L’accordo di Huawei con la Russia va ben oltre l’implementazione del 5G a Mosca

L’operatore di telefonia mobile MTS ha collaborato con il cinese Huawei per creare una zona pilota 5G a Mosca, in cui le comunicazioni mobili ad altissima velocità copriranno per la prima volta quasi l’intera città. L’autore cerca di capire se le autorità cittadine sono preoccupate per il rischio per la sicurezza associato alla società Huawei e sostiene l’opinione della leadership di Mosca che non si può fare affidamento solo sulle società europee …

Huawei, con il supporto di Putin, ha appena lanciato il 5G in Russia: “Hello, Splint Internet” (Forbes, USA)

Zak Doffman – fonte (Forbes) Stati Uniti

Sta arrivando, e ora è qui. Huawei 5G è è stato lanciato un progetto per implementare la tecnologia di quinta generazione (5G) delle reti cellulari sviluppata da Huawei (Huawei). Si basa su un accordo firmato tra la cinese Xi Jinping e la russa Vladimir Putin al Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF) del 2019. Il contesto di quella discussione è andato al cuore della divisione tecnologica emergente tra Oriente e Occidente, e quindi questo lancio ha un reale significato politico.

Alcune settimane fa a Mosca, l’operatore mobile russo Tele2, insieme a Ericsson, ha lanciato la zona pilota 5G. E ora, come riportato dai media questo fine settimana, un operatore mobile concorrente MTS “ha collaborato con il colosso cinese della tecnologia Huawei per creare una zona pilota 5G a Mosca, nell’ambito del quale la rete mobile ad altissima velocità coprirà quasi l’intera città per la prima volta”.

Durante l’incontro di Xi e Putin di giugno, i progetti pilota della rete 5G di Huawei non sono stati l’unico argomento all’ordine del giorno. Durante lo stesso incontro, è stata discussa la questione della possibilità di trasferire gli smartphone Huawei al sistema operativo russo Aurora, che è stata discussa più in dettaglio tra i rappresentanti di Huawei e il capo del Ministero dello sviluppo digitale, delle telecomunicazioni e delle comunicazioni di massa della Federazione Russa. La scorsa settimana, Reuters ha riferito che Huawei installerà Aurora OS “su 360.000 dei  tablet per il censimento della popolazione russa che avverrà il prossimo anno”. Reuters ha definito il progetto pilota “il primo passo per il lancio del sistema operativo russo sui dispositivi Huawei”.

La stessa riunione dei leader ha riguardato la questione dell’emergente divisione tecnologica tra gli Stati Uniti e i suoi alleati da un lato e anche la Cina e altri paesi (compresa la Russia) dall’altro. . Il cosiddetto Splinternet suscita paura in alcune agenzie di intelligence – dal momento che significa una perdita di controllo e, per i grandi attori del settore tecnologico occidentale, una perdita di profitto. E questi attori nel mercato della tecnologia includono aziende come Intel (Intel), Qualkomm (Qualcomm), Google (Google) e Microsoft (Microsoft).

A quel tempo, fu anche suggerito che Huawei potesse iniziare a lavorare in alcune aree di ricerca, sviluppo e produzione, incluso l’avvio della “produzione congiunta di microprocessori e software”. Il fatto che il progetto pilota iniziale Aurora sembra essere un programma statale russo è in linea con l’ipotesi che dietro le quinte vi sia un livello più profondo di cooperazione. Tutto è interconnesso.

Prima dell’incontro dei leader dei due paesi a giugno, ho chiesto al ministro del governo di Mosca e al capo del dipartimento di tecnologie dell’informazione Eduard Lysenko se fosse preoccupato per il rischio per la sicurezza associato a Huawei. La risposta di Lysenko era inequivocabile. “Nella Federazione Russa”, mi ha detto, “ci sono rigorose regole di sicurezza delle informazioni che seguiamo sempre”. La Russia e Washington hanno opinioni diverse sulla minaccia alla sicurezza nazionale dai presunti legami di intelligence di Huawei con Pechino.

Le reti 5G sono state testate per la prima volta a Mosca nel 2018 “durante la Coppa del Mondo”, mi ha detto Lysenko. – Megafon [un altro operatore di telefonia mobile russo] per trasmissioni in diretta (partita di calcio) in formato VR utilizzando la tecnologia 5G ha utilizzato l’apparecchiatura Nokia (Nokia). Tuttavia, ora Megafon ha accettato di sviluppare e implementare gli standard 5G in Russia con Huawei. ”
Rispetto alla cooperazione con il governo di Mosca, la cooperazione tra Cina e Russia è a un livello leggermente superiore. E si estende ad aree come l’escalation della guerra ibrida in tutto il mondo, la diffusione dell’influenza, il controllo sul comportamento della popolazione e la guerra informatica in corso in Medio Oriente, dove sia la Cina che la Russia vedono l’Iran come una meravigliosa “terza parte” attraverso la quale combattere con gli Stati Uniti e i suoi alleati regionali.

Dato che è stato firmato un accordo tra Xi e Putin, ho nuovamente chiesto a Lysenko il ruolo di Huawei. Gli ho chiesto delle trattative tra Putin e Xi. “Dal momento che non sono un membro del governo russo”, ha detto, “non posso essere una fonte di informazioni nell’agenda del leader del paese”.

Per quanto riguarda il ruolo di Huawei, mi ha detto che “il governo di Mosca non ha firmato alcun accordo con Huawei, il governo di Mosca ha firmato accordi con operatori di telecomunicazioni e non impone alcuna restrizione a tali operatori, consentendo loro di stipulare accordi con vari fornitori di apparecchiature “. Stranamente, Lysenko ha affermato che questa cooperazione tra Mosca e Pechino,” come in altri paesi europei, garantisce il principio di un libero mercato, offrendo pari opportunità agli operatori e ai fornitori di telecomunicazioni “.

E per quanto riguarda le preoccupazioni relative a problemi di sicurezza in collaborazione con Huawei, la sua opinione non è cambiata con l’installazione delle apparecchiature dell’azienda. “I nostri sistemi di sicurezza sono progettati per tutti i tipi di minacce”, ha affermato. – Certo, esistono minacce a diversi livelli, ma siamo pronti per affrontarle. Nel 2018, abbiamo respinto più di 27 mila attacchi di hacker sui nostri computer e ora stiamo costantemente migliorando il nostro sistema di sicurezza “.

Questa è il quadro generale. E’ lo splinternet emergente [“Splinternet”, è l’idea che il web, da sempre immaginato come una grande community globale online, si trasformi in un labirinto di piccole entità regionali e nazionali, regolato da una miriade di leggi in conflitto fra loro]. “Il fatto che la Cina sia un partner tecnologico per noi”, mi ha detto Lysenko, “è abbastanza comprensibile e prevedibile per costruire ulteriori relazioni”. Siamo principalmente interessati ad accelerare il progresso tecnologico. La Russia ha leggi abbastanza rigide nel campo dello sviluppo della tecnologia dell’informazione e abbiamo avanzato seri requisiti di sicurezza e ne chiediamo la piena attuazione. Di conseguenza, lavoriamo solo con coloro che possono soddisfare questi requisiti. ”

Mosca capisce che ha bisogno dell’invulnerabilità della tecnologia nel caso in cui altri paesi ritirino le loro compagnie. “Non sappiamo quale posizione assumeranno domani le aziende europee nelle relazioni con la Russia”, ha ammesso Lysenko. “In questo senso, la storia di Huawei è indicativa. Non puoi fare affidamento sul mercato di un paese, devi diversificare i rischi, che è ciò che stanno facendo gli operatori russi”.

I moscoviti condividono la fiducia nella tecnologia cinese in generale e nella tecnologia Huawei in particolare? “Non abbiamo riscontrato alcuna paura di massa dei moscoviti riguardo a ciò che è scritto sulla stampa americana. Non abbiamo ricevuto alcun reclamo o richiesta di smettere di utilizzare le tecnologie Huawei “.

Nel 2019, lo spiegamento di varie zone pilota del 5G a Mosca si baserà sui risultati del collaudo riuscito delle reti durante la Coppa del Mondo, ha spiegato Lysenko, e “l’operazione commerciale delle reti 5G dovrebbe iniziare pienamente nel 2020-2022”. Secondo i resoconti dei media russi, la rete Huavei sarà anche coinvolta nel “test delle tecnologie intelligenti di informazione e comunicazione della città, progettate per aumentare la sicurezza e migliorare la gestione dei servizi urbani, nonché per sviluppare il sistema di trasporto”.

Ma il vero significato di tutti questi eventi va ben oltre il download di film HD, la gestione dei sistemi di trasporto o lo sviluppo di un sistema di servizi pubblici.

[su_panel shadow=”0px 5px 2px #eeeeee”]Zak Doffman, l’autore di questo articolo, è  fondatore / CEO di Digital Barrier, sviluppatore di soluzioni dirompenti di sorveglianza dell’IA per le organizzazioni di difesa, sicurezza e commerciali negli Stati Uniti, in EMEA e in Asia, lavoro con i responsabili della sicurezza nazionale, dell’antiterrorismo e della protezione delle infrastrutture critiche. Sono stato in tecnologia per 25 anni, con gli ultimi 15 di quegli anni in videosorveglianza, analisi, sicurezza informatica e intelligenza artificiale.[/su_panel]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.