L’Afghanistan dei talebani è stato sempre così?

L'Afghanistan dei talebani è stato sempre così? 3

Rimuovi il termine: Muhammad Zahir Shah Muhammad Zahir Shah

No, l’Afghanistan si avviava ad essere come un qualunque paese moderno, l’interruzione del processo è avvenuto per intrighi interni, e, soprattutto per l’intervento anti-sovietico.

A metà del XIX secolo, la situazione politica in Afghanistan si era alquanto stabilizzata. Il potere è stato preso dalla dinastia Pashtun (il gruppo etnico più numeroso in Afghanistan) Durrani, che guidarono il paese per 100 anni. Da esso proveniva anche il padre dell’ultima padishah, il quarto re dell’Afghanistan, Muhammad Nadir Shah. Fece di tutto per garantire che suo figlio ricevesse una buona educazione e tutte le abilità necessarie per il re.

All’inizio, Zahir Shah non poteva reclamare il trono: aveva un fratello maggiore. Pertanto, Zahir Shah, nato nel 1914, senza sentire alcuna responsabilità particolare, partì per Parigi all’età di 10 anni, si laureò al Lyceum, all’Istituto Pasteur e poi all’Università di Montpellier. Ma alla fine degli anni ’20, suo fratello maggiore morì. Il gentile, educato e per nulla ambizioso Zahir Shah dovette la necessità di accettare il potere.

King Muhammad Zahir Shah of Afghanistan
13th October 1949.

Il sedicenne Zahir Shah arrivò a Kabul e fu immediatamente arruolato nella scuola di fanteria dell’ufficiale. Secondo la tradizione, il re avrebbe dovuto avere un’educazione militare e Zahir Shah semplicemente non aveva scelta. Il futuro re superò rapidamente il corso di scienze militari: all’età di 17 anni fu rilasciato dalla scuola con il grado di tenente e presto si sposò.

All’età di 18 anni, suo padre lo nominò viceministro della difesa, a 19 divenne ministro dell’istruzione. Il padre sembrava sentire che non aveva molto da vivere e preparò urgentemente suo figlio per il difficile fardello reale.

La premonizione non fu ingannata: nel 1933 il re e suo figlio arrivarono alla cerimonia al Nejat Lyceum. Qui Muhammad Nadir Shah fu ucciso da uno studente del liceo Abdul Khalik Khazar.

L’omicidio del padre avvenne di fronte a suo figlio, il che, ovviamente, non aggiunse ottimismo al ragazzo di 19 anni. Sarebbe stato il caso di amareggiarsi ma Zahir Shah non era così: invece riuscì a mantenere il rispetto per l’ambiente e l’amore per la gente, che dopo 40 anni lo ripagò con l’ingratitudine nera: rovesciamento e molti anni di esilio.

Dalla estromissione di un monarca prudente si avvia il declino afgano

Dopo essere salito al trono, Zahir Shah non fece alcun passo decisivo. Tuttavia, creò una democrazia costituzionale e cercò di aprire la sfera civile concedendo il suffragio universale, promuovendo i diritti civili e concedendo il diritto di voto alle donne in una società tribale altamente conservatrice.

Zakhir Shah, lottò per trascinare il suo paese sulla strada maestra del progresso.  Nel 1964, emanò una nuova costituzione, in cui vietava ai suoi parenti di ricoprire posizioni di rilievo nello stato, promuoveva lo sviluppo della democrazia e dei diritti delle donne, condusse una campagna anti-persiana per divulgare la lingua pashtun nativa, costruì strade e fabbriche, e si recò a Mosca per incontrare Krusciov e Breznev, negoziando forniture e assistenza.

Tuttavia, Zahir Shah non conosceva molto bene la realtà politica dell’epoca, la situazione del paese, non tanto per rompere completamente il vecchio e imporre un nuovo ordine. Pertanto, distribuì tutti i posti più importanti ai suoi parenti, che per molti anni hanno governato il paese per suo conto. Le principali leve di controllo erano nelle mani di zii, adulti, politici esperti.

Qui, nella cerchia più stretta, crebbe e fece esperienza Mohammed Daoud.

Mohammed Daoud era sposato con la sorella del re. Questo ufficiale ambizioso e determinato era l’esatto opposto del re gentile e delicato. Non per niente le persone che lo conoscevano a volte chiamavano scherzosamente Daud “Stalin afgano”.

Per 10 anni, Muhammad Daoud determinò la politica interna ed estera dell’Afghanistan, che in tutti questi anni si era avvicinata all’URSS. Fu ad allora gli specialisti sovietici aiutarono gli afghani a costruire le autostrade Kushka-Herat-Kandahar, la più grande centrale idroelettrica del paese a Naglu e un complesso di irrigazione nella provincia di Nangarhar.

Tuttavia, Daoud era un politico eccessivamente ambizioso e la carica di primo ministro non gli andava bene. Così iniziò a tessere intrighi attorno al monarca, la situazione si aggravò per il fatto che Daoud non fu mai in grado di ricostruire l’economia del paese. Rimase arretrato e in gran parte dipendente dagli aiuti esteri. Nel 1956 fu firmato un accordo sovietico-afgano sulla fornitura di armi del valore di $ 32,4 milioni. Gli ufficiali afgani furono mandati a studiare nelle istituzioni educative militari sovietiche e i consiglieri sovietici vennero in Afghanistan.

Nel luglio 1973, Il generale Muhammad Daud Khan , che, come primo ministro, fu allontanato dal suo incarico a causa del suo atteggiamento da falco nei confronti del vicino Pakistan a causa di lunghe controversie sui confini.

Fu allora che Muhammad Daud Khan – profittando dell’assenza del re che si recò in Italia per cure –  con un colpo di stato incruento prese il potere e la carica di presidente autocratico della neonata Repubblica dell’Afghanistan a partito unico.

Daud Khan con la sua solita astuzia arrestò la famiglia del re e suggerì a Zahir Shah: o rinunci al potere, o la famiglia sarà distrutta! Il re, ovviamente, scelse la famiglia: ai suoi occhi, le vite della sua amata moglie, due figlie e cinque figli non valevano la corona reale.

Dal 1973, Zahir Shah visse in esilio alla periferia di Roma, nascondendosi da politici e connazionali assetati di sangue. E tuttavia, nel 1991, un intervistatore che si rivelò militante di uno dei gruppi estremisti tentò un attentato alla sua vita. Il “giornalista” ha detto: “Mi dispiace, ma devo ucciderti!”

Si può immaginare tutta la gravità della situazione del re crollato, ai cui occhi l’Afghanistan è precipitato in un abisso sanguinoso di colpi di stato e sconvolgimenti.

Passarono molti anni prima che in Afghanistan si riuscisse  a capire quanto si era perso con il rovesciamento della monarchia! Il regno di Zahir Shah è stato definito “l’età d’oro dell’Afghanistan”, caratterizzata da relativa stabilità e tranquillità. Dopotutto, nel paese è apparsa una stampa libera e un parlamento eletto, il re ha abilmente equilibrato, mantenendo relazioni con Mosca e Washington, che hanno cercato di dominare l’Afghanistan durante il suo governo, e promosse relazioni culturali e commerciali dell’Afghanistan con l’Europa.

Ma nel 2007, l’ex re è morto, portando con sé la tomba del principale segreto del suo regno: la capacità di trovare compromessi dove altri vedevano solo una scusa per un’altra guerra e rivoluzione.

Il resto lo sappiamo. L’usurpatore Daud Khan si trovò al culmine della Guerra Fredda e l’URSS era ansiosa di acquisire stati clienti nell’Asia meridionale per compensare una forte presenza americana in Medio Oriente. All’inizio, poiché Daoud dimostrò tendenze socialiste e filosovietiche, l’URSS accolse con favore la sua ascesa al potere. Ma quando cercò di prendere le distanze dai sovietici e ordinò l’epurazione dei comunisti, Daoud e la sua famiglia furono uccisi dagli ex alleati del Partito Comunista Democratico Popolare dell’Afghanistan (PDPA).

Ne seguì la più nota guerra contro i sovietici da parte della guerriglia estremista, finanziata ed armata dagli Stati Uniti con Bin Laden tra i nuovi ‘innovatori’. Da lì il declino fu inesorabile ed a nulla valsero 20 anni di occupazione USA che causò miglia di morti civili afgani e perdite tra gli opposti schieramenti.

@vietatoparlare

 

fonti: Centro BESA, Warfor

 

Exit mobile version