La UE non restituirà 300miliardi di dollari che deve alla Russia per le forniture energetiche

Ma non è solo questo, l’Unione Europea sta decidendo se servirsi ancora di petrolio e gas russo. Ovviamente la domanda è perché la Russia dovrebbe continuare a fornire energia alla UE quando l’ha derubata?

Scholz afferma che la fornitura di servizi pubblici e la vita quotidiana degli europei non possono essere garantiti senza forniture di energia dalla Russia:

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha messo in guardia lunedì contro il divieto di petrolio e gas russi come parte delle sanzioni occidentali contro Mosca per l’invasione dell’Ucraina, affermando che ciò potrebbe mettere a rischio la sicurezza energetica dell’Europa.

“L’Europa ha deliberatamente esentato le forniture di energia dalla Russia dalle sanzioni “, ha affermato Scholz in una nota.

“Fornire all’Europa energia per la generazione di calore, la mobilità, la fornitura di elettricità e l’industria non può essere assicurato in nessun altro modo in questo momento. È quindi di fondamentale importanza per l’erogazione dei servizi pubblici e per la vita quotidiana dei nostri cittadini”.

Nello stesso tempo, la UE ha bloccato fondi russi per i seguenti importi a causa delle sanzioni.

Va bene, quindi sappiamo cosa c’è in gioco per gli europei. Calore, mobilità, elettricità e industria. “La fornitura di servizi pubblici” e “la vita quotidiana dei nostri cittadini”.

Ma cosa ci guadagna per la Russia?

La domanda è: perché la Russia dovrebbe continuare a fornire questa energia a coloro che le devono 300 miliardi di dollari per l’energia che ha già consegnato nel corso degli anni?

60 miliardi di dollari in euro e dollari della Banca centrale russa sono ‘congelati’ in conti in Germania, 70 miliardi di dollari in Francia e altri 170 miliardi di dollari nelle banche di altri paesi vassalli americani, per un totale di 300 miliardi di dollari.

Si tratta di $ 300 miliardi in gran parte guadagnati attraverso la vendita di petrolio e gas.

Allora, qual è esattamente l’accordo? Gli europei ottengono il riscaldamento, la mobilità, l’elettricità e l’industria, e ai russi vengono sottratti 300 miliardi di dollari della loro valuta estera?

Sì è esattamente così. Ma al momento i russi non hanno altra scelta che continuare a vendere. I pagamenti correnti sono in valuta pregiata e questo mantiene il rublo semi-galleggiante. La Banca centrale non può accedere ai suoi euro per difendere il rublo, quindi deve essere fatto attraverso gli attuali guadagni di Gazprom e Rosneft.

Nello stesso tempo, l’occidente invia armi all’Ucraina per uccidere i russi, pianifica di riempire l’Ucraina di IED per fare attentati ed organizzare una guerriglia, non restituisce soldi che sono dovuti alla Russia per le vendite effettuate.

VP News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.