La Turchia accusata di riciclaggio e finanziamento del terrorismo dal GAFI

GAFI

La Turchia ha minacciato di espellere i funzionari stranieri occidentali anche per altre ragioni. Il Gafi ha inserito la Turchia nella lista dei paesi che fiancheggiano il terrorismo tramite il riciclaggio e finanziamento del terrorismo.

dI Vivek Katju –  First Post:

Dopo una seduta di tre giorni (19-21 ottobre), la Financial Action Task Force (FATF) (un’organizzazione intergovernativa fondata nel 1989 su iniziativa del G7 per la prevenzione del riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo) , il suo attuale presidente, Marcus Pleyer, ha annunciato che il Pakistan continuerà a essere nella lista grigia dei paesi che finanziano il terrorismo tramite il riciclaggio di denaro.

Pleyer ha anche detto che la Turchia sarebbe stata inserita nella lista. Sia il Pakistan che la Turchia sono ora tra i 23 paesi del mondo che sono nella lista grigia del gruppo che include anche Marocco, Myanmar, Giordania e Filippine.

Certamente, questi sono i paesi più importanti ad avere questa dubbia “distinzione”. Il Pakistan si vanta di essere uno dei leader del mondo islamico, l’unico paese musulmano a possedere armi nucleari. La Turchia, sotto il presidente Recep Tayyip Erdogan, sta cercando di evocare i ricordi dei tempi ottomani quando il sultano turco guidava un grande impero. Per entrambi i paesi, in particolare per la Turchia, la decisione del GAFI è chiaramente irritante. La differenza tra i due è che il Pakistan è nella lista dal 2018 , mentre la Turchia è appena stata inserita.

Pakistan e Turchia hanno stretti legami da decenni. Entrambi i paesi facevano parte del sistema di alleanze degli Stati Uniti negli anni ’50. Ciò ha portato allo sviluppo di forti affinità tra gli eserciti dei due paesi. In Pakistan il feldmaresciallo Ayub Khan aveva organizzato un colpo di stato e aveva spodestato il governo civile. Ha anche cercato di tenere a bada i mullah , anche se il Pakistan è stato creato sulla base della teoria delle due nazioni. In Turchia, l’esercito era il vero sovrano del paese. Ha custodito con zelo le tradizioni secolari della nazione che sono state messe in atto da Ataturk, il fondatore della moderna Turchia.

Tuttavia, i tempi sono cambiati. In Pakistan , l’esercito ha trasformato la propria natura sotto il generale Zia-ul-Haq. Allontanandosi dalle idee di Ayub Khan, Zia ha iniettato religiosità nei ranghi delle FFAA e ha rafforzato il suo ruolo di custode dell’ideologia fondatrice del Pakistan. In Turchia, l’esercito è rimasto laico ma è cresciuto il sentimento religioso che è stato sfruttato da Erdogan per emarginare con successo la forza e affermarsi come leader indiscusso del paese. Nel processo, abbandonò il fermo laicismo di Ataturk. Mentre entrambi i paesi hanno cambiato il loro corso ideologico e anche il sistema di alleanze guidato dagli Stati Uniti che aveva contribuito a riunirli era terminato, i loro forti contatti sono continuati.

Le relazioni Turchia-Pakistan sono state rinvigorite durante il primo ministro di Imran Khan. Nel 2018 Khan si è unito a Erdogan e all’ex primo ministro malese Mahathir Mohamad per prendere iniziative per promuovere gli interessi della ummah islamica . Questi sforzi sono stati considerati dall’Arabia Saudita come una sfida diretta alla sua leadership della ummah . Si è appoggiato a Imran Khan che si è ritirato dagli sforzi trilaterali, ma ciò non ha danneggiato i legami tra Pakistan e Turchia. È interessante notare che Imran Khan sta promuovendo la cultura turca in Pakistan.

Ciò include glorificare le conquiste dell’impero ottomano. Imran Khan e l’esercito pakistano sono anche grati alla Turchia per il suo costante sostegno alla posizione del loro paese sul Kashmir. Erdogan ha fatto di tutto per farlo. Il Pakistan ha anche fatto affidamento sulla Turchia, insieme a Cina e Malesia, per tenersi fuori dalla lista nera del GAFI.

Alle molte questioni che hanno fornito la base per i tradizionalmente forti legami Pakistan-Turchia si aggiungerà ora la protesta nei confronti dei paesi occidentali per aver utilizzato il GAFI per metterle i due paesi sul banco degli imputati. Nel caso del Pakistan, il GAFI ha riconosciuto che il Pakistan ha compiuto “progressi significativi attraverso un piano d’azione globale CFT (controfinanziamento del terrorismo)” e ha completato 26 dei 27 punti d’azione menzionati nel piano d’azione 2018. Tuttavia, il GAFI ha riscontrato una mancanza nel non perseguire i dirigenti di alto livello delle organizzazioni terroristiche designate dalle Nazioni Unite.

Il fatto è che organizzazioni terroristiche come la Lashkar-e-Toiba e la Jaish-e-Mohammad sono risorse strategiche dello stato pakistano e vengono usate contro l’India. Quindi, sebbene di tanto in tanto il Pakistan preveda di avviare un’azione contro di loro in termini di leggi antiterrorismo, non può intraprendere azioni efficaci contro di loro. Finché l’India, che è uno dei 39 paesi membri del GAFI, può convincere il gruppo attraverso prove sufficienti del lassismo pakistano contro leader terroristi come Hafiz Saeed e Masood Azhar, potrebbe essere difficile per il Pakistan uscire dalla lista grigia.

Il Pakistan è consapevole della sua vulnerabilità in quest’area; quindi, la sua reazione alla decisione del GAFI è stata morbida. Hammad Azhar, attualmente ministro dell’energia pakistano ed ex ministro delle finanze, ha twittato: “Ci stiamo avvicinando ai numeri del consenso nonostante le ‘sfide’. La nostra posizione tecnica sarà presto confermata InshAllah”. Chiaramente, il termine “sfide” era un riferimento all’India, soprattutto perché il Pakistan si è lamentato in passato del fatto che l’India abbia politicizzato un organismo tecnico.

Inserendo la Turchia nella lista grigia, il GAFI ha fornito otto ragioni tecniche che dimostrano che il paese dovrà fare grandi sforzi sia nell’ambito dell’antiriciclaggio che in quello della CFT se desidera uscire dalla lista grigia. Queste azioni includono una maggiore supervisione della sua industria del trasferimento di denaro, indagini su casi e “priorità alle indagini TF (finanziamento del terrorismo) e azioni penali di gruppi designati dalle Nazioni Unite”. Questo è un forte atto d’accusa nei confronti di un paese che ha la 17 ° economia più grande del mondo ed è membro del G20.

Non c’è da stupirsi che la Turchia abbia risposto duramente alla decisione del GAFI. Il suo ministero delle finanze ha definito l’azione del GAFI come “ingiustificata”. Suleyman Soylu, ministro degli interni del paese, è andato oltre. Ha detto: “Siamo un paese in cui il terrorismo infligge i costi maggiori. Chi finanzia e potenzia il terrorismo è l’Europa. Ci può essere una tale sfacciataggine così contraria ai fatti?”. Significativamente, Erdogan ha ordinato a dieci ambasciatori di paesi occidentali di essere dichiarati persona non grata su una questione estranea al GAFI, ma è probabile che la sua lista grigia abbia contribuito alla sua rabbia che ha portato a questa azione.

Il fatto è che le economie sia del Pakistan che della Turchia sono in pessime condizioni. Un segno di ciò è l’elevata inflazione e la caduta del valore delle loro valute. La decisione del GAFI ha portato a un’ulteriore spinta al ribasso della lira turca. Queste vulnerabilità economiche porteranno i manager economici di entrambi i paesi a cooperare con il GAFI. Nel caso della Turchia, questo può andare di pari passo con la protagonismo della leadership politica contro l’Occidente.

In definitiva, le dure realtà dei fattori economici hanno un effetto castigo, tranne che sui leader più ottusi: quelli che sono disposti a tagliarsi il naso per far dispetto ai loro volti!

****

L’autore dell’articolo Vivek Katju è  un ex diplomatico indiano che ha servito come ambasciatore dell’India in Afghanistan e Myanmar e come segretario del Ministero degli Affari Esteri. Le opinioni espresse sono personali.​

fonte: Firstpost (è un sito web indiano di notizie e media. Il sito fa parte del conglomerato di media Network 18 di proprietà di Reliance Industries, che gestisce anche CNN-News18 e CNBC-TV18) (https://www.firstpost.com/world/why-turkey-joins-pakistan-on-fatf-grey-list-and-how-it-is-a-big-blow-for-best-buddies-10083731.html)

Exit mobile version