La più lunga guerra nella storia statunitense: migliaia morti, peggiora e non è in vista la fine

[ad_1]

Di Rachel Blevins

Il 7 ottobre 16 anni fa, meno di un mese dopo l’11 settembre, il presidente George W. Bush in un intervento televisivo dalla Casa Bianca ha annunciato l’inizio della guerra in Afghanistan.

“Sui miei ordini, gli Stati Uniti hanno iniziato attacchi aerei contro i campi di addestramento terroristici al-Qaeda e gli impianti militari del regime talebano in Afghanistan”, ha detto.

Ciò che Bush non ha detto però  è stato il fatto che la guerra in Afghanistan sarebbe diventata la guerra più lunga nella storia degli Stati Uniti. Migliaia di vite americane e miliardi di dollari dei contribuenti sarebbero stati sprecati a spese della macchina da guerra statunitense e la “guerra al terrorismo”avrebbe avuto come conseguenza solo la crescita di un gran numero di terrorismi.

Più di 31.000 decessi di civili sono stati documentati in Afghanistan dopo l’invasione statunitense. Va notato che negli ultimi anni le morti civili sono aumentate notevolmente, il che serve a ricordare che la situazione sta solo peggiorando.

La missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan ha iniziato a documentare le vittime civili nel 2009. Il numero combinato di civili uccisi e feriti quell’anno era quasi 6.000. Il numero è costantemente aumentato nel corso degli anni e nel 2016 ha raggiunto un livello record con quasi 3.500 uccisi e quasi 8.000 feriti.

afghan civilian casualties

Un rapporto dell’UNAMA ha rilevato che nel 2017 il tasso di mortalità per i bambini è aumentato del 9% rispetto all’anno precedente e il tasso di mortalità per le donne è aumentato del 23%. Il rapporto ha inoltre affermato che un aumento degli attacchi aerei ha portato ad un aumento del 43% degli attacchi.

Prima che gli Stati Uniti invasero l’Afghanistan, la produzione di papaveri di oppio era significativamente più bassa, grazie ai talebani. Non solo la presenza delle forze armate statunitensi ha portato ad un aumento della produzione di oppio – perché i marines degli Stati Uniti controllavano letteralmente campi di piante di papavero – ha portato ad un drastico aumento che ha fatto meraviglie per il commercio illegale di droga.

Secondo un rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite sulle droghe e il crimine, tra il 2015 e il 2016, la produzione di oppio in Afghanistan è aumentata del 43 per cento e l’area utilizzata per coltivare l’impianto di papavero è aumentata del 10 per cento a 201 mila ettari. In risposta alla relazione, il direttore esecutivo dell’UNODC Yury Fedotov ha dichiarato che le cifre rivelava “una preoccupante inversione negli sforzi”.

Dopo 16 anni di guerra e un prezzo di oltre 1 trilione di dollari , gli Stati Uniti non solo hanno aiutato l’Afghanistan a diventare il più grande produttore di oppio nel mondo, ma hanno assicurato che il paese devastato dalla guerra producesse circa il 90 per cento dell’offerta di oppio del mondo .

Quando l’ex presidente Obama si è presentato in carica per le elezioni del 2008, ha anticipato la promessa di cessare la guerra in Afghanistan, che è stata apprezzata da con un certo numero di americani che speravano che un nuovo volto nell’ufficio ovale avrebbe portato il “cambiamento” necessario  alla fine della conclusione della guerra.

Tuttavia, mentre Obama ha promesso di porre fine alla guerra e invece l’ha aumentata, il presidente Trump è stato molto più sconcertato del fatto che la guerra in Afghanistan non è finita presto , e così gli Stati Uniti adesso non hanno una strategia in mente, che includeda un’uscita.

Oggi quella dell’Afganistan è la più lunga  guerra degli Stati Uniti ed è durata 16 anni. I nuovi reclutamenti militari degli  USA avranno l’opportunità di combattere in una guerra che continua fino a quando sono nati. Mentre ci sono molti americani che sostengono il concetto di intervento militare, inclusi in paesi che non hanno fatto nulla agli Stati Uniti, si dovrebbero anche  chiedere perché gli Stati Uniti continuino a combattere una guerra che ha solo creato un aumento del terrorismo, morti innocenti civili e produzione di droga illegale.

Rachel Blevins è un giornalista in Texas che aspira a rompere il paradigma sinistro / destro nei media e nella politica perseguendo la verità e interrogando le narrazioni esistenti. Segui Rachel su Facebook , Twitter e YouTube . Questo articolo è apparso per la prima volta al progetto Free Thought Project .

[ad_2]

collegamento di origine

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.