La Turchia potrebbe lanciare oggi un’operazione militare nel nord della Siria

La Turchia potrebbe lanciare oggi un’operazione militare nel nord della Siria

1° novembre – l’agenzia di stampa russa RIA Novosti riferisce che l’esercito turco, insieme alle formazioni armate a loro fedeli, potrebbe iniziare martedì un’operazione militare contro le formazioni arabo-curde delle Forze democratiche siriane (SDF), ha detto a RIA una fonte informata nelle strutture in opposizione a Damasco nel nord della Siria Novosti.

“La Turchia intende lanciare un’operazione militare contro le Forze democratiche siriane (SDF) domani, martedì, e ha incaricato i gruppi di opposizione di prepararsi per l’operazione”, ha detto la fonte.

Secondo la fonte, l’operazione partirà da più direzioni nel nord della Siria: dal lato di Azaz e dal lato di Tel Abyad.

RIA Novosti non ha commenti ufficiali in merito.

Hasan Oktay, direttore del Centro di ricerca strategica Kafkassam ad Ankara, ha detto in precedenza a RIA Novosti che lo scopo della nuova operazione dell’esercito turco in Siria potrebbe essere quello di espandere la zona cuscinetto di confine fino al confine con l’Iraq.

Ha aggiunto che i termini di questa operazione diventeranno più chiari dopo il previsto incontro del presidente turco Recep Tayyip Erdogan con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a margine di una conferenza sul clima a Glasgow all’inizio di novembre. Tuttavia, lunedì si è appreso che Erdogan non si è recato a Glasgow, spiegando ciò con la risposta negativa della Turchia a una richiesta di standard del protocollo di sicurezza.

alloggi x jihadisti
alloggi x jihadisti

La Turchia si sta annettendo vaste zone del territorio siriano con il pretesto di dover garantire la propria sicurezza contro i curdi.

Il 3 ottobre l’agenzia di stampa curda ANHA ha segnalato che lo Stato turco continua a costruire, attraverso associazioni ad esso legate, nuove abitazioni per famiglie mercenarie ad Azaz, nel nord della Siria.
“A dispetto del diritto internazionale e sotto il silenzio della comunità internazionale, lo stato turco sta portando avanti da diversi anni un significativo cambiamento demografico nella regione”.

L’associazione Ewtad è una di quelle presunte organizzazioni umanitarie che contribuiscono alle costruzioni illegali nel nord della Siria.

Nella regione di Azaz, l’associazione Ewtad sta costruendo una nuova colonia che può ospitare fino a 320 famiglie di mercenari jihadisti sostenuti dalla Turchia, per lo più ex dello Stato Islamico (ISIS).

Queste associazioni qatarine, kuwaitiane e turche lavorano sul campo per gli interessi delle famiglie dei jihadisti sostenuti dalla Turchia.

Lo stato turco ha stabilito quasi 20 insediamenti nella sola città di Afrin e più di 30 insediamenti sono controllati dai servizi di intelligence turchi nelle aree occupate da Jarablus fino a Idlib.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.