La Russia cerca di fermare l’espansione della NATO, non di annettere più territorio

Da Indian Punchline – un sito indiano incentrato sulla politica di sicurezza , si scopre che i documenti che impegnavano gli Stati Uniti a non mettere le proprie forze sull’uscio di casa della Russia – esistono, sono stati desecretati e disponibili online. Inoltre, è chiaro che la Nato ha come movente solo la sua stessa esistenza, ove se non avesse un nemico all’altezza, scomparirebbe. E’ per questo che la Nato cerca a tutti i costi tensioni creandole e non rinuncia ad ulteriori espansioni ad est. Sono cose sotto gli occhi di tutti e solo la disinformazione generalizzata riesce a tenere la prua diritta.
Perciò di questi tempi dire la verità è eroico.

26 dicembre 2021 – BY M. K. BHADRAKUMAR “Putin hints at military options in Ukraine”

La televisione di stato Rossiya 1 di Mosca ha trasmesso oggi venerdì la conferenza stampa annuale del presidente Vladimir Putin. Trasmette un quadro molto più completo della grave crisi che si sta preparando nelle relazioni russo-americane rispetto a quello che gli estratti dei media russi hanno cercato di trasmettere durante il fine settimana.

Putin ha, per la prima volta,  esplicitamente avvertito che se gli Stati Uniti e la NATO rifiutano di fornire le garanzie di sicurezza richieste da Mosca, il suo futuro corso d’azione sarà guidato esclusivamente dalle “proposte che i nostri esperti militari mi faranno”. Chiaramente, non c’è più spazio di manovra a sinistra.

Questo è tutt’altro che il cliché della Casa Bianca secondo cui “tutte le opzioni sono sul tavolo” quando Washington è intervenuta in Venezuela o in Siria. Putin implica che, poiché qui sono coinvolte questioni fondamentali della difesa nazionale russa, le considerazioni militari regneranno sovrane.

Vale a dire, la Russia non può accettare l’espansione verso est della NATO e gli schieramenti statunitensi in Ucraina e altrove nell’Europa orientale o la creazione di stati anti-russi lungo i suoi confini. E la Russia si aspetta “di raggiungere un risultato legalmente vincolante dei colloqui diplomatici sui documenti”. 

Non sorprende che Putin abbia anche affermato che la Russia cercherà di ottenere un risultato positivo nei colloqui sulle garanzie di sicurezza.  Mosca chiede un incontro anticipato . È interessante notare che il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha sottolineato che Mosca non sta cercando un incontro presidenziale tra Vladimir Putin e Joe Biden. 

È bassa la probabilità che gli Stati Uniti accettino di fornire una garanzia di sicurezza alla Russia in termini legalmente vincolanti. Ci sono ostacoli sulla strada. Tanto per cominciare, Biden semplicemente non ha il capitale politico per portare il Congresso lungo un percorso conciliativo verso la normalizzazione con la Russia. È difficile raggiungere un consenso anche tra gli alleati europei degli Stati Uniti sulla delicata questione dell’espansione della NATO, ovvero, supponendo che Washington sia suscettibile alle richieste della Russia (cosa che non è). 

Il ministero degli Esteri russo ha avvertito ieri che non solo Ucraina e Georgia, ma una possibile inclusione di Svezia e Finlandia nella NATO avrà anche conseguenze militari e politiche “serie” che Mosca non lascerà senza risposta. In poche parole, la Russia si aspetta che gli Stati Uniti e i suoi alleati mantengano l’assicurazione data a Mikhail Gorbaciov nel 1990 che la NATO non si espanderà “di un pollice” ulteriormente. ( RT ha pubblicato sabato i relativi  documenti declassificati .) 

Tuttavia, il nocciolo della questione è che subito dopo la debacle in Afghanistan, il ritiro della NATO dall’Ucraina intaccherà irrimediabilmente la sua credibilità. In effetti, la NATO potrebbe appassire se smette di espandersi. A meno che la NATO non possa concentrarsi su un “nemico”, perde l’ormeggio e manca di una  ragion d’essere per la sua stessa esistenza. Il sistema transatlantico sarà allo sbando se la NATO inizia ad andare alla deriva. E la NATO sembra essere il foglio di ancoraggio delle strategie globali degli Stati Uniti. È così semplice.

Per quanto riguarda l’Ucraina, l’Occidente ha morso più di quanto potesse masticare quando la CIA ha organizzato un colpo di stato nel 2014 a Kiev per rovesciare il governo eletto del presidente Viktor Yanukovich e farlo sostituire da un assetto pro-USA. L’agenda del cambio di regime è stata spinta senza una reale comprensione del fatto che l’Ucraina di oggi è un paese ma non una nazione.

L’Ucraina è stata la creazione di Josef Stalin. In un brillante saggio della scorsa settimana, intitolato Ukraine: Tragedy of a Nation Divided , l’ambasciatore Jack Matlock, l’inviato americano a Mosca che ha svolto un ruolo fondamentale come confidente di Ronald Reagan e Gorbaciov nel negoziare la fine della Guerra Fredda, aveva preavvisato che L’Ucraina non avrebbe futuro senza l’aiuto della Russia. 

D’altra parte, il Deep State negli Stati Uniti e ampi settori dell’establishment della politica estera e di sicurezza nella Beltway hanno nutrito fantasie secondo cui la CIA può intrappolare la Russia in un pantano in Ucraina. La scorsa settimana, David Ignatius al Washington Post ha scritto una colonna   minacciando Mosca che dovrà affrontare una guerriglia in piena regola sostenuta dagli Stati Uniti se avesse osato intervenire militarmente in Ucraina. Il saggio di Matlock sarà una doccia fredda per questi sognatori ad occhi aperti. 

Il problema principale qui è che Biden si trova personalmente in difficoltà. Biden ha avuto un ruolo concreto nel progetto di cambio di regime in Ucraina. Se il presidente Obama ha delegato il lavoro sporco a Biden o quest’ultimo glielo ha chiesto, non lo sapremo mai.   Basti dire che Biden deve assumersi oggi la responsabilità del disordine in Ucraina, che si è trasformata in una cleptocrazia, un bastione di neonazisti, un caso disperato e un pozzo nero di venalità e depravazione.

Un passo falso e l’Europa avrà un flusso di rifugiati da quel paese (popolazione: 45 milioni) di proporzioni così massicce proprio alle sue porte che la Siria sembrerà un picnic – e questo, in un momento in cui il fantasma della Jugoslavia sta inseguendo i Balcani . 

Allo stesso modo, dato il suo passato di ardente sostenitore della strategia di contenimento di Obama contro la Russia, sarebbe un boccone amaro da ingoiare per Biden se dovesse essere il leader occidentale scelto dal destino per sottoscrivere la sicurezza nazionale della Russia. E anche questo, con Vladimir Putin alla guida degli affari al Cremlino, un leader verso il quale Obama e Hillary Clinton nutrivano un odio viscerale.

Lo stesso Biden ha a malapena nascosto la sua antipatia per il leader russo. Biden ha portato nella sua presidenza come suo team di politica estera persone note per essere russofobe.  Il sottosegretario di Stato in carica Victoria Nuland è stato personalmente coinvolto nel cambio di regime a Kiev nel 2014 ed è oggi responsabile delle politiche sull’Ucraina. 

I protagonisti a Washington sono stati deliranti. Fondamentalmente, immaginavano che la Russia fosse una potenza in declino , un paese spezzato, imbronciato e petulante, nostalgico del suo piedistallo di superpotenza. Le terribili profezie sul collasso russo hanno lasciato il posto tardivamente a una riluttante accettazione del fatto che la Russia sia una potenza persistente. La rinascita della Russia ha colto di sorpresa l’Occidente.

Il potenziamento delle forze nucleari e convenzionali della Russia sotto Putin ha prodotto risultati sorprendentemente impressionanti. Putin ha ripristinato l’orgoglio della nazione di essere “l’erede di un’identità antica e duratura – forgiata durante il periodo di Pietro il Grande e persistente durante l’era sovietica – come uno dei principali attori sulla scena internazionale” – per citare un commento di Andrew Latham, professore americano di relazioni internazionali, dal titolo I rapporti sul declino della Russia sono molto esagerati .

Perché una tale crisi in questo momento? Il nocciolo della questione è che gli Stati Uniti hanno deciso che devono prima tarpare le ali alla Russia prima di affrontare la Cina. Sebbene non vi sia alcuna alleanza militare formale tra Mosca e Pechino, la Russia fornisce “profondità strategica” alla Cina semplicemente essendo una grande potenza che persegue politiche estere indipendenti e condividendo una visione alternativa al cosiddetto ordine internazionale liberale in termini di un ordine mondiale democratizzato sulla base della Carta delle Nazioni Unite e del multipolarismo.  Le relazioni Russia-Cina sono oggi ai massimi livelli nella storia. 

Il pragmatismo dell’élite russa è legione. A quanto pare gli americani pensavano che il Cremlino potesse essere placato in qualche modo. Le dichiarazioni di Putin devono essere state un brusco shock. Il punto è che le richieste massimaliste della Russia e la posizione minimalista sono la stessa cosa. Ciò non lascia alcuno spazio di manovra anche a un politico consumato come Biden. 

“Non abbiamo un posto dove ritirarci”, ha detto Putin, aggiungendo che la NATO potrebbe schierare missili in Ucraina che impiegherebbero solo quattro o cinque minuti per raggiungere Mosca. “Ci hanno spinto a una linea che non possiamo superare. Lo hanno portato al punto in cui dobbiamo semplicemente dire loro: ‘Stop!’” 

Fonte: Punchline indiano (https://www.indianpunchline.com/putin-hints-at-military-options-in-ukraine/)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.