La Russia sta cercando di riabilitare completamente il giacimento petrolifero di Raqqa

La Russia sta cercando di riabilitare completamente il giacimento petrolifero di Raqqa 2

Giovedì, le forze del Quinto Corpo corazzato sostenuto dalla Russia, hanno iniziato il processo di equipaggiamento con armamento pesante nella base militare sita nelle vicinanze del giacimento petrolifero di Al-Thawra nelle profondità del deserto di Raqqa nella campagna meridionale, secondo secondo la rete locale “Ain Al -Furat “.

La rete ha affermato che l’obiettivo dell’operazione è fornire protezione al campo e all’area circostante per avviare un processo di completo ripristino del giacimento petrolifero ad opera dell’esercito siriano e degli esperti russi.

Il processo di riabilitazione del giacimento petrolifero Thawra servirà ad alleviare la pressione della crisi del carburante, che affligge le aree sotto il controllo governativo dall’inizio di quest’anno ed è aumentata negli ultimi tre mesi.

Le forze russe hanno stabilito una loro base militare all’interno del campo, in collaborazione con l’esercito siriano, e c’è anche un gruppo di milizie iraniane, ma le forze russe hanno fortificato la loro base con barricate artificiali e barricate militari.

Ain Al -Furat ha indicato che ci sono 185 soldati russi e 12 ufficiali ed esperti all’interno della base, oltre a un certo numero di veicoli corazzati pesanti, veicoli per il trasporto di truppe, carri armati e artiglieria russa, e c’è una sala per le operazioni militari tra le forze del regime e il Forze russe.

pozzo di petrolio siriano

Il 16 giugno 2017 l’esercito siriano, dopo aver respinto un attacco dell’Isis sulle posizioni appena occupate, aveva lasciato il giacimento petrolifero di Al Taura, il complesso residenziale di Al Taura e una stazione di pompaggio.

Il 16 marzo 2021, l’esercito russo ha preso il controllo dell’impianto petrolifero di Al Taura nel sud-ovest del governatorato di Raqqa, nel nord-est della Siria, dopo il ritiro delle milizie Liwa Fatemiyun sostenute dall’Iran.
L’impianto petrolifero produce attualmente 2.000 barili di petrolio al giorno, ma nel 2010 ne produceva 6.000.

I militari russi sorvegliano anche il giacimento di gas di Tuyinane nell’area rurale di Raqqa. Il giacimento di gas di Tuneynan è controllato da milizie filo-iraniane ed è gestito da HESCO. Produce circa 3 milioni di metri cubi di gas naturale al giorno, 60 tonnellate di gas domestico e duemila barili di gas condensato.

I più grandi giacimenti di Deir ez-Zor – Al-Tanak, Al-Omar e Deiro, sono rimasti sotto il controllo delle forze curde E si trovano sul versante orientale dell’Eufrate.

Questi impianti petroliferi sono occupati dall’esercito statunitense che assicurano l’esportazione del petrolio in Iraq, sottraendo questa preziosa risorsa alla Siria. Allo stesso modo, il giacimento petrolifero Hasaki Rmeilan, che comprende oltre 1.322 pozzi di petrolio e 25 pozzi di gas naturale, è controllato dalle SDF filo-USA.

@vietatoparlare

Exit mobile version