La vecchia questione dell’imprecisione del test PCR

Uno studio di un gruppo di scienziati afferma che "Il lavoro di Corman-Drosten si basa su dieci errori fatali ..."

foto Pixabay License Free for commercial use No attribution required

All’inizio del 2020, quando a Wuhan, in Cina, è stata segnalata un’epidemia di polmonite di “eziologia sconosciuta”, è stato pubblicato un rapporto sulla rivista EUROSURVEILLANCE sulla scoperta di un nuovo coronavirus, successivamente identificato come COVID-19.

Poiché i virus non possono essere coltivati ​​in vitro in laboratorio (i virus possono moltiplicarsi solo all’interno di una cellula vivente), non possono essere coltivati ​​e propagati come i campioni batterici.

Pertanto, è stato utilizzato il test della reazione a catena della polimerasi (PCR), che oggi è il test standard per confermare l’infezione da COVID-19.

Il test  PCR è un metodo per ottenere rapidamente da milioni a miliardi di copie di un dato campione di DNA, sufficiente per l’analisi, dato che i coronavirus hanno una dimensione di soli 80-220 nanometri. Si dice che COVID-19 abbia un diametro di 120 nanometri. (Nanometro = 1 miliardesimo metro).

La sequenza del genoma virale è stata consegnata al laboratorio per l’analisi e si è concluso che è “strettamente correlata a una specie virale chiamata sindrome respiratoria acuta grave (SARS)“. Sulla base della conferma affidabile dei risultati del test PCR utilizzando “isolati virali”, il test PCR è diventato il test standard per COVID-19.

Il test PCR è stato originariamente confermato con veri isolati virali da una precedente epidemia di SARS (sindrome respiratoria acuta grave) nel 2003 .

Tuttavia, i ricercatori ammettono: ” In questo caso, gli isolati del virus 2019-nCoV (COVID-19) o i campioni di pazienti infetti non sono ancora diventati disponibili per la comunità internazionale della sanità pubblica “.

In altre parole, la comunità scientifica non disponeva di un virus completo che potesse essere utilizzato per confermare COVID-19 , solo la “sequenza del genoma virale”, un pezzo di materiale genetico “strettamente correlato” al COVID-19 .

Era gennaio 2020. Avanti veloce a dicembre 2020. La FDA ha pubblicato le linee guida per i test PCR per COVID-19 etichettati “solo per uso di emergenza”. Titolo della pubblicazione: CDC 2019-Novel Coronavirus (2019-nCoV) Real-Time RT-PCR Diagnostic Panel, originariamente pubblicato a febbraio 2020 e poi ripubblicato a luglio.

A pagina 40 di questa pubblicazione della FDA, si afferma quanto segue:

“I risultati hanno lo scopo di identificare l’RNA di SARS-CoV-2 (COVID-19). L’RNA di SARS-CoV-2 si trova solitamente nei campioni del tratto respiratorio superiore e inferiore durante l’infezione. Risultati positivi indicano infezione attiva di SARS-CoV-2, ma non esclude un’infezione batterica o coinfezione con altri virus .

L’agente scoperto può non  essere la causa di alcune malattie .La rilevazione dell’RNA virale potrebbe non indicare la presenza di un virus infettivo o che 2019-nCoV sia l’agente eziologico dei sintomi clinici “.

In breve, affermano:” Abbiamo solo del materiale genetico per supportare l’esistenza di COVID-19. E può o non può essere “la causa finale” della malattia. ”

A pagina 42 di questo documento si legge:

“Poiché gli isolati quantitativi di 2019-nCoV non erano disponibili al momento dello sviluppo del test e questo studio per l’uso CDC, i saggi progettati per rilevare l’RNA 2019-nCoV sono stati testati con RNA a lunghezza intera trascritto ottenuto in vitro di un titolo noto aggiunto a un diluente costituito da una sospensione di cellule A549 umane e un mezzo di trasporto virale (VTM) per simulare un campione clinico . ”

A distanza di mesi dopo la dichiarazione della pandemia, non c’era ancora nessun isolato del virus e tutti i laboratori si affidano a un pezzo di materiale genetico RNA fornito che “imita” o “molto strettamente correlato” al COVID-19 .

Quindi lo stesso test PCR, è stato poi introdotto in tutto il mondo su suggerimento dell’OMS.

Ma ecco in breve come è stato originariamente sviluppato il test PCR, che è stato poi introdotto in tutto il mondo su suggerimento dell’OMS. Qui di seguito in breve la cronistoria della vicenda fino ad oggi:

2019/12/30 : il dott. Li Wenliang ha informato i colleghi professionisti via WhatsApp che c’erano sette casi nel suo ospedale risultati positivi alla SARS .

[Come promemoria, la SARS è la SARS del 2003]

31/12/2019 : Il governo di Pechino ha inviato un “team di intervento” di virologi ed epidemiologi per sostenere la ricerca a Wuhan.

01/01/2020 : Il professor Christian Drosten della Charité che aveva sentito parlare dell’epidemia ha iniziato immediatamente a sviluppare un test per il virus della SARS prima ancora che diventasse chiaro se il rapporto sulla SARS arrivato dalla Cina fosse vero e provato, e soprattutto prima che i virologi cinesi pubblicassero i loro risultati.

Christian Drosten ha rivelato che a partire dal 1 gennaio 2020 aveva sviluppato un metodo di rilevamento genetico per il virus capace di dimostrare con sicurezza la presenza del nuovo coronavirus negli esseri umani .

21/1/2020 : ( tre giorni prima della prima pubblicazione del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie [CDC]) L’ OMS ha raccomandato a tutti i paesi di utilizzare la procedura di test “sicura” sviluppata dal professor Drosten .

Nei documenti ufficiali del CDC e della US FDA (Food and Drug Administration), nel luglio 2020, scrivono che “l’isolato” k19 è “non disponibile” e viene utilizzato come campione di controllo , ovvero una sequenza di computer che “imita” la sequenza di un virus “k19” .

Fin dall’inizio, molti scienziati, medici e virologi hanno protestato contro l’uso della tecnica proposta da Drosten per la diagnosi.

Intanto a dicembre 2020, si ritiene che siano già stati contati quasi 68 milioni di “casi” di cov sars 2, (test positivi sviluppati da Drosten).

[su_quote]Alla luce del nostro riesame del protocollo del test per identificare SARS-CoV-2 descritto nel documento di Corman-Drosten, abbiamo identificato gli errori e gli errori intrinseci che rendono inutile il test PCR SARS-CoV-2.[/su_quote]

Il 27 novembre 2020 viene pubblicato un articolo, firmato da 22 scienziati, epidemiologi, virologi in cui viene analizzata in dettaglio la metodologia “PCR test” di Drosten, con questa conclusione :

“Alla luce del riesame del protocollo di test per l’identificazione di SARS-CoV-2, descritto nel lavoro di Corman-Drosten, abbiamo identificato molti errori interni. Questo studio dettagliato dimostra la presenza di 10 importanti difetti scientifici a livello metodologico molecolare che si traducono in risultati di test falsi positivi.

“Il lavoro di Corman-Drosten si basa su dieci errori fatali , che descriveremo e spiegheremo in modo più dettagliato nelle sezioni seguenti.

Il primo e principale problema è che il coronavirus SARS-CoV-2 (nella pubblicazione intitolata 2019-nCoV e nel febbraio 2020 denominato dal consorzio internazionale di esperti di virus SARS-CoV-2) si basa su sequenze generate al computer fornite da un laboratorio in Cina, poiché a quel tempo gli autori non avevano accesso né al materiale di controllo del SARS-CoV-2 infettivo (“vivo”) o inattivato, né all’RNA genomico isolato del virus .

Ad oggi, l’identificazione non è effettuata sulla base di virus convalidati isolati SARS-CoV-2 o RNA totale .

Inoltre, questo articolo elenca i problemi di concentrazione del primer (codice sorgente), la concentrazione consigliata in 4-8 volte superiore all’ottimale . Il numero di cicli di amplificazione più diffuso è invece di 35.

Infatti, anche presi separatamente, questi errori “rendono inutile qualsiasi test basato su di essi come strumento diagnostico specifico per l’identificazione del virus SARS-CoV-2” .

Questi gli scienziati firmatari: Dr. Peter Borger (MSc, PhD), Molecular Genetics, W + W Research Fellow, Lörrach, Germania. Dr. Michael Yidon BS (Hons) Biochem Tox U Surrey, Ph.D. U Surrey. Amministratore delegato, Yeadon Consulting Ltd, ex Chief Scientist presso Pfizer UK. Kevin McKernan, Emory University BS, Chief Scientist, Founder of Medical Genomics, ha progettato la pipeline di sequenziamento presso WIBR / MIT per il progetto sul genoma umano, ha inventato e sviluppato il sequencer SOLiD, ha ricevuto brevetti relativi a PCR, isolamento e sequenziamento del DNA, USA, Dr.Lydia Angelova , MSc in Biology, PhD in Microbiology, Ex Research Fellow presso il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), Maryland, USA.

Review report Corman-Drosten et al. Eurosurveillance 2020

Ho riportato i due studi che sono di dominio pubblico a scopo informativo. Non sto a me giudicare cosa questi dati comportino, ma per non sapere né leggere né scrivere , credo che il senso dei due documenti sia abbastanza chiaro.

patrizioricci by @vietatoparlare


documenti:

1 – rapporto sulla rivista EUROSURVEILLANCE

2 – Review Report Corman Drosten et al Eurosorveillance

 

 

 

Exit mobile version