La società siriana e la laicità

Pubblicità
Pubblichiamo questa riflessione di T. Meyssan  per contribuire al dibattito in corso circa ‘religioni e laicità’.  Proponiamo di integrarla con la lettura del monito del compianto carissimo mons Nazzaro sul pericolo della diffusione del pensiero totalitario ‘wahhabita’ sottovalutata nel mondo occidentale :
 
di Thierry Meyssan

ll generale sunnita Hassan Turkmani aveva concepito la difesa della Siria poggiandosi sui suoi abitanti [1]. Secondo Turkmani era possibile far sì che le comunità si prendessero cura le une delle altre, pur conservando le proprie peculiarità culturali, e difendessero così il Paese.

Era solo una teoria, oggi però constatiamo quanto fosse giusta. La Siria è sopravvissuta all’assalto della più vasta coalizione della storia, così come in epoca romana sopravvisse alle guerre puniche.

Delenda Carthago, «Cartagine deve essere distrutta» [2], diceva Catone il Censore, «Bashar deve andarsene», gli ha fatto eco Hillary Clinton.

Chi ancora spera di distruggere la Siria ora sa che bisogna innanzitutto distruggerne il mosaico religioso, sicché le minoranze vengono diffamate ed elementi della comunità maggioritaria incoraggiati a imporre il proprio culto agli altri.

La Siria ha una lunga storia di collaborazione fra le religioni. Nel III secolo la regina Zenobia, che si ribellò alla tirannia occidentale dell’Impero Romano e si mise alla testa degli arabi d’Arabia, d’Egitto e dell’intero Levante, fece di Palmira [3] la sua capitale. Sotto il suo regno fiorirono le arti e tutte le comunità religiose furono indistintamente tutelate.

Nel XVI secolo la Francia fu teatro di terribili guerre di religione tra due rami del cristianesimo, il cattolico e il protestante, cui mise fine la concezione del filosofo Montaigne di relazioni interpersonali che permettano a tutti di vivere in pace.  Il progetto del siriano Hassan Turkmani va oltre Montaigne. Non basta tollerare che altri, pur credendo nel nostro stesso Dio, lo celebrino in modo diverso dal nostro. Si tratta di pregare insieme. Infatti nella grande moschea degli Omayyadi di Damasco la testa di Giovanni Battista era ogni giorno venerata da ebrei, cristiani e mussulmani [4]. È l’unica moschea in cui i mussulmani hanno pregato insieme a un papa, Giovanni Paolo II, attorno a reliquie oggetto di comune venerazione.

In Europa, dopo le sofferenze delle due guerre mondiali, i preti delle diverse religioni hanno predicato il timore di Dio su questa terra per ottenere la ricompensa nell’aldilà [5]. La pratica religiosa ha progredito, ma bisogna fortificare i cuori. Dio però non ha inviato i profeti per minacciarci. Trent’anni dopo, i giovani, che volevano emanciparsi anche da questa coercizione, hanno respinto con veemenza l’idea stessa di religione. La laicità [6], una forma di governo per vivere insieme nel rispetto delle reciproche differenze, è diventata un’arma contro queste stesse differenze.

Evitiamo di commettere lo stesso errore.

Pubblicità

Il ruolo delle religioni non è né imporre un modo di vita, come ha fatto Daesh, né terrorizzare le coscienze, come hanno fatto gli europei in passato.  Lo Stato non ha il compito di essere arbitro nelle dispute teologiche, men che meno di scegliere tra le religioni. Come in Occidente, anche nel mondo arabo i partiti politici invecchiano male, ma quando sono stati fondati il PSNS [7] e il Baas [8] volevano fondare uno Stato laico, ossia uno Stato che garantisse a chiunque la libertà di celebrare senza timori il proprio culto. 

Questa è la Siria.

1] Il generale Hassan Turkmani (1935-2012) fu dapprima capo di stato-maggiore, poi ministro della Difesa. Dirigeva il Consiglio di Sicurezza Nazionale, distrutto il 18 luglio 2012 dal mega attentato della NATO. Ha concepito i piani di difesa della Siria.

[2] Cartagine, nell’attuale Tunisia, era colonia di Tiro, nell’attuale Libano. Dopo la distruzione di Cartagine e il genocidio dei suoi abitanti, Annibale si rifugiò a Damasco. Roma lo inseguì fin qui, minacciando di distruggere anche la città. Alla fine Annibale si arrese e fu firmato un trattato di non-proliferazione: la Siria non avrebbe più allevato elefanti da guerra e ispettori romani avrebbero potuto visitare il Paese per verificare il rispetto del trattato.
[3] Palmira era una capitale prospera, situata lungo la via della seta che collegava la capitale cinese Xi’an ai porti mediterranei di Tiro e Antiochia. Le distruzioni e le cerimonie di esecuzioni capitali celebrate da Daesh nell’antico teatro di Palmira volevano far riferimento a questo prestigioso passato.
[4] Nella maggior parte delle culture mussulmane le moschee sono riservate ai propri fedeli. In Siria non è mai stato così: i luoghi di culto sono aperti a tutti.
[5] La credenza secondo cui in Paradiso i Buoni saranno ricevuti dalle vergini è fondata sul Corano. Si tratta però di un errore di comprensione: il Corano non è stato infatti scritto in arabo moderno, bensì in una lingua più antica che comprendeva molte espressioni armene.
[6] La laicità francese è una forma di governo instaurata dai re di Francia che, pur rivendicando il diritto di essere consacrati dalla Chiesa cattolica, rifiutavano che quest’ultima interferisse nel loro regno. Nel XVI secolo Enrico IV sottomise protestanti e cattolici a un’unica autorità cattolica (cosa che Luigi XIV rimise in causa). Gli Stati Generali del 1789 tentarono di creare una Chiesa Cattolica di Francia meno dipendente da Roma. Ma il “breve” segreto di papa Pio VI ingiunse ai vescovi di abrogare la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino che tuttavia avevano votato. Ne seguirono altre atrocità, fra cui la guerra di Vandea. Solo dopo il rovesciamento della monarchia per diritto divino nel XX secolo fu possibile proclamare la separazione fra Chiesa e Stato, conformemente al progetto politico dei re di Francia. Oggi la laicità è interpretata in senso contrario dagli avversari del fatto religioso e dagli avversari dell’islam.
[7] Il Partito Social Nazionalista Siriano (PSNS) fu fondato nel 1932 da cinque persone, fra cui il cristiano Antoun Saadé e il padre del nostro ex vice-presidente, il principe Issa al-Ayoubi, per riunire la Grande Siria, divisa dalla colonizzazione europea. Questo partito molto progressista si batté subito per l’uguaglianza tra i sessi. Durante la lotta contro l’Impero Francese, il partito cadde sotto l’influenza dei britannici. La propaganda israeliana l’ha classificato come partito di estrema destra, il che è assolutamente falso. Numerosi intellettuali di Cipro, Iraq, Giordania, Kuwait, Libano, Palestina e Siria sono passati per il PSNS ma non ci sono restati. Il partito si è poi dissolto in numerose formazioni politiche.
[8] Il Partito Socialista della Risurrezione Araba, il Baas, è stato fondato nel 1947 intorno al pensiero di Michel Aflak. A differenza del PSNS, non ambisce soltanto a ricostituire la Grande Siria, ma a unificare tutte le regioni di cultura araba. Ogni Paese arabo ha il proprio Baas, confederato al Baas siriano. Il Baas iracheno si è reso indipendente con Saddam Hussein; negli anni Ottanta ruppe il legame con la laicità, sostenne i Fratelli Mussulmani e predicò il «ritorno alla fede». Il movimento contaminò altri partiti Baas i cui dirigenti ostentarono presto la barba e fecero portare il velo alle mogli.

Source link