La Russia taglia il gas: dalla prossima settimana, possibili restrizioni ai consumatori di gas

gas

gas

MILANO, 17 giu. (Reuters) – Se la Russia continuerà a limitare le forniture, la prossima settimana l’Italia potrebbe dichiarare lo stato di massima allerta per il gas. Lo hanno detto venerdì due fonti governative dopo che la compagnia energetica Eni (ENI.MI) ha segnalato per terzo giorno consecutivo una carenza di consegne da parte di  Mosca .

GAS, LA RUSSIA TAGLIA ANCORA: GARANTITO SOLO IL 65% DI FLUSSI CHIESTI DA ENI La Russia taglia ancora le forniture di gas all’Italia. Allo stesso tempo, Eni ha chiesto a Gazprom il rispetto del contratto e ha ottenuto un aumento dei flussi in modo che la disponibilità di gas rimanga la stessa del giorno precedente. Ma, contemporaneamente, da Mosca arriva la notizia che potrebbero interrompersi totalmente le forniture di gas verso la Germania, ufficialmente a causa di problemi tecnici al gasdotto Nord Stream. Secondo un portavoce di Eni “a fronte di una richiesta giornaliera di gas da parte di Eni superiore di circa il 44% rispetto a quella avanzata ieri – incremento dovuto al recupero delle quantità non ricevute e alle normali dinamiche commerciali – Gazprom ha comunicato che sarà consegnato solo il 65% delle forniture richieste (le quantità consegnate saranno quindi di poco superiori rispetto a ieri e si attesteranno ad un livello assoluto di circa 32 milioni di metri cubi/giorno)”. Sempre secondo Eni “Gazprom ha spiegato che la mancata consegna dipende dai problemi alla centrale di Portovaya che alimenta il gasdotto Nord Stream attraverso il quale Gazprom trasporta una parte dei volumi destinati ad Enì”. Una spiegazione che non convince del tutto, visto che i flussi diretti all’Italia passano per la gran parte attraverso il gasdotto che attraversa Ucraina, Slovacchia e Austria e per arrivare al passo del Tarvisio. (Fonte: Repubblica)

GAZPROM: “NESSUNA SOLUZIONE PER IL PROBLEMA DELLE APPARECCHIATURE DEL NORDSTREAM 1” Gazprom non vede alcuna soluzione a un problema in corso con le apparecchiature presso la stazione di compressione di Portovaya, parte del gasdotto Nord Stream 1 che trasporta il gas russo in Germania, ha affermato giovedì il suo CEO. Gazprom ha ridotto la capacità lungo il gasdotto Nord Stream 1 a solo il 40% dei livelli abituali flussi negli ultimi giorni, citando come causa il ritardo nella restituzione delle apparecchiature inviate in manutenzione dalla tedesca Siemens Energy in Canada. Il CEO Alexey Miller ha affermato che le sanzioni stanno impedendo all’azienda di riavere l’attrezzatura. La Germania ha respinto tale spiegazione come “infondata”. Ha notato che l’azienda ha molte attrezzature per il gasdotto che dovrebbe subire un’importante manutenzione il mese prossimo e ha criticato Siemens per essere stata “silenziosa” sulla questione. Le società europee, tra cui l’italiana ENI, l’austriaca OMV e la tedesca Uniper, hanno riportato cali significativi nella fornitura di gas russo mercoledì e giovedì. Oggi il Cremlino ha affermato che la riduzione dell’offerta non è stata premeditata. (Fonte: Reuters)

LA FRANCIA RICEVE SOLO IL 17% DI GAS DEL FLUSSO ORIGINARIO
La Francia riceve circa il 17% del suo gas dalla Russia attraverso i collegamenti di rete con la Germania. Gazprom ha affermato che le riduzioni delle forniture attraverso il gasdotto Nord Stream sono il risultato di lavori di riparazione a carico della tedesca Siemens, ma i funzionari dell’UE ritengono che Mosca stia punendo gli alleati dell’Ucraina, dove le forze russe hanno lanciato un’invasione a febbraio. Le forniture erano già state ridotte del 60 per cento dall’inizio di quest’anno, provocando un’impennata dei prezzi. GRTgaz afferma, però, che al momento non vi sono rischi per le forniture francesi, con le riserve al 56% della capacità rispetto al 50% normalmente di giugno. (Fonte: The Local France)

Le ridotte forniture di gas naturale dalla Russia stanno costringendo le utility europee ad aprire forniture che vengono generalmente utilizzate durante l’alta stagione invernale. Secondo il consulente Wood Mackenzie Ltd, l’Europa rischia di esaurire le riserve di gas naturale nel bel mezzo del picco della domanda invernale se le forniture russe attraverso il gasdotto critico vengono completamente interrotte.
Nel peggiore dei casi, quando il gasdotto Nord Stream verso la Germania sarà completamente chiuso, l’Europa non sarà in grado di raggiungere il livello di stoccaggio che l’Unione Europea ha ordinato per l’inizio della stagione di riscaldamento a novembre. E la regione potrebbe esaurire le forniture entro gennaio, ha affermato in una e-mail Massimo Di Odoardo, vicepresidente della ricerca gas e GNL di WoodMac.
“Anche con le contromisure, potrebbe essere inevitabile che sarà necessario un certo razionamento della domanda”, ha avvertito Di Odoardo.
Nel peggiore dei casi, “verrà sicuramente importato più GNL, anche se questo sarà limitato dalla disponibilità di capacità di rigassificazione, che sta già operando quasi a pieno regime”, ha affermato Di Odoardo. Ciò apre la possibilità che possa essere necessaria una qualche forma di razionamento della domanda, ha affermato. (fonte Bloomberg )

VP News

 

 

Exit mobile version