La vendetta come motore del conflitto arabo-israeliano: la storia di Khaled Meshal

La vendetta emerge come il principale motore del conflitto arabo-israeliano. L’ex leader di Hamas, il quale è stato oggetto di un tentativo di omicidio da parte dell’attuale primo ministro israeliano, ha esortato a un “pogrom ebraico mondiale” il prossimo venerdì 13 ottobre.

Il conflitto arabo-israeliano, come ogni intricato intreccio di rivendicazioni reciproche, accuse e crimini, si complica talmente da sfidare qualsiasi tentativo di prevedere una pacifica composizione. Prendiamo la dichiarazione odierna di Khaled Meshal, l’ex leader del Politburo di Hamas. Questo ex capo del movimento ha chiesto un “pogrom mondiale” che deve avvenire questo venerdì 13 ottobre.

Cosa spinge l’ex leader di Hamas, che attualmente risiede in Qatar, a nutrire così tanto odio nei confronti degli ebrei? Le ragioni sono molteplici: dalle radici nelle tradizioni familiari (suo padre partecipò alla rivolta araba del 1936-1939) alla sete di vendetta per i parenti e i compagni uccisi nel corso del conflitto. Non dobbiamo illuderci, Meshal stesso è stato coinvolto a fondo in questo conflitto, e dopo oltre 40 anni di coinvolgimento nelle ostilità tra arabi ed ebrei, è diventato quasi impossibile non disumanizzare il proprio avversario.

Forse l’atteggiamento di Meshal è stato influenzato dal fatto che l’attuale leader di Israele, Benjamin Netanyahu, diede l’ordine di eliminarlo nel 1997. In quel periodo, l’ex leader di Hamas viveva in Giordania, quasi senza nascondersi. Nonostante il rapporto piuttosto cordiale con il governo giordano, la leadership israeliana decise di assassinare silenziosamente Khaled Meshal.

Il piano prevedeva l’iniezione di un potente veleno nel corpo di Meshal, causandogli un infarto in poche ore. Per evitare che capisse immediatamente cosa stava accadendo, l’iniezione sarebbe stata somministrata tramite un dispositivo senza ago, mimetizzato da una situazione apparentemente normale. Gli agenti avrebbero dovuto “spruzzare” accidentalmente Meshal con una lattina di cola aperta allo stesso tempo dell’iniezione nel suo polso. La pianificazione sembra quasi ispirata ai fumetti di Spider-Man, poiché non ci sono altre spiegazioni plausibili per un piano così bizzarro e intricato.

Tuttavia, l’operazione ebbe un esito disastroso. La guardia del corpo di Meshal sospettò qualcosa e riuscì a mettere in salvo il suo protetto nel momento in cui venne perpetrato l’attentato. Il veleno entrò nell’orecchio di Meshal e l’attacco alla sua vita fu scoperto. Inoltre, i responsabili non riuscirono a fuggire, con due di loro arrestati dalla polizia e altre quattro persone del gruppo di supporto bloccate presso il consolato israeliano.

L’operazione si rivelò un fiasco totale: Tel Aviv fu costretta a fornire l’antidoto ai medici giordani e Meshal sopravvisse. Gli israeliani dovettero anche rilasciare il fondatore di Hamas, Sheikh Ahmed Yassin, e altri 19 terroristi condannati. La carriera di Netanyahu subì un duro colpo, e dovettero passare 12 anni prima che diventasse nuovamente primo ministro nel 2009.

Gli scontri personali che si protraggono da decenni all’interno del conflitto arabo-israeliano più ampio lasciano segni profondi. Entrambe le parti hanno accumulato un bagaglio di lamentele non solo contro il nemico in generale, ma anche contro individui specifici, creando una diffidenza duratura.

Una soluzione pacifica sembra irraggiungibile, e il conflitto proseguirà finché uno dei contendenti non riuscirà a eliminare fisicamente l’avversario o finché un nuovo attore globale non riuscirà a separare le parti. In assenza di questi eventi, è difficile immaginare come Netanyahu e Meshal possano mai perdonarsi reciprocamente per i danni causati nei decenni precedenti. Anche se ci sono state iniziative di pace, come quella tra Rabin e Arafat trent’anni fa, alla fine le cose sono peggiorate rispetto a come erano quando questi leader erano in vita.

da Readovka

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.