Unite si sono prefissate l’obiettivo di “trasformare il nostro mondo” e “reimmaginarlo” nel modo che ritengono opportuno. con il pretesto di uno “sviluppo sostenibile “. Tutti i 193 stati membri hanno aderito a questa missione contro l’umanità mentre i veri istigatori e creatori di questo governo mondiale hanno orchestrato tutto dietro le quinte. Questo, ovviamente, è stato inserito nella loro Agenda 2021 che ha origine nel lontano 1992, ma questa acquisizione delle menti. è stata abilmente pianificata e iniziata ben prima. Per molti anni, la maggior parte delle persone si è illusa che questi cosiddetti “obiettivi sostenibili” servissero per il miglioramento dell’umanità, e solo ora si sta sviluppando un nuovo movimento di pensiero, anche se ancora nascente.

Ma riflettiamo: se veramente questo attivismo fosse mosso da uno sguardo buono verso l’umanità, come conciliare la guerra ucraina in corso,e , soprattutto, l’atteggiamento pazzoide che la maggior parte dei leader occidentali manifestano?

La gente inizia a rendersi conto che questi eugenetisti, che tirano le fila che contano da oltre un secolo, sono i burattinai miliardari che coordinano questa demolizione controllata che sta rapidamente cadendo a pezzi davanti ai nostri occhi. Questo può essere visto in ogni settore, in ogni iniziativa, in ogni cambio di politica, in ogni crisi inventata, nelle acquisizioni governative, nel furto di danaro dei contribuenti, nella stampa di denaro, nelle continue bufale e false flag, nell’invenzione di nuove attività lucrative che causano danno e non migliorano la vita delle collettività. Inoltre, in questo contesto è stato introdotto il pieno controllo delle persone, per seguirne ogni movimento. Tutto questo è visibile e non può essere negato. Il velo tra realtà e illusione si è ormai  sollevata e solo chi non vuol vedere non vede

Gli obiettivi che la reimmaginazione del mondo sono essenzialmente 17 e sono indicati in quella che viene chiamata “Agenda 2030″.

Per realizzare questa agenda continuano ad incantare l’umanità tramite il completo controllo dei mezzi di comunicazione. L’obiettivo è di rendere la democrazia una formalità e mettere l’umanità in una gabbia. Se le persone non iniziano a rendersi conto che il potere appartiene a loro stesse e continueranno ad accettare che gli amministratori siano altri perchè è troppo complesso governare, allora le cose non cambieranno mai.

E’ veramente avvilente che la maggior parte della gente creda veramente al fatto che l’agenda 2030 sia un bene, che serva a salvare le persone e salvare il pianeta.

Questi “obiettivi globali” sono “concordati da tutti i leader mondiali per costruire un mondo più verde, più giusto e migliore entro il 2030, e tutti noi abbiamo un ruolo da svolgere per raggiungerli”. Per “ruolo” intendono che le persone dovrebbero essere cittadini digitali obbedienti senza diritti e libertà personali, “non possedere nulla ed essere felici”.

È importante notare che questi 17 obiettivi vengono utilizzati principalmente per convincere le società che tutto è fatto per un bene superiore. Molti di questi obiettivi implicano la raccolta, l’aggregazione e lo scambio di dati anagrafici e gran parte di ciò che viene descritto è semplicemente una operazione di marketing finalizzati a 17 scopi.

Questo è chiaro ma ciò che non dicono è che l’obiettivo non sono gli scopi stessi ma il lucro e la generazione di nuove attività che questi obiettivi producono a beneficio di pochi.

Un esempio perfetto è il loro impegno a garantire che tutti nel mondo abbiano accesso a un conto bancario con il pretesto dell’uguaglianza e la capacità di fornire assistenza diretta ai poveri, ma se guardi a tutti gli altri loro piani nel settore finanziario e digitale identità, diventa abbastanza chiaro che questo viene fatto con l’obiettivo di creare un reddito di base universale che sia tracciato e le spese controllate sulla base di un punteggio sociale basato sul livello di obbedienza.

I 17 Obiettivi:

1. Nessuna povertà
“Insieme possiamo nutrire gli affamati, sradicare le malattie e dare a tutti nel mondo la possibilità di prosperare e vivere una vita ricca e produttiva”.

2. Fame Zero
“Porre fine alla fame, garantire la sicurezza alimentare e una migliore nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”.

3. Buona salute e benessere
“Garantire uno stile di vita sano e promuovere il benessere per tutti a tutte le età. Negli ultimi 15 anni, il numero delle morti infantili si è dimezzato”.

4. Istruzione di qualità
“Garantire un’istruzione di qualità inclusiva ed equa e promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti”.

5. Uguaglianza di genere
“Raggiungere l’uguaglianza di genere e responsabilizzare tutte le donne e le ragazze. L’uguaglianza politica, economica e sociale per le donne andrà a beneficio di tutti i cittadini del mondo”.

6. Acqua pulita e servizi igienico-sanitari
“Garantire la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e dei servizi igienico-sanitari per tutti. Una persona su tre vive con servizi igienico-sanitari. Provoca malattie e morte inutili”.

7. Energia pulita e conveniente
“Garantire a tutti l’accesso a un’energia economica, affidabile, sostenibile e moderna. L’implementazione di queste nuove soluzioni energetiche il più rapidamente possibile è essenziale per contrastare il cambiamento climatico, una delle maggiori minacce alla nostra stessa sopravvivenza”.

8. Lavoro dignitoso e crescita economica
“Promuovere una crescita economica sostenibile, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti. Se aiutiamo a creare posti di lavoro ampliando l’accesso ai servizi bancari e finanziari, possiamo garantire che tutti traggano vantaggio dall’imprenditorialità e dall’innovazione”.

9. Industria, innovazione e infrastrutture
“Costruire infrastrutture sostenibili, promuovere un’industrializzazione inclusiva e sostenibile e incoraggiare l’innovazione. Dobbiamo promuovere tecnologie sostenibili innovative e garantire un accesso equo e universale alle informazioni e ai mercati finanziari”.

10. Ridurre la disuguaglianza
“Ridurre la disuguaglianza all’interno e tra i paesi. Troppa ricchezza del mondo appartiene a un gruppo molto ristretto di persone. Affinché le nazioni prosperino, l’uguaglianza e la prosperità devono essere disponibili per tutti, indipendentemente dal sesso, dalla razza, dalle convinzioni religiose o dallo stato economico”.

11. Città e comunità sostenibili
“Rendere città e comunità inclusive, sicure, resilienti e sostenibili”.

12. Consumo e produzione responsabili
“Garantire modelli di consumo e produzione sostenibili. Il nostro pianeta ci ha fornito un’abbondanza di risorse naturali, ma non le abbiamo utilizzate in modo responsabile e attualmente stiamo consumando molto più di quanto il nostro pianeta possa fornire. “

13. Azione per il clima
“Adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e i suoi impatti. Il cambiamento climatico è una minaccia reale e innegabile per l’intera nostra civiltà. Le conseguenze sono chiare e saranno catastrofiche se non agiamo ora. Attraverso l’istruzione, l’innovazione e il “mantenimento” dei nostri impegni sul clima, possiamo apportare i cambiamenti necessari per proteggere il pianeta. Questi cambiamenti apriranno enormi opportunità per modernizzare la nostra infrastruttura”.

14. La vita sott’acqua
“Conservare e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile. Oceani e mari coprono il 70% del nostro pianeta e dipendiamo da loro per cibo, energia e acqua. Dobbiamo proteggerli… e iniziare immediatamente a gestire e proteggere responsabilmente tutta la vita marina in tutto il mondo”.

15. Vita sulla terra
“Proteggere, ripristinare e promuovere l’uso sostenibile degli ecosistemi terrestri, gestire le foreste in modo sostenibile, combattere la desertificazione, fermare e invertire il degrado del suolo e fermare la perdita di biodiversità. Questa è la chiave della nostra sopravvivenza”.

16. Pace, giustizia e istituzioni forti
“Promuovere società pacifiche e inclusive per lo sviluppo sostenibile, fornire accesso alla giustizia per tutti e costruire istituzioni efficaci, responsabili e inclusive a tutti i livelli. Compassione e una forte “bussola morale” sono essenziali per ogni società democratica. Dobbiamo assicurarci di avere istituzioni forti, standard di giustizia “globale” e un impegno per la pace nel mondo”.

17. Partnership per raggiungere gli obiettivi
“Rafforzare i mezzi di attuazione e rivitalizzare la partnership globale per lo sviluppo sostenibile. Sono necessari investimenti e sostegno internazionali per garantire lo sviluppo tecnologico innovativo, il commercio equo e l’accesso al mercato. Per costruire un mondo migliore, dobbiamo essere solidali, empatici, fantasiosi, appassionati e, soprattutto, collaborativi”.

Come raggiungeranno questi obiettivi? Semplice: creano una crisi e poi fingere di venire in soccorso con soluzioni che creeranno nuove attività imprenditoriali per salvare la situazione. Ma poche realtà possiedono queste attività, ci guadagnano miliardi e con ogni nuova creazione cercano di conquistare le persone per nuovi ambiti di guadagno.

Tuttavia, non esiste solo il lato economico che spiega ogni cosa. In realtà, esistono alcuni ambiti che sono legate a tutte le strutture sovranazionali prevalenti che si sono auto investiti a realizzare un cambiamento totale dell’umanità secondo un preciso disegni ideologico.

La crisi del coronavirus fa parte di questo disegno

“La crisi del Coronavirus rientra in un processo più ampio: obiettivi Onu di sviluppo sostenibile, woke culture, blacklivesmatter , ClimateEmergency: un set di nuove regole morali che stabilisce come dovremmo tutti comportarci”.

MATTIAS DESMET: sono parte della stessa ideologia! Un’ideologia che si crede l’unica risposta ai problemi mondiali emergenti. Alcuni di essi sono reali, altri no… ma l’approccio tecnocratico con cui li affrontiamo non è più la soluzione bensì la causa stessa dei problemi.

VPNews

fonti: Giubbe Rosse

 

 

Exit mobile version