La Siria, i cristiani, il loro compito: testimonianza di padre Bahjat Karakash

[ad_1]
Mercoledì 30 ottobre a Rimini si è tenuto un incontro pubblico dal titolo “Siria, la lunga Guerra (2011-2019), storie e testimonianze di Cristiani”

Nelle parole di Padre Bahjat Karakach del Convento della Conversione di San Paolo a Damasco, il racconto di come vivono i cristiani, la loro missione nella società siriana.  
In uno scenario apparentemente senza soluzioni il ruolo della minoranza cristiana può essere di decisiva importanza: “il numero dei cristiani è più che dimezzato, sicuramente, in Siria – ha dichiarato padre Karakach – ma possiamo dire sempre che, pur essendo piccola, resta una comunità molto impegnata nella società siriana, che cerca di portare i valori del Vangelo e i valori cristiani. Una comunità culturalmente formata, che non ha mai preso le armi, quindi è dialogante con tutti, è una garanzia anche per il futuro della Siria e per salvarla.   Il nostro Presidente Bashar al-Assad ha detto che i cristiani qui non sono un annesso, qualcosa in più, ma sono le radici di questa società e i garanti del pluralismo in Siria: la comunità cristiana ha questa missione ed è per questo che deve rimanere qui. Io dico sempre: aiutateci a non a lasciare questo Paese per altri migliori e a rimanere qui per continuare la nostra missione”. 

Padre Bahjat ha sviluppato una lucida lettura della situazione della guerra, con gli occhi di chi la sta subendo, mettendo a fuoco ruoli e compiti (disattesi) dei paesi occidentali. Ha soprattutto indicato il senso della presenza (minoritaria ma decisiva) dei cristiani in quelle terre dalla cultura antichissima.
Il Centro Culturale ‘Il Portico del Vasaio’  propone l’audio integrale dell’incontro.

Ecco il file audio, da ascoltare in diretta o scaricare: 

http://blog.porticodelvasaio.org/wp-content/uploads/incontro-sulla-siria-2019.m4a

[ad_2]

Source link