La Turchia sempre più arrogante perchè l’Europa è assente e doppia

Il bullismo turco sopravvive per la cattiva coscienza europea e per la sua debolezza morale

Da quarantasei lunghi anni, esiste l’abitudine di ricordare l’invasione turca e l’occupazione della parte settentrionale di Cipro.

Quarantasei lunghi anni sono passati ma il tunnel è ancora stretto e oscuro …

Tuttavia, il richiamo di quest’anno ha un gusto ancora più amaro per l’ingiustizia, il gusto amaro per l’impotenza di fronte alla continua aggressione della Turchia.

Negli ultimi anni questo Paese è diventato ancora più aggressivo e violento, sia a livello internazionale che interno.

I ciprioti pongono sempre le stesse domande essenziali quando si tratta di relazioni con la Turchia:

– In che modo un paese, attualmente guidato dagli islamisti nazionali e che viola continuamente i diritti umani dei propri cittadini per soddisfare la megalomania e l’ego sovradimensionato del suo presidente autocratico, come può comportarsi diversamente questo paese? rispetto ai suoi vicini? Oppure, cosa possiamo aspettarci da un simile paese in termini di rispetto del diritto internazionale?

La risposta è chiara: niente!

Inoltre ! La Turchia invade nuovamente Cipro e viola nuovamente la sua sovranità. Questa volta riguarda la violazione della zona economica esclusiva di Cipro da parte della Turchia con l’invio di navi da guerra e piattaforme di perforazione nelle acque cipriote, in violazione del diritto internazionale; veri atti di pirateria.

Inoltre, va ricordato che il territorio settentrionale di Cipro, occupato dalla Turchia dal 1974, è parte integrante dell’Unione Europea; a volte ci si può chiedere dove sia, quest’Europa così vantata per i suoi valori …

Infine, quest’anno la data dell’invasione turca di Cipro coincide con un altro grande evento che mostra, se ce ne fosse ancora bisogno, l’aggressività della Turchia neo-ottomana di Erdogan: il presidente turco ha appena deciso di trasformare la Basilica di Santa Sofia in una moschea. E’ un atto simbolico, che rappresenta l’espansionismo islamico e il presidente turco, che non esita a mettere in discussione il trattato di Losanna (fissava nei primi anni del 20 ° secolo greco-turca oltre confine) e che gli attacchi in modo sistematico tutti i paesi vicini, al fine di stabilire il suo dominio sullo spazio precedentemente ottomano …

Tuttavia, non è solo Cipro a soffrire dei comportamenti turchi. L’espansionismo neo-ottomano del presidente turco, vestito con gli abiti del califfo e del sultano, ha portato ad altre aggressioni e occupazioni: in Siria, Iraq e Libia.

E non è finita! Il presidente francese Macron ha incontrato gli insulti e l’ira della leadership turca quando ha osato criticare la natura criminale dell’invasione turca della Libia e la fregata francese Courbet è stata presa di mira dalla flotta di guerra turca quando, agendo in nell’ambito di una missione NATO commissionata dall’ONU per monitorare l’embargo sulle armi per la Libia, voleva controllare una nave somala sospetta, accompagnata da navi militari turche.

Questo incidente è stato portato davanti alle autorità della NATO, ma la Francia non ha avuto il supporto previsto … nemmeno i paesi europei lo hanno sostenuto!

Non ricordo più chi ha detto che se Erdogan era forte era perché l’Europa era assente (o qualcosa del genere); ma aveva ragione!

Petinos

Exit mobile version