La Polonia è accusata di mancanza di democrazia perchè non abbraccia la propaganda Lcbt

Il segretario di Stato americano – sotto Bill Clinton – , Madeleine Albright, ha rilasciato una lunga intervista al canale TVN polacco (vedi qui ). L’occasione è stata il 20° anniversario dell’emittente, TVN24 ha pubblicato il primo episodio della serie “Conversazioni per il 20° anniversario” in cui ha invitato grandi personalità della politica mondiale, della cultura, della scienza e dello sport che raramente rilasciano interviste.

La prima ospite è stata, appunto, Madeleine Albright L’ex  segretario di Stato di Bill Clinton è stata la prima donna a capo della diplomazia americana. L’intervista è stata condotta da Piotr Marciniak, che l’aveva già incontrata una volta nel 2005.

Il principale dato che è emerso è che l’ex politico USA assimila la democrazia con la difesa e la promozione dell’agenda Lcbt. Infatti durante la trasmissione ha criticato il governo polacco legittimamente eletto, di aver ostacolato “la creazione della democrazia”. Per “democrazia” l’ex politico americano intende l’imposizione di “valori LGBT”.

Piotr Marciniak ha osservato che “i conservatori in Polonia, Europa e America sostengono che l’Occidente – senza il cristianesimo tradizionalmente compreso, senza una famiglia tradizionale, senza valori nazionali, –   è privo di valori, debole e senza futuro”, e dicono “non possiamo più sentirci a casa nello spazio pubblico a causa di questo linguaggio di genere, dell’ideologia LGBT – come dicono loro – e dei gay pride”; dicono che “è una nuova correttezza politica che è inconsistente con la loro moralità e limita la loro libertà.”

Non sono assolutamente d’accordo con questo! – ha risposto Albright, commentando il conservatorismo della Polonia in materia di valori della famiglia cristiana. – È terribile per me quando qualcuno discrimina diversi gruppi di persone, perché la nostra costituzione parla di libertà di religione o libertà di espressione. Questo è un modo per minare la forza delle persone. Tutti vogliamo sapere da dove veniamo e chi siamo, ma se questo si trasforma in odio di un gruppo per un altro, assume caratteristiche sia molto autoritarie che fasciste”.

L’ex segretario di Stato americano ha affermato di essere “molto delusa dalla situazione in Polonia”.

@vietatoparlare

Exit mobile version