La Serbia invitata a condannare “l’aggressione russa” dell’Ucraina, dice che lo farà se Kiev condannerà aggressione Nato in Serbia

Il presidente serbo Aleksandar Vučić all’appello dell’ambasciatore ucraino Oleksandr Aleksandrovich in cui chiedeva di condannare “l’aggressione russa contro l’Ucraina”, ha risposto con un appello a Kiev di condannare l’aggressione della NATO e dei paesi occidentali contro la Serbia nel 1999.

“Siamo un piccolo Paese e non vogliamo privarci dell’opportunità di continuare relazioni amichevoli con qualcuno. Non decidiamo il destino dell’Ucraina. Ma se è così, lo esorto a chiamare il suo presidente Zelensky e gli chiedo di condannare la terribile e tragica aggressione che gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e altri paesi hanno perpetrato contro la Serbia”, riferisce RIA Novosti, che cita quanto ha detto il leader serbo.

Secondo Vucic, se Zelensky farà questo, poi la Serbia soddisferà la richiesta dell’ambasciatore.

Mercoledì, l’ambasciatore ucraino ha chiesto che la posizione della Serbia sugli ultimi sviluppi nell’Ucraina orientale fosse chiarita.

Kremlin.ru, CC BY 4.0 , via Wikimedia Commons

E quindi Vucic ha esortato Scholz a riconoscere i crimini della NATO e a non mentire sul genocidio in Kosovo

Non c’è stato genocidio in Kosovo e Metohija”, secondo l’agenzia Tanjug, lo ha affermato il presidente serbo Aleksandar Vucic, commentando la posizione del cancelliere tedesco Olaf Scholz, espressa l’altro giorno a Mosca, secondo cui la NATO avrebbe cercato di impedire i bombardamenti [serbi] che avrebbero causato un genocidio perpetrato dalla Jugoslavia in Kosovo. Il leader serbo ha definito “superficiale e inaspettata” la corrispondente dichiarazione del cancelliere tedesco.

Nessuno ha mai emesso un verdetto del genere, nessun leader politico ha detto che fosse successa una cosa del genere. Angela Merkel direbbe che stavano cercando di prevenire una catastrofe umanitaria e c’è un’enorme differenza tra queste cose”, ha aggiunto.

Aleksandar Vučić ricordando che 23 anni fa le forze della NATO hanno bombardato la Jugoslavia, ha anche detto:

Che genocidio, che catastrofe umanitaria, qual è stata la colpa della piccola Sanya a Varvarin? Perché hanno bombardato il ponte, che non era nemmeno sull’autostrada, hanno ucciso 11 persone, bambini“, si è rivolto così ai criminali di guerra della NATO, esortando i paesi occidentali a ricordarlo.

Non mentire, dimmi: “Abbiamo commesso un grande errore, ci scusiamo per i nostri crimini”, ha aggiunto.

Fonti: https://vz.ru – https://eadaily.com

Considerazioni

La storia della Serbia in merito al riconoscimento delle repubbliche indipendentiste ex ucraine è ampiamente accostabile: la Jugoslavia era una federazione di repubbliche e alcune repubbliche proclamarono la loro indipendenza dalla Jugoslavia sulla base dei risultati dei referendum democratici. Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina e Macedonia del Nord votarono per l’indipendenza, il Montenegro inizialmente votò contro ma in un altro referendum 15 anni dopo votò a favore e il Kosovo ha inizialmente votato a favore, ma ha una trama diversa poiché non era una repubblica in Jugoslavia ma provincia autonoma. Cionostante il risultato fu ratificato dalla UE e da tutti i paesi occidentali.

Domanda: allora perché la stessa cosa non è ammessa per le Repubbliche di Doneck e di Lugansk? E perché Kiev semplicemente nega ciò che è successo, il che diffonde solo propaganda e alimenta più odio?

VP News

Exit mobile version