La Siria lancia una nuova campagna nella provincia di Idlib – Battaglia delle Nazioni Unite per il controllo degli aiuti ai siriani

La campagna dell’esercito siriano per liberare  il governatorato di Idleb detenuto dai terroristi, è stata riavviata ieri. La campagna era stata interrotta alla fine di agosto dopo i negoziati per il cessate il fuoco tra Turchia e Russia. Da allora quasi un migliaio di persone sono morte (conteggiate da entrambe le parti) intorno a Idleb durante scontri locali, attacchi di artiglieria da parte dei ribelli nella città di Aleppo e attacchi aerei siriani e russi.

L’obiettivo generale della campagna appena rilanciata è quello di liberare le città Maarat al-Numan e Saraqib e ottenere il controllo dell’autostrada M5 da nord a sud tra Hama e Aleppo.

La campagna di terra è supportata da oltre 100 bombardamenti aerei al giorno e da pesanti attacchi di artiglieria.

L’agenzia di stampa siriana SANA riporta i primi successi:

Le unità dell’esercito arabo siriano venerdì hanno liberato i villaggi di Um Jalal, Rabe’a, Khreibah, Sh’aret al-Ajayz, Barnan e Um Twineh, Tal Mahoo, al-Fariha, Bresa e Tal al-Sheeh a Idleb sud-est campagna dopo feroci scontri con organizzazioni terroristiche, infliggendo loro pesanti perdite.

SANA ha indicato che le fattorie e i villaggi che erano stati sgomberati includevano il quartier generale utilizzato come base  delle organizzazioni terroristiche per attaccare le aree governative e lanciare missili contro le le zone residenziali nella campagna sud-orientale di Aleppo e nella campagna settentrionale di Hama.

L’Osservatorio siriano con sede in Gran Bretagna (SOHR) ha confermato i progressi dell’esercito siriano. Riferisce inoltre che sono stati uccisi almeno 38 “ribelli”.

Un’altra lotta contro la Siria è attualmente in corso alle Nazioni Unite. La risoluzione 2165 del Consiglio di sicurezza dell’ONU è pronta per il suo rinnovo annuale. Regola l’ accesso delle Nazioni Unite all’aiuto umanitario da paesi terzi in varie aree della Siria che – al tempo della sua ratifica – non erano detenute dal governo siriano. La Russia vuole che sia cambiato per adottare nuove circostanze soprattutto nel nord-est della Siria.

Non siamo mai stati veramente entusiasti di operazioni umanitarie transfrontaliere, in quanto contrarie ai principi di base dell’ONU per la fornitura di assistenza umanitaria. Ciononostante, approvammo la risoluzione, perché avevamo capito che per  le circostanze che allora esistevano in Siria, tale metodo per dispensare assistenza umanitaria era necessario  a coloro che ne avevano bisogno. Ora le cose sono cambiate. Il governo siriano ha il controllo della maggior parte del territorio. Per questo l’assistenza umanitaria deve essere fornita secondo la normale procedura – ovvero con il consenso di Damasco. Su quattro passaggi per questa assistenza transfrontaliera, solo due accolgono questa evidenza. Ci rendiamo conto che c’è una parte della popolazione siriana, in primo luogo a Idlib, che ha ancora bisogno di aiuti umanitari, che, tra gli altri aspetti, hanno a che fare con l’inverno che arriverà presto. Probabilmente, in questo momento queste cosiddette “consegne transfrontaliere” sono il modo più semplice per ottenerle. Sulla base di queste e altre considerazioni umanitarie, abbiamo presentato il nostro progetto di risoluzione che propone di estendere questo meccanismo per un altro periodo di 6 mesi.

La Russia teme inoltre che gli aiuti vengano erogati a determinati gruppi e non a quelli bisognosi. Per questo vuole che gli attuali attraversamenti di aiuti delle Nazioni Unite attraverso le frontiere nel nord-est della Siria si chiudano.

Parti della Siria nord-orientale sono sotto il controllo della Turchia e parti sono sotto il controllo degli Stati Uniti con l’aiuto dell’YPG curdo. Ma la maggior parte dell’area è ora detenuta da truppe siriane e russe anche mentre continua a essere sotto il controllo amministrativo dei curdi. Il governo siriano vuole fare pressione sui curdi dell’YPG affinché rinuncino al loro controllo e restituisco del tutto il controllo al governo siriano.

Inoltre, il governo siriano sostiene che gli aiuti all’area dovrebbero fluire attraverso il territorio controllato dal governo siriano e non dovrebbero provenire autonomamente attraverso la Turchia o l’Iraq. Vuole che l’aiuto sia distribuito dalle stesse Nazioni Unite o attraverso organizzazioni siriane e non attraverso l’amministrazione illegale curda che la usa [come metodo propagandistico o di ricatto ] per controllare la popolazione.

Germania, Belgio e Kuwait, che hanno scritto l’attuale bozza R2449 che dovrebbe sostituire l’R2165, vogliono addirittura aprire nell’area un ulteriore quinto valico di frontiera dalla Turchia . Questi paesi hanno respinto le richieste russe. La Russia ha quindi minacciato di porre il veto al rinnovo della risoluzione. [Effettivamente Russia e Cina ieri al Consiglio di Sicurezza dell’Onu hanno posto il veto su due progetti di risoluzione – NDR vietatoparlare]

La lobby sionista vuole che gli Stati Uniti ritirino la loro quota di finanziamento degli aiuti delle Nazioni Unite e la donino a “ONG internazionali che non sono registrate a Damasco” o a “partner locali capaci in aree non governative” – ​​cioè i terroristi [salafiti] di Idleb e l’YPG.

What’s In Blue ha dettagliato lo sviluppo della discussione durante le ultime settimane. Il Consiglio di sicurezza si è riunito ieri per essere informato sulla Siria. Mentre avrebbe dovuto votare sul rinnovo, il comunicato stampa sul sito delle Nazioni Unite riportava solo una discussione.

La decisione in merito è stata presumibilmente rinviata. Il rinnovo di R2165 verrà riformulato e un compromesso potrebbe essere proposto per un voto più tardi oggi.

[su_divider]

fonte: Moon of Alabama

ulteriori aggiornamenti da Stefano ORSI sulla pubblicazione Sud Est

Exit mobile version