La protesta a Cuba scatenata principalmente per il blocco statunitense

A Cuba, le tensioni latenti si sono riversate anche nelle proteste. migliaia di “cubani sono scesi in piazza … per protestare contro la mancanza di cibo e la carenza di vaccini contro il Covid-19”. I cubani stanno registrando “la loro opposizione alle ricadute economiche del Covid-19 … diffuse carenze di cibo e medicine e numerosi blackout giornalieri dovuti alla mancanza di energia elettrica”.

I disordini a Cuba corrispondono ai disordini in Sudafrica, parte della tensione latente nel sud del mondo. Le radici sono le stesse.

Tuttavia, nonostante i travagli economici indotti dalla pandemia di Cuba e il conseguente malessere politico che si adatta a un modello in tutto il sud globale, esacerbato nel caso di Cuba da sei decenni di strangolamento economico degli Stati Uniti,i media occidentali definiscono “i disordini di Cuba” come inquadratura della “grande lotta del mondo: dittatori contro democrazie”.

E’ credibile? l’articolo che segue tratto dalla pubblicazione “La Progressive”, cerca di rispondere questa domanda, presentando elementi e fatti.

@vietatoparlare


Le proteste sono scoppiate in varie città cubane il fine settimana dell’11 luglio a causa delle terribili condizioni economiche e dell’aumento dei casi di Covid-19. Sono le più grandi proteste che hanno colpito Cuba negli ultimi tre decenni e potrebbero continuare nelle prossime settimane. Arrivano sulla scia delle proteste degli artisti all’Avana alla fine del 2020 e si sono estesi in molte parti dell’isola. Ma la loro portata è stata esagerata dalla stampa occidentale e dai cubano-La protesta a Cuba scatenata   americani che da 60 anni prevedono l’imminente caduta del governo cubano.

I media come il New York Times hanno scritto di ” centinaia di cubani ” mentre Reuters li ha descritti come migliaia . In entrambi i casi, Cuba ha una popolazione di 11 milioni di persone. Le proteste impallidiscono in confronto, sia in termini di affluenza che di repressione statale, alle mobilitazioni di massa che hanno scosso Colombia, Haiti, Cile, Ecuador e altri paesi dell’America Latina negli ultimi anni, o anche Portland, Oregon, o Ferguson, Missouri . Inoltre, i media statunitensi hanno prestato poca attenzione ai contro manifestanti, che sono scesi in piazza per esprimere il loro sostegno al governo e alla Rivoluzione cubana. Tra questi il ​​presidente cubano Miguel Díaz-Canel, che ha marciato per le strade dell’Avana dopo aver denunciato le proteste come un tentativo di “fratturare l’unità del popolo”.

Le proteste vanno intese anche nel contesto di una brutale guerra economica condotta dagli Stati Uniti contro la nazione insulare da oltre 60 anni. Questo è stato chiaramente affermato dal vice segretario di Stato americano nel 1960, quando ha chiesto esplicitamente di “negare denaro e forniture a Cuba, ridurre i salari monetari e reali, provocare fame, disperazione e rovesciamento del governo”. Questa strategia ha fallito nel suo obiettivo di cambio di regime per decenni ed è improbabile che abbia successo ora.

Non si può negare che i cubani stanno affrontando condizioni molto gravi in ​​questo momento. Il Paese è stato colpito da blackout, così come dalla carenza di medicine, cibo e altri beni di prima necessità. La scarsità di cibo non ha portato alla fame o alla carestia, ma le persone devono aspettare in lunghe file per ottenere beni, spesso a prezzi gonfiati, e la loro dieta è estremamente limitata.

In termini di salute, anche i medicinali di base e le attrezzature come le siringhe sono difficili da reperire. Inoltre, c’è stato un aumento dei casi di Covid-19, in particolare nella città di Matanzas. Tuttavia, anche questa ondata, per quanto onerosa per la gente di Matanzas, dovrebbe essere tenuta in prospettiva. Cuba, una nazione di circa 11 milioni di persone, ha avuto meno di 240.000 casi di Covid-19 e 1.537 morti. In confronto, l’Ohio, che ha una popolazione di dimensioni simili, ha avuto 1,1 milioni di casi e più di 20.000 morti.

Nonostante le carenze, le politiche sanitarie cubane hanno protetto la popolazione dal peggio della pandemia. Con 139 decessi per Covid-19 per milione di abitanti, Cuba si colloca tra i migliori paesi dell’emisfero, a miglia di distanza dai 1.871 decessi per milione negli Stati Uniti. Inoltre, Cuba ha già dimostrato che due dei cinque vaccini Covid-19 che sta sviluppando hanno successo nella prevenzione delle infezioni da coronavirus e ha vaccinato oltre due milioni di persone con i loro vaccini prodotti localmente.

Le carenze vengono utilizzate dai sostenitori del cambio di regime per accusare il governo cubano di deludere i suoi cittadini. Anche la Casa Bianca di Biden ha invitato le autorità cubane a “ascoltare la loro gente e servire i loro bisogni in questo momento vitale piuttosto che arricchirsi”. Non è chiaro chi secondo Biden si sia “arricchito” a Cuba, ma qualsiasi critica a Cuba che non includa un’analisi approfondita del blocco statunitense condannato a livello internazionale mancherà il fattore più importante del motivo per cui i cubani stanno attualmente attraversando tali difficoltà.

Sebbene il blocco sia in vigore da oltre sei decenni, è stato inasprito in modo significativo sotto la politica di ” massima pressione ” dell’amministrazione Trump . Questa strategia ha preso di mira il turismo, l’energia e altri settori economici chiave di Cuba. Ha persino limitato le quantità di denaro che i cubani americani possono inviare a casa e ha chiuso le filiali cubane della Western Union, il principale veicolo per l’invio delle rimesse. Queste politiche hanno avuto un impatto disastroso sull’economia cubana, soprattutto quando la chiusura dell’industria turistica causata dal Covid ha privato l’isola di miliardi di dollari e migliaia di posti di lavoro. Da parte sua, l’amministrazione Biden ha “rivisto” la sua politica su Cuba per sei mesi, continuando nel contempo la strategia di guerra economica di Trump che è progettata proprio per creare le carenze che stanno vivendo i cubani.

La guerra economica degli Stati Uniti su Cuba è sempre stata accompagnata da altre strategie per rovesciare il governo cubano. Questi includono tentativi di assassinio, sostegno ai terroristi (come Luis Posada Carriles , che fece esplodere un aereo di linea cubano nel 1976, uccidendo 73 persone), un tentativo di invasione e milioni di dollari spesi per il “soft power”. Ad esempio, l’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) spende circa 20 milioni di dollari l’anno per finanziare gruppi dissidenti a Cuba. L’Office of Cuba Broadcasting, finanziato dagli Stati Uniti, che gestisce le reti di opposizione Radio e TV Martí, ha oltre 100 dipendenti e un budget annuale di circa 28 milioni di dollari, trasmettendo un flusso infinito di propaganda antigovernativa.

Questa propaganda si estende ai social media, dove l’hashtag #SOSCuba ha iniziato a fare tendenza in Florida giorni prima dell’inizio delle proteste. Ciò suggerisce che ci sia stata una campagna coordinata per colpire il governo cubano e incolparlo delle difficoltà che il popolo cubano sta affrontando. Ricorda anche uno scandalo scoppiato nel 2020, quando si scoprì che CLS Strategies , una società con legami con il Dipartimento di Stato, aveva inondato i social network di false notizie dannose sui governi di sinistra in America Latina.

Questa campagna sui social media sembra funzionare, ma non a Cuba. Invece, ha irritato la lobby anti-cubana e i suoi sostenitori in Florida. Il sindaco di Miami Francis Suarez è arrivato al punto di chiedere l’ intervento degli Stati Uniti . La verità è che ciò che accade in Florida avrà probabilmente un impatto maggiore sul popolo cubano rispetto a ciò che accade a Cuba stessa

Sebbene sia molto improbabile che le proteste rovescino il governo cubano, potrebbero avere il potenziale per interrompere importanti progressi compiuti per fare pressione sull’amministrazione Biden affinché revochi le sanzioni dell’era Trump e si impegni nuovamente con Cuba, proprio come ha fatto l’amministrazione Obama. Ad esempio, a marzo, 80 membri della Camera dei rappresentanti hanno inviato una lettera al presidente Biden esortandolo a porre fine senza indugio alle restrizioni sui viaggi e alle rimesse. In questo momento, un gruppo di cubano americani, guidati dall’insegnante di scuola superiore e veterano di guerra Carlos Lazo , sta camminando da Miami a Washington, DC, per chiedere la fine dell’embargo. E come parte di questa pressione anti-blocco, migliaia di americani hanno donato circa $ 500.000 per acquistare siringhe per le vaccinazioni contro il Covid-19 a Cuba.

Questa pressione di base e politica potrebbe essere deragliata da un’agenda di destra che cercherà di punire ulteriormente i cubani in nome della loro salvezza. Non sarebbe sorprendente vedere il presidente Biden cedere a destra e mantenere le crudeli sanzioni. A giudicare dalla dichiarazione della Casa Bianca, il presidente Biden sta anteponendo calcoli politici grossolani che riguardano la politica interna al benessere di 11 milioni di cubani.

Ma continuando le sanzioni, Biden potrebbe trovarsi ad affrontare una crisi migratoria cubana. Negli ultimi mesi, la Guardia Costiera degli Stati Uniti ha segnalato un aumento del numero di gommoni che navigano da Cuba alla Florida. Quasi 500 aspiranti migranti sono stati rimandati a Cuba dalle autorità statunitensi nel 2021, rispetto alle 49 persone dell’anno scorso . Finché l’economia cubana continuerà ad essere colpita dalle sanzioni statunitensi, più cubani tenteranno il pericoloso viaggio all’estero. Questo ha il potenziale per diventare una crisi che danneggerà l’amministrazione Biden, data la sua recente attenzione a scoraggiare la migrazione.

Con un tratto di penna, Biden potrebbe revocare tutte le misure coercitive che Trump ha messo in atto. Ciò salverebbe vite cubane e potrebbe iniziare a riportare la politica estera di Biden sulla strada più diplomatica che Obama ha finalmente iniziato ad abbracciare nel suo secondo mandato, ma che Biden ha finora rifiutato nei confronti di Cuba, Venezuela, Iran, Cina e altri aree problematiche inflitte alla politica estera degli Stati Uniti.

Medea Benjamin e Leonardo Flores  (https://www.laprogressive.com/us)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.