La tragica – e totalmente evitabile – autodistruzione di una delle economie petrolifere più ricche del mondo

Propongo questo importante articolo di Foreign Policy, tranne qualche accento, non è un articolo politico fatto per sostenere l’una o l’altra parte in disputa in questi giorni. Chiarisce invece definitivamente e con perizia di particolari, come possa succedere che un paese con potenzialità fortissime e con le riserve più grandi del mondo di petrolio, si trovi oggi ad importare benzina per i suoi cittadini. Non ho riportato l’articolo per ragioni di copyright, quindi andate direttamente al link, dopo la traduzione della prima parte (è in inglese). @vietatoparlare

Pubblicità

BY KEITH JOHNSON – JULY 16, 2018, Foreign PoliCy

Nella primavera del 1959, in un incontro segreto in uno yacht club al Cairo, l’allora ministro delle miniere e degli idrocarburi venezuelano, Juan Pablo Pérez Alfonso, ordì un piano per dare ai grandi paesi produttori di petrolio un maggiore controllo sul loro nero oro – e una quota maggiore della ricchezza che ha promesso di creare. Un anno dopo, il suo piano sarebbe stato ufficialmente battezzato l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, o l’OPEC. Il Venezuela, che si trova in cima a quelle che sono probabilmente le più grandi riserve di petrolio del mondo, è stato l’unico paese non medio-orientale ad essere incluso – una testimonianza della sua importanza per il business petrolifero globale.

Il Venezuela era considerato ricco all’inizio degli anni ’60: produceva oltre il 10% del greggio mondiale e aveva un PIL pro capite molte volte più grande di quello dei suoi vicini Brasile e Colombia – e non molto indietro rispetto a quello degli Stati Uniti. A quel tempo, il Venezuela era desideroso di diversificare oltre il semplice petrolio ed evitare la cosiddetta maledizione delle risorse, un fenomeno comune in cui denaro facile da materie prime come il petrolio e l’oro induce i governi a trascurare altre parti produttive delle loro economie. Ma negli anni ’70, il Venezuela stava cavalcando il picco del prezzo del petrolio a quella che sembrava un’incessante fortuna economica. Complementato da anni di democrazia stabile, sembrava un paese modello in una regione altrimenti spesso travagliata.

Tale successo rende oggi triste la situazione dell’industria petrolifera venezuelana, per non parlare di quella del paese in generale, tanto più sorprendente – e tragica. Lo stesso stato che, sessant’anni fa, ha inventato l’idea di un cartello di esportatori di petrolio ora deve importare petrolio per soddisfare i suoi bisogni. La produzione grezza ha perso terreno, colpendo un minimo di 28 anni lo scorso autunno quando è scesa sotto i 2 milioni di barili al giorno. “Non penso che abbiamo mai visto un collasso di tale grandezza [ovunque] senza una guerra, senza sanzioni”, ha detto Francisco Monaldi, esperto di America Latina presso l’Istituto di Baker Institute for Public Policy della Rice University. (…)

La storia di come il paese ha raggiunto lo stato in cui si trova e il suo futuro, continua qui in inglese su Foreign Policy:

https://foreignpolicy.com/2018/07/16/how-venezuela-struck-it-poo-oil-energy-chavez/